Banner
Banner
15
Ott

I tortellini all'anatra, il piccione, la gallina Una prova (buonissima) al Retrobottega di Roma

on 15 Ottobre 2018. Pubblicato in Dove mangio

di Stefania Petrotta, Roma

Roma è una città strana. È talmente bella, suggestiva e magica che sembra impossibile che qualsiasi angolino, locale o ristorante possa non essere perfetto.

E invece è una città dove, se non si sa dove andare e al netto dei nomi più famosi, è molto facile imbattersi in una cucina sciatta, mal eseguita e scadente. Probabilmente perché piena di turisti, più facilmente perché non comprende che il turismo debba essere una risorsa da coltivare piuttosto che da sfruttare. Ecco dunque perché, quando si riesce a scoprire un ristorante degno di questo nome, quasi quasi ci si esalta. Come è capitato in occasione della mia ultima visita romana coincisa con la presentazione del Taormina Gourmet all’Associazione Stampa Estera in Italia.

Retrobottega è un piccolo gioiellino. Incanta già dall’aspetto: una porta a vetri su un locale in penombra che si sviluppa lungo due sale eleganti e minimaliste con un tavolo sociale ciascuna (ci viene rivelato che esiste anche una saletta da sei fruibile solo previa prenotazione e per eventi particolari). Il ristorante è stato recentemente ristrutturato “Ma non da tantissimo - dice Giuseppe Lo Iudice, uno dei due chef patron; l’altro è Alessandro Miocchi - Il tavolo era dello stesso colore, ma più chiaro. Le pareti dello stesso colore, ma più chiare. Gli arredi dello stesso colore, ma più chiari” e scoppiamo tutti a ridere. Il senso di questo “scurimento” lo comprendiamo appieno quando arrivano i piatti: sono loro i protagonisti assoluti della serata e luci e arredi sono lì per magnificarli.


Abbiamo uno chef dedicato solo al nostro tavolo che compone i piatti sotto i nostri occhi e lavora così silenziosamente da farci dimenticare della sua presenza. Scegliamo la “Formula Retrobottega”, un percorso composto da due antipasti, un primo, un secondo e un dolce da noi scelti liberamente dal menù al prezzo di 55 euro. Unico diktat, come spesso accade, la formula viene realizzata per l’intero gruppo. Difficile scegliere tra i piatti alla carta, ci incuriosisce tutto e vorremmo provare tutto. Ci affidiamo dunque a Giuseppe, pur non comprendendo immediatamente che sia uno dei due chef dal cui pensiero quei piatti sono nati.

Nell’attesa ci viene servito del pane di segale e noci accompagnato da un burro acidificato ai semi di papavero e lino. Uno stuzzicante benvenuto.
Seguono i due antipasti scelti da noi.



Cavoli, senape e frutta secca, un tripudio di varianti di brassicaceae dalle diverse cotture. La senape completa con la sua nota piccante e leggermente acida e la cialda di frutta secca esalta la croccantezza già donata dal cavolo rosso. Molto buono.



Gallina, mais e paprica è il piatto che ci manda in visibilio. La cottura perfetta della carne, la dolcezza dei chicchi di mais, la leggera acidità della Caesar sauce, la nota croccante del mais soffiato e quella aromatica della paprica dolce ne fanno un piatto semplicemente perfetto dove tutti e cinque i gusti fondamentali sono chiaramente percepiti dalle papille gustative.


 

Segue un omaggio di Lo Iudice che decide che l’esperienza non sarebbe completa senza averci fatto provare la crepinette di foglie, limone e topinambur. Ed effettivamente quello che nasce come un piatto di carne mantiene dell’originale solo la rete di maiale che raccoglie al suo interno tutti gli ingredienti in un’esplosione di gusto e di freschezza che ci lascia stupefatti. Aveva ragione lui, impedibile.

Arriva il primo: tortellini, anatra e rape. Semplici e al contempo “completi”, ci preparano gradualmente al passaggio al secondo, da un lato ammorbidendo i sapori finora goduti, dall’altro creando l’ambiente neutro ideale ad accogliere il secondo.



E per secondo impossibile non scegliere il piccione laccato al pino, spinaci e santoreggia, pianta aromatica anche nota come erba pepe. Cottura impeccabile, rosata, carne tenera e per nulla stucchevole, pelle croccante dal sentore balsamico. Lo spinacino sgrassa e la santoreggia esalta. Quando si dice la perfezione della semplicità.


Terminiamo con un dolce. Giuseppe non ha alcun dubbio: yogurt di capra e liquirizia. Per una che non ama la liquirizia è difficile da accettare ma finora non ci ha delusi e se abbiamo deciso di fidarci dobbiamo farlo fino in fondo. E sia. Il crumble di liquirizia e il semifreddo analogo stemprano l’ercino dello yogurt di capra montato che, a sua volta attenua il forte aroma della liquirizia. A completamento una sottile cialda di meringa… la degna chiusura di una cena da ricordare.

Retrobottega
Via della Stelletta, 2 - Roma   
06 68136310
www.retro-bottega.com
Chiuso: lunedì  pranzo, 1 gennaio a pranzo e 25 dicembre a pranzo
Ferie: mai       
Carte di credito: tutte tranne Diners Club
Parcheggio: no

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Maria Casiere
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Daniela Corso
Ilaria de Lillo
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Giorgio Romeo
Rosa Russo
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY