Banner
Banner
Banner
11
Ago

Vino della settimana: Etna bianco Doc di Tenuta Monte Gorna

on 11 Agosto 2012. Pubblicato in Il vino della settimana

Carricante e Catarratto. Il Carricante è il vitigno bianco tipico dell'Etna, anzi è l'autoctono bianco del vulcano.

Una vite molto vecchia, già descritta nel settecento, una vite che cresce bene in altitudine per cui era impiantata dove il Nerello Mascalese, l'autoctono rosso, non se la passava bene. Il nome  indica un'abbondante produzione, anche perchè nel passato il vanto era produrre molto.
Fino a pochi anni fa cresceva solamente nelle falde dell'Etna, ora qualche produttore timidamente comincia anche ad impiantarlo nel trapanese, nel ragusano ed in totale sono poco più di 100 ha. La vendemmia è in ritardo, in genere ad ottobre inoltrato. Dà vini con acidità fissa elevata, ricchi di acido malico, capaci di invecchiare serenamente per parecchi anni, insomma un vitigno che per le sue qualità è molto attenzionato, nonostante le ancora poche quantità. Del catarratto potete leggere qui.
La zona dell'Etna Doc forma una fascia a forma di C rovesciata che va da nord a sud del vulcano passando ad est, con quote comprese tra i 400 e i 1000 metri, caratterizzata da forti escursioni termiche giorno-notte. Il disciplinare del bianco comprende il Carricante almeno al 60%, il Catarrato al massimo al 40% e anche altri bianchi fino al 15% purchè “a sapore non aromatico” come recita il disciplinare.
 
Proviamo l'Etna Bianco Doc 2010 della Tenuta Monte Gorna, una minuscola casa che affronta, già con riconoscimenti, il difficile mondo enologico e che dimostra che con passione e sacrifici, anche nel piccolo, si possono produrre e vendere ottimi vini. Anche se la sede legale è a Leonforte, siamo in comune di Trecastagni, in zona Parco dell'Etna, nelle vicinanze del monte Gorna, un piccolo vulcanello spento, a circa 750 m s.l.m. Il bianco è prodotto in un ettaro e mezzo di vigna giovane allevata a spalliera, a cordone speronato.
Rosario Licciardello ha ripreso il lavoro degli antenati, espiantando vecchi vitigni e impiantando le varietà proprie della DOC. In campagna è assistito da Nicola Gumina, in cantina da Maria Carella.
La vendemmia nella prima decade di ottobre e i grappoli, scelti, tolti i graspi, sono criomacerati per 24 ore. Dopo una soffice pressatura il mosto decanta staticamente per 48 ore e fermenta in acciaio per circa un mese a temperatura controllata per poi maturare sulle fecce fini per tre mesi e in bottiglia per altri quattro.

Nel bicchiere il colore è giallo paglierino intenso e appena avvicinato al naso si avverte il floreale dove spiccano la ginestra e il gelsomino. Continuando l'ossigenazione i sentori cambiano, i fiori si appassiscono e il vulcano invade il calice. Si sentono la pietra focaia e  una mineralità complessa. E' proprio l'odore del vulcano, non un odore sulfureo ma quello proprio della terra lavica, della sciara, cioè di quel terreno fatto di sassi, lapilli e cenere ancora  non vegetato. Bisogna esserci stati sull'Etna, nelle zone più alte, a respirare queste possenti sensazioni di natura selvaggia ed affascinante nello stesso tempo. Una bella franchezza e previsione di trovarci  al cospetto di un vino molto secco.
Infatti al palato si avverte un vino asciutto, ben equilibrato, ove predomina il sapido e dove i fiori di campagna si gustano appena. E' caratterizzato da una bella acidità, una gradevole freschezza che invade la bocca. Piacevolissimo.
Un vino che a tavola con i suoi 12,5% di alcol si accompagna bene ad una infinità di piatti e che si sposa perfettamente con i pesci grassi; noi lo consigliamo con uno sgombro alla griglia, con alici o sarde infarinate e fritte, con una ricotta infornata.
La produzione è di sole 2.800 bottiglie ad un prezzo medio di 10 euro.

Tenuta Monte Gorna
Az. Agr. Cipolla M. Santa
via Mercede 20
94013 Leonforte (En)
www.tenutamontegorna.it





Recensioni
di Giovanni Paternò

Rubrica a cura di   Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner
Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Roberto Chifari
Daniela Corso
Ilaria de Lillo
Lorella Di Giovanni
Alessandra Flavetta
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Stefania Giuffrè

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Giovanni Paternò
Geraldine Pedrotti
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Giorgio Romeo
Rosa Russo
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it