Banner
Banner
Banner
15
Nov

Vino della settimana: Otello 1813 NerodiLambrusco 2013 di Ceci

on 15 November 2014. Pubblicato in Il vino della settimana

Lambrusco Maestri frizzante Emilia IGT.

Otello non sarebbe un omaggio verdiano anche se ci troviamo nel parmense bensì la manifestazione del rispetto e del ringraziamento nei confronti di nonno Otello da parte dei nipoti e pronipoti. Veramente ci intriga il sospetto che una furba iniziativa commerciale accompagni l’amore familiare. Infatti Otello Ceci, oste nella bassa parmense, serviva ai suoi clienti uno scurissimo lambrusco che riscuoteva grande successo tanto da convincerlo a dedicarsi, assieme ai figli, alla sua produzione, forte di oltre 400 vignaioli che facevano a gara per vendergli le loro uve.

La svolta negli anni ’90 quando nell’azienda arrivano le terze e quarte generazioni che intuiscono che il vero successo deriva dalla sperimentazione, dalla ricerca e dalla voglia di creare vini di qualità che riescano a fare del Lambrusco non più un prodotto di massa bensì di eccellenza. Il primo Lambrusco con questa filosofia fu il Terre Verdiane seguito nel 2003, dopo molta sperimentazione nei vigneti, da un prodotto diverso dagli altri: Otello Oro NerodiLambrusco. L’apprezzamento si manifestò anche nel riscuotere i massimi riconoscimenti nelle più importanti guide, primo tra i Lambruschi.

Oggi Cantine Ceci imbottiglia circa 2.000.000 di bottiglie di cui il 90% di Lambrusco nelle varie declinazioni e in più varietà per un totale di 25 etichette che per buona parte vanno all’estero. Per scelta i Ceci non possiedono vigneti e continuano a fornirsi delle uve dei 400 produttori. Tutti i lieviti sono prodotti dalla cantina e i solfiti sono usati col contagocce. Dall’incontro con Leonardo di Vincenzo, Birreria del Borgo, nasce l’idea di fare anche birre artigianali di altrettanta grande qualità rifermentate in bottiglia con i lieviti del Lambrusco, per cui oggi Birreria del Borgo produce e Ceci distribuisce 150.000 bottiglie di grande successo. Amministra Maria Paola Ceci e il cugino Alessandro, laurea a Conegliano, è l’enologo. Ma è tutta la famiglia a collaborare per portare avanti la carretta.


da sinistra in senso orario:  Chiara Maghenzani, Alessandro Ceci,
Maria Teresa Ceci, Maria Paola Ceci, Elisa Maghenzani

Otello 1831 NerodiLambruscocostituisce il top della produzione vinicola. A proposito, come immaginavamo, 1831 rappresenta un ulteriore, recente omaggio a Verdi che nacque quell’anno. E’ ricavato dalle migliori uve di Lambrusco Maestri, tipico del parmense e più ricco di colore, di corpo e di aromaticità, vendemmiate nella seconda metà di settembre. Macerazione con le bucce per 6/7 giorni e decantazione in acciaio fino a dicembre quando il vino, addizionato da lieviti diversi sempre di produzione propria, va in autoclave da dove esce dopo 3-5 mesi quando raggiunge un grado zuccherino di 33 g/litro e una pressione di 2,5 atm. In bottiglia senza solfiti aggiunti.

Versato nel calice il colore è veramente quasi nero, impenetrabile, reso vivace da una ricca spuma di color viola, tanto compatto che è impossibile osservarne il perlage. All’olfatto un intenso, piacevolissimo naso di viola, di fragola, di lampone. Al gusto è un appagante connubio tra il secco e l’amabile, con una buona acidità che lo vivacizza e pochi, morbidi tannini, quelli che bastano a renderlo complesso, completo ed equilibrato. Accompagnano un frizzante leggero, particolarmente accattivante, e una fragranza abbastanza lunga. Leggera l’alcolicità di 11 gradi che permette di goderne qualche bicchiere in più.

L’abbinamento classico sarebbe con la moltitudine delle specialità emiliane, dalla mortadella dop alle lasagne, dal cotechino al parmigiano. Il suo equilibrio secco/amabile, fruttato/corposo permette di ampliarne la beva per cui potete apprezzarlo anche con una zuppa di lenticchie, con pesci grassi come le sarde e l’anguilla, con una ruota di salsiccia con semi di finocchio cotta alla brace, con ortaggi grigliati. Sono 400.000 le bottiglie per cui le trovate facilmente a 10 euro in enoteca.

Cantine Ceci spa
Via Provinciale 99
43056 Torrile (Pr)
tel. 0521 810252
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
www.lambrusco.it





Recensioni
di Gianni Paternò

Rubrica a cura di   Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner
Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Isidoro La Lumia, 98
90139 Palermo
tel. 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Roberto Chifari
Daniela Corso
Ilaria de Lillo
Lorella Di Giovanni
Alessandra Flavetta
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Stefania Giuffrè

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Giovanni Paternò
Geraldine Pedrotti
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Giorgio Romeo
Rosa Russo
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it