Banner
Banner
08
Apr

Vino della settimana - Leo Ripanus 2010 di Cantina dei Colli Ripani

on 08 Aprile 2017. Pubblicato in Il vino della settimana

di Gianni Paternò

Offída Rosso Doc

Attorno al medievale borgo cintato di Ripatransone, nelle Marche, nel 1969 nacque la cooperativa dei Colli Ripani che riuscì a fare la prima vinificazione nel 1977. Da pochi nel tempo i soci sono diventati 330 con una superficie vitata di 650 ha. La cooperativa, oggi con presidente Giovanni Traini e direttore anche enologo Marco Pignotti, ha come obiettivo lo sviluppo del territorio, che abbraccia tutta la provincia di Ascoli Piceno, salvaguardandolo e quindi dandogli reddito per evitarne l’abbandono; si occupa non di solo vino ma anche degli altri prodotti agricoli dei soci: olive, frutta, conserve, pasta ed altro. Un’attività costante e diretta per evitare che i diritti di impianto vengano venduti a favore di altre regioni.


(Giovanni Traini e Marco Pignotti)

Occupiamoci del vino a cui si arriva partendo dall’intera filiera tracciabile e da un’attenta zonazione vigna per vigna di cui si conoscono tutte le caratteristiche e quindi l’attitudine a divenire un determinato vino; i tecnici seguono costantemente il campo prescrivendo le operazioni da compiere; una conduzione sostenibile che usa i prodotti di sintesi col contagocce e solo se strettamente necessario, già addirittura un terzo dei vigneti sono biologici ed aumentano di anno in anno.


(La cantina dall'alto)

Un milione le bottiglie prodotte, un restyling di immagine efficace, la linea  Pharus la più prestigiosa, la denominazione Offída quella più tipica, Docg dal millesimo 2011. Finora l’estero è stato trascurato, forti di 9 punti vendita sparsi nelle Marche, ma da qualche anno i volumi che vanno oltre le Alpi raddoppiano costantemente.

Delle 8 referenze della linea top Pharus, in cui tutti i vini affinano in legno, degustiamo il Leo Ripanus, che oltre al Montepulciano ha un 30% di Cabernet Sauvignon, che deriva da uve di 3 vigne selezionate a sud dell’abitato e quota sui 350 m, da vendemmie ripetute per raccogliere i grappoli scelti e a perfetto grado di maturazione, da materia prima sanissima per cui in cantina la chimica diventa superflua. Dal millesimo 2011 sarà Docg e il Montepulciano sarà all’85%.


(Grappolo di Montepulciano) 

Raccolta in piccole cassette, selezione ulteriore in cantina dove dopo la pigio-diraspatura si ha una macerazione prefermentativa per una notte a 5°. Rialzando la temperatura fermenta lentamente per 25 giorni con lieviti selezionati, rimontaggi e 2 délestage, malolattica con le bucce, travaso per eliminare le fecce grosse e altra sosta di un mese per pulirsi; poi metà in barrique francesi e altrettanto in botti grandi per 18 mesi. Fatto il blend tra le varie botti il vino matura per un altro anno in vasche di cemento, quindi in assenza di correnti galvaniche; chiarifica, se serve, con proteine vegetali e bentonite, filtrazione larga, solfiti pochi per un totale in bottiglia, dove sta altri 6 mesi, di circa 75 mg/l.

Nel calice il colore è rosso rubino intenso. Un olfatto complesso e di grande raffinatezza che fonde la confettura di prugne ed amarene a note balsamiche, pepate, di liquirizia, cioccolato, poca vaniglia, un profumo che si intensifica con l’ossigenazione crescendo esponenzialmente in intensità ed equilibrio. Al palato, data l’età, è inaspettatamente fresco, vivace e fragrante con un’acidità ancora viva tanto da non avvertirsi i 14° alcolici, tannini presenti e vellutati, un notevole corpo, un retrogusto piacevolmente molto lungo. Per berlo al meglio, data l’età, desidera una buona aerazione, meglio se in decanter.

Da abbinare a primi piatti elaborati, a carne stufata, a salumi anche grassi, a formaggi di buona stagionatura. Sono 15.000 bottiglie che in enoteca trovate a 18 euro.
 
Cantina dei Colli Ripani
Contrada Tosciano 28
93065 Ripatransone(Ap)
tel. 0735 9505
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
www.colliripani.com
 
 
 

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner
Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Roberto Chifari
Daniela Corso
Ilaria de Lillo
Lorella Di Giovanni
Alessandra Flavetta

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Stefania Giuffrè

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Giovanni Paternò
Geraldine Pedrotti
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Giorgio Romeo
Rosa Russo
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it