Banner
Banner
19
Gen

Vino della settimana: Rampante Etna rosso DOC di Cantine Russo

on 19 Gennaio 2013. Pubblicato in Il vino della settimana

Nerello Mascalese e Nerello Cappuccio.

Abbiamo già parlato dei vini dell'Etna, comunque riportiamo per comodità quanto già scritto.
Difficilmente al mondo si può trovare una vigna in un posto più bello dell'Etna. Il motivo è dato dal  contrasto dei colori tra in nero della lava e il verde o il giallo-ruggine autunnale delle foglie; dal movimento architettonico dato dai muri a secco di pietra lavica ricoperti di muschi e licheni; dal paesaggio che offre l'imponenza del vulcano con i suoi perenni sbuffi di vapore e ceneri e col suo manto nevoso invernale; per la vista verso i monti Nebrodi o verso il mare, magari con lo sfondo della Calabria. E potremmo continuare a lungo decantando le lodi di posti dove veramente terra, acqua e fuoco formano un contesto quasi unico. Aggiungiamo che su questi terreni lavici, ricchi di minerali e di sostanze nutritive, si afferma un'agricoltura di eccelsa qualità.
 
Da alcuni anni il mondo enologico ha scoperto, decretandone il successo, i vini etnei ricavati praticamente da quattro vitigni: Nerello Mascalese e Nerello Cappuccio per i rossi, Carricante e Catarratto per i bianchi. Vini che veramente attingono da questo particolare territorio le loro peculiarità date dal nutrimento della terra, da quote in genere alte con notevoli escursioni termiche giornaliere, da un microclima favorevole che pur varia secondo le esposizioni (la DOC è compresa in una fascia che va dal versante nord a quello sud passando da est, quindi con la forma di una C rovesciata).

Cantine Russo è un'azienda familiare che opera dal 1860 nel settore del vino, dapprima commercializzandolo e dal 1955 con una propria cantina ed un vigneto di 5 ha. Oggi gli ettari sono 12 e sono allocati nel versante nord, nella zona di Solicchiata in comune di Castiglione di Sicilia. A questi si aggiungono  altri vigneti con Nero d'Avola e Syrah in Sambuca (Ag). Vincenzo amministra la società, collaborato dai figli Francesco che fa l'enologo e Gina che si occupa della commercializzazione di un totale di 350.000 bottiglie che si vendono in maggioranza nel mercato estero. I vigneti sono sparsi tra quote che vanno dai 600 ai 1000 metri, con un clima ventilato da montagna e terreni molto drenanti formati da colate laviche diverse. Non c'è formazione di muffe per cui gli unici trattamenti sono dati da rame e zolfo.
 
Recensiamo il Rampante 2007, ricavato dalla miscela classica di Nerello Mascalese all'80% e Nerello Cappuccio prodotta dal vigneto e non dal blend in cantina. Costituisce il top di gamma aziendale ed è ricavato da tre vigneti posti rispettivamente a quote di 600, 750 e 1000 metri, quindi climi e terreni diversi. La raccolta, a mano, avviene ad ottobre inoltrato e dopo la pigiadiraspatura con l'ausilio di lieviti selezionati il mosto macera per circa 12-15 giorni, fermentando. Dopo la svinatura e la separazione delle fecce grosse trascorre un anno in acciaio dove decanta staticamente ed è travasato periodicamente fino a diventare pulito, ma senza operazioni di chiarifica. Passa in botti e barriques di medie tostature e diverse annate di utilizzo dove affina per un altro anno. Poi di nuovo in acciaio  per un anno dove si assemblano i vari legni e in bottiglia il riposo finale di un ulteriore anno. Tutto questo lungo invecchiamento per dare un vino elegante e complesso nello stesso tempo.

Il colore è rosso rubino scarico, tipico. All'olfatto, come succede spesso ai vini molto invecchiati, necessita di una buona ossigenazione per rivelare netti e puliti i frutti rossi con evidenza di ciliegia e mirtillo, liquirizia, pietra focaia, sentori balsamici e un tocchetto di vaniglia. E' complesso, avvolgente, di buona intensità. Al gusto si presenta l'acidità che però si armonizza con i tannini già ammansiti. Buono ma non molto intenso il corpo da 13,5 gradi alcolici, ammaliante fragranza e al retrogusto tornano i frutti rossi; insomma un vino tipico dell'Etna, che si beve molto piacevolmente  a tavola, ancora fresco nonostante i quattro anni trascorsi in cantina, che potrà ancora apprezzarsi per molto tempo.
Ne sono state imbottigliate 50.000 bottiglie con un prezzo allo scaffale di 15 euro. Da abbinare ad una calda zuppa di legumi, ad uno spezzatino di manzo, ad un formaggio Piacentino DOP.

Cantine Russo
via Corvo
Contrada Crasà, Solicchiata
95012 Castiglione di Sicilia
tel. 0942 986271
www.cantinerusso.eu





Recensioni
di Giovanni Paternò

Rubrica a cura di   Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner
Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Roberto Chifari
Daniela Corso
Ilaria de Lillo
Lorella Di Giovanni
Alessandra Flavetta

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Stefania Giuffrè

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Giovanni Paternò
Geraldine Pedrotti
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Giorgio Romeo
Rosa Russo
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it