Banner
Banner
Banner
02
Mar

Vino della settimana: Nonò di Costantino

on 02 Marzo 2013. Pubblicato in Il vino della settimana

Petit Verdot e Cabernet Sauvignon.

Nel secolo scorso Giuseppe Costantino con 6 ettari di vigneto e una minuscola cantina cominciò a vendere il vino prodotto da vitigni autoctoni. Nel tempo gli ettari aumentarono con Onofrio detto amichevolmente Nonò fino ad arrivare con Leonardo a 55. Accanto agli autoctoni sono impiantati i classici internazionali mentre Leonardo visitando vigneti di amici nel profondo nord si innamora del Müller Thurgau e del Petit Verdot, per cui con la consulenza degli agronomi ne impianta rispettivamente 8 e 3,5 ettari. Siamo in territorio di Partinico a 250-300 metri e di Monreale nelle contrade Bommarito e Guastella a 400-500 metri. La conduzione in campagna è praticamente biologica in quanto gli unici trattamenti sono a base di zolfo e calce.
Nel 2008 si realizza la cantina moderna con tutti i processi termocontrollati ed ormai la produzione si attesta sulle 200.000 bottiglie destinate al mercato nazionale con apertura verso la Polonia, gli USA e la Germania.

Il Petit Verdot è un vitigno originario della Francia, della regione del Medoc, a nord di Bordeaux, in sinistra del fiume Gironda. E' una regione tipicamente viticola e il Petit Verdot viene utilizzato, in varie percentuali, negli assemblaggi di alcuni Bordeaux assieme al Merlot e al Cabernet, perché dona al vino un tocco di complessità; ha buccia spessa e può produrre vini tannici, concentrati, ricchi di colore a maturazione. Purtroppo ha un difetto: matura tardi per cui in molte annate non arrivava al corretto sviluppo, quindi pian piano è stato utilizzato sempre meno nella regione d'origine. Ha però il pregio di dare ottimi risultati in zone caratterizzate da clima caldo, molto soleggiato, costantemente ventilato e con scarsissime precipitazioni durante la fase vegetativa, per cui si è ambientato perfettamente in Sicilia
Del Cabernet Sauvignon, il re dei vitigni non perchè dia i vini migliori in assoluto ma per la sua capacità di adattarsi bene in tutti i continenti per cui è diventato il più diffuso, potete leggere di più qui.
 
Le uve per il Nonò, che costituisce il top aziendale, hanno una produzione di soli 50-60 q/ha e sono vendemmiate nella prima decade di ottobre. Dopo il diraspamento macerano per 15 giorni a temperatura controllata inoculate con lieviti selezionati, poi pressatura soffice, svinatura e malolattica naturale. Il vino riposa per 2 mesi  in tonneaux da 500 litri e successivamente in acciaio per altri 10. Filtrazione lieve e dopo l'imbottigliamento un ulteriore riposo di almeno 2 mesi. Solamente questa etichetta fa legno, anche se poco, tutte le altre solo acciaio.

Nel calice un colore rubino impenetrabile non particolarmente brillante. Al naso la prima impressione è di frutta acerba che si manifesta poi con i frutti rossi, la prugna, note minerali, speziate e poco balsamiche. In bocca è particolare, si distingue, la avvolge come un vino fruttato che però si va rafforzando diventando complesso e di corpo con un buon equilibrio tra acidità e tannini delicati, amabili ma evidenti; sa di vino fresco, piacevolmente giovane. Il primo imbottigliamento è dell'annata 2010 che degustiamo.
 
Sono 4.000 bottiglie con 14° alcolici che si abbinano facilmente sia con piatti non impegnativi che con pietanze più elaborate. Noi l'abbiamo accompagnato ad una minestra di fagioli, ad una bistecca panata, ad una mozzarella DOP. Costo euro 24.

Azienda Agricola Costantino
Contrada Raccuglia
90047 Partinico
tel. 0918781768
www.aziendagricolacostantino.it





Recensioni
di Giovanni Paternò

Rubrica a cura di   Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner
Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Isidoro La Lumia, 98
90139 Palermo
tel. 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Roberto Chifari
Daniela Corso
Ilaria de Lillo
Lorella Di Giovanni
Alessandra Flavetta
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Stefania Giuffrè

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Giovanni Paternò
Geraldine Pedrotti
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Giorgio Romeo
Rosa Russo
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it