Banner
Banner

Banner

21
Set

Vino della settimana: Vigna del Cristo, Lambrusco di Sorbara DOC di Cavicchioli

on 21 Settembre 2013. Pubblicato in Il vino della settimana

Lambrusco di Sorbara e Lambrusco Salamino, rosso secco.

Il Lambrusco è uno di quei vini che ancora sconta nell’immaginario collettivo la fama di vino popolare, da osteria, da supermercato, di vino leggero, frizzante, amabile, da comprare a poco e da bere in quantità magari accompagnandolo ad un piatto della cucina emiliana. Invece, come qualsiasi vino, può raggiungere livelli di qualità e piacevolezza elevati, da grande vino che riesce a coprire un settore di mercato da non disprezzare assolutamente, quello dei vini frizzanti amabili o secchi.
 
Oggi recensiamo un Lambrusco di Sorbara DOC, sicuramente la denominazione di maggior pregio proprio perchè il Sorbara è quello che ha le rese più basse, il più difficile da portare a maturazione, con grappoli spesso spargoli e difficoltà di impollinatura tanto che è piantato insieme al Lambrusco Salamino che per disciplinare nel vino può arrivare al 40%. Lo recensiamo nella visione di Cavicchioli U. & Figli.

I Cavicchioli, che commercializzavano uve, nel 1928 con Umberto cominciano a produrre vino dai venti ettari di proprietà. Nel tempo gli ettari aumentano così come la produzione di vino, ma è nel dopoguerra che inizia veramente lo sviluppo dell’azienda con i tre figli Franco, Romano e Piergiorgio tanto che oggi gli ettari sono diventati quasi 100 . La conduzione tecnica della produzione è nelle esperte mani di Sandro che è enologo, mentre il fratello Claudio si occupa della distribuzione. Alla cantina a San Prospero conferiscono anche uve di altri produttori, arrivando così ad una bella produzione di 17 milioni di bottiglie. L’85% sono di Lambrusco nelle varie DOC tra cui  Modena, Reggiano, Grasparossa, Salamino nonchè IGT.
 
Il Vigna del Cristo è un frizzante a tappo raso e rappresenta il top di gamma, prendendo il nome dalla località omonima in Sorbara, frazione di Bomporto (Mo). Questa vigna posta dove il Secchia e il Panaro sono più vicini, si alimenta dai terreni alluvionali ricchi di limo e sabbia. Le viti, col Salamino al 33%, sono state impiantate nel 1983 a doppia cortina semplice, dove i germogli spuntano a circa 2 metri di altezza scendendo verso il basso, potata a cordone speronato. Anche se ci sarebbe la possibilità della raccolta meccanizzata, proprio per ottenere la massima integrità dei chicchi la vendemmia è fatta in cassette a mano. Dopo il diraspamento, una macerazione pellicolare a basse temperature per 48 ore mantiene i profumi e le caratteristiche del frutto. Una volta separate le bucce il mosto limpido, addizionato di lieviti selezionati, va in autoclave dove svolge la fermentazione e dove resta minimo 3 mesi fin quando si raggiunge una pressione di 2,5 bar ed un residuo zuccherino di soli 4-5 gradi. Poi un riposo in bottiglia di almeno un mese. Solo 11 il grado alcolico.

Assaggiamo l’annata 2012. Il colore è quello tipico del Sorbara cioè rosso chiaretto che lo fa sembrare un rosé più scuro. Versato nel bicchiere si manifesta una spuma rosata che svanisce in breve tempo. Il perlage è medio e si rivela principalmente attaccato al cristallo. Al naso deve prendere aria ed arrivano prima note vegetali e minerali poi quelle fruttate. Evidenti la viola, il lampone  e la ciliegia. Sentori da vino quasi austero. Ma è in bocca che rivela il meglio di sé. La sensazione olfattiva di essere in presenza di un vino secco si conferma al palato con una carbonatica leggera e non invadente, quasi da spumante. Un gusto vinoso con una gradevole sapidità e una piacevole acidità. Anche qui un vino minerale, di buon corpo che diventa fruttato al retrogusto.
Una piacevole sorpresa che vi fa completamente dimenticare il lambrusco del supermercato e vi invita a bere e ribere anche per la sua bassa alcolicità.
 
Abbiniamolo con le lasagne al ragout, con un cotechino e lenticchie, con polenta e salsicce ma specialmente con un fragrante panino imbottito di abbondante mortadella dop. Le bottiglie sono 75.000 e potete trovarle a 12 euro.

Cavicchioli U. & Figli
via Canaletto 52
41030 San Prospero (Mo)
tel. 059 812411
www.cavicchioli.it





Recensioni
di Gianni Paternò

Rubrica a cura di   Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette
Banner
Banner
Banner

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Maria Casiere
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Daniela Corso
Ilaria de Lillo
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Giorgio Romeo
Rosa Russo
Anna Sampino
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it