Banner
Banner

. Pubblicato in Articoli sul Marsala

Monica Larner corrispondente dall'Italia per Wine Enthusiast: "La gente non ricorda più che si tratta di un vino. È diventato solo un ingrediente come un altro. Comunicazione assente, temo che bisogna ripartire da zero"

"Il Marsala negli Usa
lo cercano
tra le spezie"

"Negli Stati Uniti il Marsala non è più ricordato come un vino già da decenni. Per il consumatore è un ingrediente comune da cucina. Tant'è che al supermercato lo si cerca nel settore delle spezie". Monica Larner, giornalista enogastronomica Usa e corrispondente dall'Italia per Wine Enthusiast Magazine è tranchant nel suo giudizio.

Ci dica del Marsala negli Stati Uniti. Si beve?
"Premetto che non sono una tecnica del Marsala. Posso però dire che negli Usa non vive da tempo un bel periodo. La gente non lo beve. È solo un aromatizzante per pietanze".

Si trova nei supermercati?
"Certo, è venduto in tutti i supermercati. E la cosa paradossale è che la gente va a cercarlo nel reparto delle spezie e non in quello dell'alcool o dei vini, proprio perché per loro non è un vino ma un ingrediente di cucina. Si è dimenticato che è un Marsala".

Come mai?
"Perché non viene comunicato. Anzi, devo dire che non ho mai visto una comunicazione che promuove il vino Marsala, o che spiega la differenza tra i vari Marsala, tra quello Superiore e le tipologie base che si trovano sullo scaffale. La gente oggi non beve Marsala perché non conosce il Marsala, non sa che si beve. Non è mai stato suggerito al consumatore medio come berlo, con quale cibo accompagnarlo. Viene usato nel cibo e basta".

E se comunicato potrebbe avere successo presso il pubblico?
"È un vino che può piacere ad una nicchia. E poi si è persa la cultura del bere per quanto riguarda questi vini. Adesso è il momento di quelli più leggeri e meno alcolici. Il Marsala è forte e deciso. Facendo un paragone con il Porto, negli States quest’ultimo vino ha un più facile successo nell'abbinamento con il cibo, perché anche se alcolico è più morbido, più vellutato".

Cosa si dovrebbe fare per rilanciarlo?
"Intanto il disciplinare dovrebbe prevedere più restrizioni di qualità e tutelare il valore aggiunto dei Marsala Superiore o Vergine. E poi, soprattutto, comunicare la tradizione di questo vino, come può essere piacevole con certi cibi e perché, comunicarlo in quanto vino. Il Marsala è un piccolo gioiello e la gente lo deve percepire così, sentirne il pregio".

Lei lo beve?
"Certamente, mi piacciono tutte e due le tipologie pregiate. Ma questo perché ho potuto comprenderlo, grazie alle visite alle cantine a Marsala, ho visto da vicino la loro realtà, come lo fanno e questo è stato determinante per apprezzarlo".

Manuela Laiacona

Tags:
Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Video/1

Video/2

Video/3

Facebook Fan Box

Banner
Banner

Ultimi commenti

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Isidoro La Lumia, 98
90139 Palermo
tel. 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Marina V. Carrera
Roberto Chifari
Daniela Corso
Ilaria de Lillo
Lorella Di Giovanni
Alessandra Flavetta
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Stefania Giuffrè

Francesca Landolina
Federico Latteri
Clara Minissale
Giovanni Paternò
Geraldine Pedrotti
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Mauro Ricci
Giorgio Romeo
Rosa Russo
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

Area Riservata