Banner
Banner

Banner

20
Dic

Vino della settimana: Don Nuzzo 2012 di Cantine Gulino

on 20 Dicembre 2014. Pubblicato in Il vino della settimana

Moscato di Siracusa DOC.

Nel 1850 la fillossera fu il terribile flagello per tante vigne siciliane come le cavallette lo furono per l’Egitto di Mosè. Tra i vigneti distrutti ci furono quelli di moscato in contrada Fanusa dove Pompeo Picherali, l’architetto che ricostruì Siracusa dopo il terremoto del 1693, già documentava l’esistenza di palmento e vigne di tale cultivar. Agli inizi del 1900 i Gulino innestano su vite americana Moscato e Nero d’Avola. Ma anche stavolta l’uva non ebbe fortuna perchè nel 1950 l’azienda fu riconvertita in orticole. Testardamente la vite non si arrese e nel 1995 gli attuali discendenti la reimpiantarono, sempre in Moscato e Nero d’Avola in maggior misura, ristrutturando anche gli antichi caseggiati seicenteschi dove, oltre alla cantina, saloni e giardino dove si svolgono eventi e banchetti.

Dell’azienda se ne occupa Sebastiano che facendo anche il medico non ha ancora compreso quale debba considerare come seconda occupazione.


Sebastiano Gulino

Sono 8 ettari a Siracusa di cui 4 di Moscato e 10 a Pachino. Oltre al Moscato Bianco, non di Alessandria, Nero D’Avola, Insolia, Albanello e poco Syrah. Le etichette sono 7 tra cui Saliens, il primo spumante siciliano da Moscato in parte passito. Le bottiglie totali sono 80.000 e per metà si vendono all’estero. L’enologo, che suggerisce anche le pratiche in vigna è Nino di Marco.

Degustiamo il Don Nuzzo un Moscato di Siracusa DOC. Questa denominazione, nata nel 1973, è meno conosciuta e popolare rispetto alla Malvasia e al Moscato di Pantelleria, e a modesto giudizio dello scrivente, per piacevolezza ed equilibrio, non è per niente terzo, anzi. Il Moscato Bianco è tra i vitigni più antichi d’Italia in quanto potrebbe essere stato introdotto nel VII secolo a.C. da Pollis, tiranno di Siracusa. A noi non interessa se sia stato il primo nel tempo, ma che sia tra i primi per olfatto e gusto.
 
Le uve di questo nettare provengono sempre dalla stessa vigna in contrada Fanusa e le prime vendemmiate sono poste ad appassire per circa 10 giorni sui graticci di canne.

Alla raccolta delle restanti, a mano e in cassette, si assembla con le passite nel rapporto di 2 a 1 e si compie una macerazione di 48 ore alla temperatura di 5°. Dopo la pressatura soffice si decanta il mosto fiore per 6 giorni sempre a bassa temperatura; poi la fermentazione con lieviti selezionati a 16 gradi che dura oltre 20 giorni. Raggiunto il grado zuccherino di 80-90 g/litro si ferma la fermentazione col freddo e in acciaio il vino deposita le fecce fino a gennaio quando viene imbottigliato per rimanere in cantina almeno per 8/10 mesi. I solfiti totali sono circa la metà del consentito.

Versato nel piccolo calice il colore è giallo oro chiaro. All’olfatto arrivano per primi gli agrumi seguiti da miele, frutta secca specialmente fichi, pesca, datteri, mandorle. E’ un naso di estrema eleganza, intenso, franchissimo, veramente affascinante. In bocca colpisce la sua freschezza data da una vispa acidità che fa da contraltare ad una dolcezza affatto eccessiva, rotonda armonia e spiccata fragranza che fa risaltare gli aromi nasali. Invita a bere e ribere. Abbiamo avvertito le tipiche note anche gustative delle uve colpite dalla muffa nobile, dalla botrytis cinerea, quella dei famosi Sauternes, e questo Don Nuzzo può vantarsi di avvicinarsi a questi grandi vini dolci, ma non troppo. Una gran bella scoperta. Vi consigliamo di non berlo a meno di 14 gradi, meglio a 16-18 per apprezzarne in pieno gli aromi e l’armonia.
 
Per gli abbinamenti lo proponiamo con dolcetti di mandorle, col buccellato e specialmente con un panettone classico. Se ne sono confezionate 7.000 bottiglie che allo scaffale si acquistano a 20 euro.

Cantine Gulino
C.da Fanusa – v. Impellizzeri 8
96100 Siracusa
tel. 0931 721218 – 338 2999041
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
www.cantinegulino.it





Recensioni
di Gianni Paternò

Rubrica a cura di   Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Share

Commenti  

 
-2 #1 Guido Falgares 2014-12-21 01:29 Lo sviluppo della Botrytis cinerea è caratterizzato soprattutto dall'accumulo di furfurale (crusca), benzaldeide (mandorle amare), fenilacetaldeid e (giacinto) e il sotolone (caramello, zucchero bruciato); quest'ultimo è un dei principali composti che entrano nell'aroma "rôtì" caratteristico delle uve botritizzate. Queste sono le tipiche note "olfattive" e non un leggero sentore di muffa come riferisci a voce che è invece un aspetto negativo che io in una recentissima degustazione non ho avvertito e ho dato a questo vino un punteggio intorno a 90/100, apprezzandolo fortemente soprattutto per la sua eleganza. Citazione
 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette
Banner
Banner
Banner

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Maria Casiere
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Daniela Corso
Ilaria de Lillo
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Giorgio Romeo
Rosa Russo
Anna Sampino
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it