Banner
Banner
21
Mar

Vino della settimana: Petitverdò 2013 di Poggio di Bortolone

on 21 Marzo 2015. Pubblicato in Il vino della settimana

Terre Siciliane Rosso IGT.

Cosenza è un’antica famiglia che a Chiaramonte Gulfi acquistò alla fine del 700 un feudo di oltre 1.000 ettari dove si coltivavano vigne, ulivi, seminativi. Le vestigia di questa attività agricola si possono ancor oggi ammirare negli ottocenteschi: palmento col suo monumentale torchio ligneo, frantoio con la sua enorme macina in pietra, mulino ad acqua rimasto attivo fino all’immediato dopoguerra. Tra spartizioni ereditarie e riforma agraria ad Ignazio Cosenza di ettari ne rimasero 60, ma gli bastavano per dare un nuovo assetto all’azienda producendo al meglio e iniziando a confezionare vino e olio. Nacque così la Poggio di Bortolone che prende il nome dal pianoro in cima alla collina dove insiste l’azienda e da Bortolone, così chiamato il vecchio mugnaio del mulino ad acqua.

La campagna non era razionale: viti, ulivi, carrubi sparsi e frammisti non permettevano un’ottimale coltivazione per cui alla fine degli anni settanta si espianta proprio tutto e si ricomincia con gli ulivi a sesti, le vigne a spalliera e cordone speronato, il tutto accorpando le varietà. Nel chiaramontano Cosenza diventò il pioniere e l’esempio da consultare per la spalliera, suggerita dall’allora Istituto Regionale Vite e Vino. Nel 2009 si completa la nuova cantina mentre quella vecchia diventa magazzino. Oggi le viti sono 15 ettari e sono state ulteriormente rinnovate, 20 gli ettari ad uliveto, altri 20 a seminativo, infine 5 a bosco e macchia mediterranea nei dirupi. Tutta l’azienda ricade nel territorio della DOCG Cerasuolo di Vittoria e oltre al Nero d’Avola e al Frappato, ci sono Syrah, Cabernet Sauvignon e dal 96 un ettaro di Petit Verdot consigliato sempre dall’IRVV. Da qualche anno con la scomparsa di Ignazio è il figlio Pierluigi il proprietario dell’azienda continuando l’opera paterna volta sempre al miglioramento e alla sperimentazione.

I suoli del vigneto sono di sabbie dal 90 al 96% conferendo al vino una connotazione particolare, a quote da 220 a 270 metri coltivati secondo i protocolli dell’agricoltura integrata,  un metodo di produzione che prevede l'adozione di tecniche compatibili con la conservazione dell'ambiente e la sicurezza alimentare, in pratica una via di mezzo tra una coltivazione normale e una biologica. Pierluigi però la spinge verso una maggiore naturalità per esempio utilizzando per concime il favino e l’erba coltivata nel seminativo. Le etichette sono 7 e le bottiglie prodotte 75.000.

Noi assaggiamo il Petitverdò tutto dell’omonimo vitigno con la t finale originario dei Pirenei francesi ma poichè matura tardi e ama i climi caldi si è ambientato splendidamente nell’Isola. Vendemmiato a mano con rese basse da 45 q/ha anche per la cernita dei grappoli macera da 8 a 15 giorni e nella fermentazione con lieviti selezionati si fanno 4 rimontaggi giornalieri. Affinamento in acciaio per 10 mesi e successivamente in bottiglia dopo i classici processi fisici per almeno 3 mesi. La sanezza delle uve e l’estrema pulizia permettono che alla fine i solfiti totali non superano i 60mg/l.

Nel calice il colore è rubino denso con sfumature porpora-viola. Al naso non è particolarmente intenso e si esprime con note vegetali poi di prugna, cioccolato, spezie. Dà la sensazione del legno che non c’è con sentori di tipo terziario accattivanti. Ma è in bocca che diventa strepitoso: il tannino c’è ma è così vellutato da accarezzare il vino, si sente un’equilibrata acidità e una lingua polposa, quasi fruttata, al lungo retrogusto note di mandorla amara. La sua eccelsa armonia lo fa diventare morbido, gentile anche se di struttura e di potenza ce n’è tanta. Grande vino e infatti ha meritato le 5 stelle nella Guida dei Vini di Sicilia.

Versatile negli abbinamenti, consigliato con pappardelle ai funghi, spezzatino di manzo, formaggio ragusano di media stagionatura, perfetto col tonno sia esso al naturale in scatola, sia fresco scottato. Sono 4.500 esemplari che godrete a 14 euro in enoteca. In cantina su prenotazione visite e degustazioni.

Poggio di Bortolone Az. Agr.
via Bortolone 19
97010 Roccazzo
Chiaramonte Gulfi (Rg)
tel. 349 3424507
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
www.poggiodibortolone.it





Recensioni
di Gianni Paternò

Rubrica a cura di   Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner
Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Roberto Chifari
Daniela Corso
Ilaria de Lillo
Lorella Di Giovanni
Alessandra Flavetta

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Stefania Giuffrè

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Giovanni Paternò
Geraldine Pedrotti
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Giorgio Romeo
Rosa Russo
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it