Banner
Banner
Banner
26
Lug

Vino della settimana: Grillo 2012 dei Principi di Spadafora

on 26 Luglio 2014. Pubblicato in Il vino della settimana

La nobile famiglia  Spadafora risale al 1230 e nel corso degli anni i suoi componenti hanno occupato importanti cariche ed hanno esteso con alterne quantità i loro domini.

L’attuale azienda fu creata da Don Pietro Spadafora che la ricostruì dopo il terremoto del 1968, ne impiantò nuovi vigneti introducendo anche qualche varietà internazionale. L’odierno proprietario, il figlio Francesco, finito il servizio militare, non ne volle sentire di continuare a studiare, così Don Pietro lo mandò a badare ai loro terreni di Mussomeli che oggi sono tutti seminativi.
 
La parte importante della proprietà, 180 ha, si trova a Virzì, agro di Monreale, anche se è a pochi kilometri da Camporeale e nel 1988, alla morte del padre, Francesco deve occuparsi di tutta l’attività. Fino ad allora avevano una vecchia cantina e facevano il vino come si faceva una volta in Sicilia: uve spremute e vinificazione a temperatura ambiente, vino che di qualità e longevità ne aveva ben poco. Negli ultimi anni addirittura si vendevano solamente le uve e si riusciva a guadagnare un bel niente.

Così Francesco prende la decisione della sua vita, rileva dai fratelli tutta l’azienda, realizza la nuova cantina, razionalizza i vigneti e accanto ai prevalenti Cataratto e Inzolia piantaGrillo e Chardonnay, Cabernet Sauvignon, Merlot,  molto Syrah e tanto Nero d’Avola, ed ancora continuaa piantarne. I terreni sono a medio impasto sabbioso posti a quote tra i 200 e i 400 metri, vigneti a spalliera e potatura Guyot per oltre 90 ettari e producono Nero d’Avola e Grillo, quindi vini, diversi dagli altri. Infatti la filosofia di Francesco consiste nel totale rispetto di quanto il territorio riesca a dare senza effettuare poi alcun procedimento in cantina che possa uniformare e quindi rendere i suoi vini omogenei a quelli di altri produttori.

La prima etichetta, prodotta nel 1993, si chiama Don Pietro, come il padre, ed oggi in totale sono 13 e complessivamente 250.000 bottiglie che per il 55% vanno nei mercati italiani. Se il grosso della produzione è Syrah e Nero d’Avola (leggasi QUI) oggi commentiamo il Grillo IGP Terre Siciliane nell’annata 2012, l’ultima da poco uscita. E’ un cru ricavato dalle prime vigne di Grillo piantate nel 1996 a 350 metri in circa 2 ettari; una prima parte viene vendemmiata nella seconda metà di agosto e una seconda parte nella prima metà di settembre, per avere condizioni diverse di acidità e di zuccheri. La resa è volutamente bassa, 50 q/ha.

Il mosto della seconda vendemmia viene aggiunto al primo, già in fermentazione, cosicché quest’ultima, effettuata intorno ai 13°, possa durare di più, guadagnandone così il vino in eleganza. Terminata la lunga fermentazione, dopo un travaso, rimane alcuni mesi sulle fecce pulite per acquisire struttura e finezza. Affinamento in acciaio per 10 mesi e in bottiglia per 6. Francesco è un autodidatta, si è fatto l’esperienza studiando e principalmente con una pedante sperimentazione quindi ormai svolge per intero i compiti dell’agronomo in campagna e del cantiniere con la sola consulenza dell’enologo Salvatore Martinico.

Il Grillo versato nel bicchiere ha un classico colore giallo paglierino. Al naso è un Grillo di particolare e diversa personalità: quello che si sente maggiormente sono la nota vegetale e quella minerale, di campagna assolata, di sassi di fiume, di erbe officinali compreso una fogliolina di menta; la frutta è quasi nascosta anche se si avvertono il melone bianco e la mela verde. Un’eleganza austera, nobile come il casato. Al palato è un vino minerale, con l’acidità ben dosata e una sapidità al punto giusto, una densa ed armoniosa struttura che avvolge tutto il palato a lungo lasciando la bocca fresca e pulita, pronta a berne un altro bicchiere. 14° anche se non li dimostra.
 
E’ un bianco quasi universale, capace di abbinarsi ad un’infinità di piatti perchè fine e strutturato nello stesso tempo. Noi l’abbiamo apprezzato con un risotto alla marinara, una frittata ricca di mentuccia, dei formaggi spalmabili, ma anche con un caciocavallo discretamente stagionato. Ne sono state ricavate 7.000 bottiglie che in enoteca vanno a circa 10 euro.

Azienda Agricola Spadafora
Contrada Virzì
90046 Monreale (Pa)
tel. 091 6703322 – 091 514952
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
www.spadafora.com





Recensioni
di Gianni Paternò

Rubrica a cura di   Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner
Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Isidoro La Lumia, 98
90139 Palermo
tel. 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Roberto Chifari
Daniela Corso
Ilaria de Lillo
Lorella Di Giovanni
Alessandra Flavetta
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Stefania Giuffrè

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Giovanni Paternò
Geraldine Pedrotti
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Giorgio Romeo
Rosa Russo
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it