Banner
Banner
25
Lug

Vino della settimana: Iselis Nasco di Cagliari Doc di Argiolas

on 25 Luglio 2015. Pubblicato in Il vino della settimana

Nasco in purezza

Quando abbiamo recensito l’Iselis rosso (leggete in questa pagina la nostra recensione) abbiamo posto particolare attenzione a questa azienda che porta gloria ai vini della Sardegna con una particolarità: possiede solamente vitigni autoctoni sardi da cui ricava vini molto apprezzati che esprimono veramente il meglio di quella terra. Merito primordiale di Antonio Argiolas che già dai primi del ‘900 ebbe l’intuizione di impiantare solo vitigni storici. Oggi alla terza generazione Argiolas, diventata una Spa, ma di famiglia, dove se ufficialmente l’amministratore è Franco Argiolas in pratica il fratello Giuseppe lo affianca in tutto mentre i rispettivi figli ormai sempre più si fanno strada in azienda: Valentina marketing, il marito Elia Onnis direttore commerciale, Antonio dedicato alla campagna e Francesca alla finanza e programmazione.

(Valentina, Elia Onnis, Antonio e Francesca Argiolas)

Oggi gli ettari sono 300 di cui 230 vitati suddivisi in 5 tenute nel sud sardo: Serdiana, Sisini, Selegas Sa Tanca, Selegas Vigne Vecchie e Porto Pino con il maggior concentramento in comune di Selegas mentre la cantina è a Serdiana, dentro il paese. Si ricavano 2,5 milioni di bottiglie per il 35% per l’estero.
 
L’Iselis Nasco è al suo primo millesimo e sostituisce l’Iselis bianco, un Igt dove c’era anche Vermentino anche se in piccola quantità. Due parole sul Nasco, vitigno poco conosciuto ai più, tra i più antichi di Sardegna, il cui nome deriverebbe dal latino Muscus, muschio, per la caratteristica dell’uva appassita di odorare di fiori di prato e appunto di muschio. Sino alla fine dell’800 ebbe grande diffusione per l’apprezzato tenore zuccherino per cui era vinificato sempre per dare vini dolci. Argiolas, che tra l’altro si dedica molto alla sperimentazione, per primo ha voluto provare questa versione secca.


(Viti di Nasco)

Proviene dalla tenuta Serdiana, ad appena un chilometro dalla cantina. Vendemmiato a mano nelle prime ore mattiniere a settembre, contrariamente alle versioni dolci le cui uve si raccolgono ad ottobre, da viti in terreni provenienti da sedimenti calcarei-marnosi, allevate a guyot col sistema della lotta integrata. Macerazione a freddo, pressatura soffice, decantazione naturale, fermentazione a temperatura controllata, affinamento sulle fecce fini per circa 60 giorni. Il 5% del mosto fermenta e si affina su piccoli fusti di rovere francese di secondo passaggio; non fa malolattica. Come da disciplinare è messo in vendita a luglio.

Versato nel calice il colore è giallo tendente al dorato. Particolare ed interessante l’olfatto: pochissima frutta, gialla, e sentori più vegetali: paglia, fiori di campo. Si distingue nettamente. Anche in bocca ha una sua spiccata personalità: secco ma con un susseguirsi di amarognolo e di appena dolce. Morbido, di robusta struttura, buona vena acida, molto lungo, con un tenore alcolico di 14,5° che si fa strada alla fine. Vi sfido a trovarne uno simile. Nella sua diversità affascina e piace.

Per abbinarlo, come bianco avete l’imbarazzo della scelta: da aperitivo o per accompagnarlo ai prodotti del mare, qualsiasi siano, ad una ratatouille di ortaggi, a delle scaloppine al limone, ad un pecorino, non per forza sardo. Sono 40 mila le bottiglie ad un prezzo in enoteca di 12 euro.  
 

Argiolas

Via Roma 28
09040 Serdiana (Ca)
tel. 070 740606
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
www.argiolas.it

 





Recensioni
di Gianni Paternò

Rubrica a cura di   Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 
Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner
Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Roberto Chifari
Daniela Corso
Ilaria de Lillo
Lorella Di Giovanni
Alessandra Flavetta

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Stefania Giuffrè

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Giovanni Paternò
Geraldine Pedrotti
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Giorgio Romeo
Rosa Russo
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it