Banner
Banner
27
Mag

Vino della settimana - Pinuàr 2015 di Tiare

on 27 maggio 2017. Pubblicato in Il vino della settimana

di Gianni Paternò 

Nel vasto mondo del vino italiano Roberto Snidarcig, il patron dell’azienda Tiare di Dolegna del Collio, quindi in Friuli, detiene alcuni invidiabili record.

E’ stato l’unico produttore italiano a vincere al “Concours Mondial du Sauvignon” non solo la medaglia d’oro ma anche il premio come miglior Sauvignon al mondo; unico italiano a vincere la medaglia d’oro al concorso “The Global Pinot Noir Masters 2017” di Londra col Pinuàr 2015; l’italiano che ha vinto il massimo premio al concorso “Vinistra – il Mondo delle Malvasie 2016” che si è svolto in Slovenia.


(Roberto Snidarcig) 

Segreto del successo: zone vocate, duro e sapiente lavoro, rispetto e valorizzazione delle caratteristiche del territorio, essenzialmente. Una piccola azienda che oggi sta arrivando ai 12 ettari, di cui oltre il 60% di Sauvignon, il vitigno di cui Roberto si è innamorato fin dall’inizio. Comunque dell’azienda e del suo Sauvignon ne abbiamo parlato QUI.
 
Roberto, affiancato dalla moglie Sandra, oltre ad essere l’uomo dei record possiamo definirlo l’uomo delle sfide: lo è stato per il Sauvignon e per la Malvasia, lo è per il Pinot Noir. Di quest’ultimo è solo un ettaro, vicino alla cantina, che non ricade nelle Doc Collio ed Isonzo. Per oltre 10 anni lo vinificava a modo suo, per ottenere un rosso che a lui piaceva: vendemmia ad uve quasi stramature, lunghissime macerazioni ottenendo un vino di forte struttura e grande potenza. Ma piaceva solo a lui.


(La cantina)

Nel 2015 cambia metodo: vendemmia precoce, breve macerazione, affinamento in barrique. Lo assaggia e questo vino dal colore scarico, dalla iniziale struttura tenue non gli piace e lo lascia quasi dimenticato nelle piccole botti. Passa un anno e con un amico esperto di Pinot nero lo riassaggia e si sorprende: quel vino è diventato elegante, fine, di classe, tanto da diventare un Pinot di referenza. Le sfide di Roberto, che da 3 anni fa anche l’enologo di esperienza, non si fermano qui in quanto sta attenzionando e sperimentando un altro noto vitigno, chissà se otterrà qualche altro premio assoluto.

Vediamo come è fatto questo Pinuàr, un Venezia Giulia Igp. Vigna a Guyot corto, in terreno marnoso, allevata come tutte le altre in maniera ecosostenibile con pratiche colturali a basso impatto. Vendemmia manuale e subito nella vicina nuova cantina in buona parte sotterranea in cui, dopo la pigio-diraspatura, macera per 3 giorni a temperatura di pochi gradi poi per altri 3-4 a maggior temperatura fermentando con lieviti spontanei, svinatura e in barrique da 300 litri di 3° passaggio dove svolge la malolattica e permane per un anno; filtrazione e niente chiarifica, solfiti pochi e in bottiglia per 3 mesi.

Nel calice il colore è rubino scarico, quasi trasparente, tipico del vitigno. Al naso spiccano immediatamente l’eleganza e la finezza che esprimono sottili note vegetali di erba secca, sottofondo di ciliegia, mirtillo, menta con un contorno di spezie, chiodi di garofano e mandorle poco tostate; coinvolgente. Una bocca equilibrata, fresca per la vispa acidità accompagnata da tannini in giusta misura, buono il corpo, finale lungo con tendenza verso sfumature sull’amarognolo.

Il Pinuàr, da buon Pinot, a nostro modesto avviso si gestisce con le temperature di servizio, d’estate potete rinfrescarlo fino a 12° abbinandolo a piatti più delicati, a base di pomodoro, zuppe di legumi freschi, pizza 4 stagioni, spingendosi fino al pesce azzurro alla griglia; riportandolo ai 18-20° classici di un rosso si accompagna ai piatti più strutturati, alle carni cotte in vario modo. Sono solo 3.000 bottiglie che allo scaffale comprate a 23 euro.
 
TIARE di Roberto Snidarcig
Loc. Sant'Elena 3/a
34070 Dolegna del Collio (Go)
tel.0481 62491
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
www.tiaredoc.com

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner
Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Roberto Chifari
Daniela Corso
Ilaria de Lillo
Lorella Di Giovanni
Alessandra Flavetta

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Stefania Giuffrè

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Giovanni Paternò
Geraldine Pedrotti
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Giorgio Romeo
Rosa Russo
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it