Banner
Banner

Banner

13
Dic

Vino della settimana: Metodo Classico Brut 2012 biologico di Funaro

on 13 Dicembre 2014. Pubblicato in Il vino della settimana

Chardonnay.

Errori ed omissioni a parte, risulta che lo Spumante di Funaro sia il primo biologico nato in Sicilia, un interessante record di questa giovanissima cantina che nasce nel 2003 per l’entusiasmo dei proprietari.
I Funaro da 3 generazioni coltivano la vite e ne vendevano le uve. La produzione è abbondante e ottima per cui arriva il momento di vinificare in proprio e oltre alla struttura si stabilisce la squadra formata da giovani motivati e preparati. Dei fratelli Funaro, Giacomo è l’amministratore e il coordinatore, Tiziana si occupa delle carte e del mercato nazionale, Clemente dell’estero, completano l’equipe Alessandro Fucarino, l’agronomo e Rosario Aiello l’enologo.


Giacomo Funaro

L’azienda comprende 85 ha tra Salemi e Santa Ninfa (Tp) di cui 60 vitati e 15 di uliveti. Accanto ai classici vitigni internazionali grande attenzione a Inzolia, Catarratto, Grillo, Zibibbo, Nero d’Avola e Perricone ma specialmente al modo di coltivarli nella maniera più naturale per cui nel 2011 si ottiene l’importante certificazione biologica anche per la cantina. Quindi in campagna concimazioni organiche e sovesci di leguminose, niente prodotti di sintesi ma quelli ammessi ed a basso tenore di rame e zolfo, inoltre vengono mantenute delle aree per la compensazione ecologica. Irrigazione di soccorso per mantenere alta la qualità nei periodi di prolungata siccità. In cantina la massima sanità, l’uso di prodotti consentiti e spesso niente solfiti aggiunti.

 

La cantina, essendo stata realizzata recentemente, gode di tutte le moderne tecnologie per garantire l’isolamento termico, di impianti solari fotovoltaici e termici che riducono al massimo il consumo energetico e per completare l’ecosostenibilità si utilizza la fitodepurazione attiva per la depurazione e il riutilizzo delle acque. Il grosso dei vigneti a Salemi a quote comprese tra 150 e 450 metri, 13 le etichette di cui un Passito di Zibibbo e due spumanti metodo classico Brut ed Extra Brut, 180.000 le bottiglie confezionate che per il 40% si vendono all’estero. Sono gradite le visite in cantina ove si può acquistare direttamente.

 

Essendo in periodo di brindisi, degustiamo il Metodo Classico Brut 2012, il millesimo messo in bottiglia in questi giorni, il primo che riporta in etichetta la certificazione biologica, quindi non solamente delle uve che provengono da vigneti a 170 m in Salemi con terreni marno/gessosi.
 
Vendemmia a mano dopo aver individuato i migliori grappoli; dopo la pigiatura delicata fermentazione a 15° e maturazione sempre in acciaio sui lieviti. Nella primavera successiva il vino base viene fatto
rifermentare in bottiglia ad una temperatura di 15°C, per circa 50 giorni, poi in catasta per almeno 18 mesi. Successivamente le bottiglie vengono poste nelle pupitres per effettuare il remuage e consentire
l’illimpidimento dello spumante. Dopo circa 30 giorni di rotazioni si effettua la sboccatura a macchina e si aggiunge la liquer d’expedition. Ai minimi termini i solfiti aggiunti. Qualche mese di riposo e poi allo scaffale.

Nel calice mediamente stretto il colore è paglierino e la spuma, dopo un momento di tumultuosità, si stabilizza con un perlage discretamente fine e persistente. All’olfatto subito evidente la crosta di pane, la frutta a polpa gialla, l’erba secca dei prati, note da spumante di classe dove emerge una franchezza ai massimi livelli. Al palato le bollicine sono fini, il corpo è robusto anche per i suoi 13° alcolimetrici, una rotonda bocca impregnata di mineralità già abbastanza equilibrata anche se deve ancora riposare qualche giorno per essere al meglio a Capodanno.
 
Un Brut deciso, ricco e di interesse facile da abbinare a tutto pasto, prima di arrivare al dolce. Noi l’abbiamo apprezzato con una bruschetta al pomodoro, un piatto di busiati col pesto alla trapanese, salsiccia al forno e cardi panati e fritti. Del millesimo 2012 sono solamente 6.600 bottiglie che allo scaffale trovate a 14 euro, un ottimo prezzo per un metodo classico biologico ma specialmente ben riuscito.

Funaro s.r.l.
Contrada Scavi,  S.S. 188
Km 48,700
Santa Ninfa (Tp)
tel. 091  6851589 – 393 9675789
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
www.funaro.it





Recensioni
di Gianni Paternò

Rubrica a cura di   Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Share

Commenti  

 
+8 #1 Serena 2014-12-13 13:32 Ottimo prodotto e direi..ottimo conoscere dal vivo la loro realta', é sempre bello e appagante vedere quanto credono in cio'che fanno e quante energie ci investono! io adoro anche il resto dei loro vini, specialmente la linea dei bianchi, continuate cosi!

Sommelier Serena
Citazione
 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette
Banner
Banner
Banner

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Maria Casiere
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Daniela Corso
Ilaria de Lillo
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Giorgio Romeo
Rosa Russo
Anna Sampino
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it