Banner
Banner
Banner
27
Giu

Vino della settimana: Malvasia 2013 di Cascina Gilli

on 27 Giugno 2014. Pubblicato in Il vino della settimana

Malvasia di Castelnuovo Don Bosco Doc.

Eccone un altro che faceva un altro mestiere, esattamente l’industriale elettrotecnico, e che è stato affascinato dal mondo del vino e dalla sua campagna. E’ il caso di Gianni Vergnano, che nel 1983 acquistò la Tenuta Gilli in frazione Nevissano del comune di Castelnuovo Don Bosco, chiamato così in quanto ha dato i natali al fondatore dei Salesiani, in pieno Monferrato, Patrimonio Mondiale dell’Unesco inserito appena il 22 giugno 2014. 
 
Sono 20 ettari di vigneti che circondano i fabbricati che hanno origine nel ’700 e culminano nella bella villa padronale. Gianni intuisce che deve valorizzare e tramandare i vitigni più tipici del territorio: la Freisa e la Malvasia a cui si affiancano la Barbera e la Bonarda. Oltre al riordino dei vigneti all’inizio degli anni 90 realizza la nuova cantina tutta sotterranea installando le autoclavi necessarie alla creazione dei vini dolci frizzanti e spumanti. La zona è collinare, con i vigneti a quote tra i 400 e i 500 metri in terreni costituiti da marne argillose grigio-azzurre, ed è ad altissima vocazione vitivinicola.

Oggi la produzione è di 120.000 bottiglie suddivisa in 11 etichette, che ancora hanno il maggior mercato in Italia anche se l’estero va crescendo esponenzialmente, e per la Malvasia le tipologie sono 3: frizzante, spumante e passito. Gianni continua ad occuparsi un pò di tutto, la nipote Chiara Martinotti, nella foto, si dedica alla commercializzazione, mentre consulenti sono Giovanni Matteis, agronomo, e Gianpiero Gerbi, enologo. Sulla Freisa Gianni crede molto e continua a sperimentarne lo sviluppo in quanto l’uva ha una concentrazione di polifenoli eccezionale ma contemporaneamente necessita di grande attenzione nella vinificazione e nell’affinamento per sviluppare tutta la sua potenzialità in longevità, struttura e complessità.

Ma torniamo alla nostra Malvasia che degustiamo nel millesimo 2013. Come abbiamo già detto è una Malvasia di Castelnuovo Don Bosco, DOC dal 1073, ottenuta per disciplinare almeno dall’85% di Malvasia di Schierano, o a grappolo corto, e di Malvasia a grappolo lungo, a cui può aggiungersi il poco di Freisa.
Le uve sono raccolte a mano, diraspate e pigiate sofficemente per non estrarre l’amaro e l’erbaceo dei vinaccioli. Segue una breve fermentazione con lieviti selezionati volta più all’estrazione del
colore che a sviluppare alcolicità. Il mosto così ottenuto è filtrato e conservato a bassa temperatura per mantenere intatte le caratteristiche di freschezza e di profumi. La fermentazione alcolica riprende poi in autoclave, con l’aggiunta di altri lieviti, sino a raggiungere la tipica effervescenza e i 5,5 gradi alcolici, come da disciplinare. Alla fine il grado zuccherino è di 120 mg/litro. All’imbottigliamento è necessario procedere ad una microfiltrazione per evitare ogni ulteriore rifermentazione degli zuccheri residui e permettere così una conservazione ottimale in bottiglia.

Versato in un calice non grande rivela un colore tra il rubino e il cerasuolo e una spuma fitta e persistente, quasi da birra. Già all’aspetto mette allegria. Il naso è fresco, vivacissimo, tipicamente da mosto profumato di fiori: glicine, viola, rosa, di frutti: mirtilli e lampone su tutti. Aromatico, inebriante, ridondante. Al palato si rivela asciutto, con una dolcezza moderata e compensata da una discreta acidità e da un accenno di tannini vellutati. Un insieme armonioso, fragrante di vino giovane, che invoglia a berne tanto anche per la sua bassa alcolicità e che lascia la bocca appagata, felice.

Gli abbinamenti classici sono i dolci, specialmente i biscotti, ma si esprime bene anche con i siciliani dolci di crema di ricotta: sfince e cannoli su tutto. Provatelo anche sui salumi e si rivelerà sorprendente. L’importante è che lo gustiate abbastanza freddo, sugli 8 gradi. Vino che in estate rischia  di scorrere a fiumi.
Sono 40.000 bottiglie che in enoteca vanno a 8 euro, praticamente quanto una birra artigianale. Economia e buon gusto, tanto buongusto.

Cascina Gilli
via Nevissano 36, 14022  Castelnuovo Don Bosco (At)
tel. 011 9876984
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
www.cascinagilli.it





Recensioni
di Gianni Paternò

Rubrica a cura di   Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner
Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Isidoro La Lumia, 98
90139 Palermo
tel. 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Roberto Chifari
Daniela Corso
Ilaria de Lillo
Lorella Di Giovanni
Alessandra Flavetta
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Stefania Giuffrè

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Giovanni Paternò
Geraldine Pedrotti
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Giorgio Romeo
Rosa Russo
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it