Banner
Banner
Banner
11
Dic

"L'orto diffuso", il libro-manifesto che racconta come cambiare la città

on 11 Dicembre 2012. Pubblicato in Cosa leggo

Coltivare l’esperienza di condivisione del terreno, si diffonde la cultura degli orti urbani.

Alla cementificazione, ai mezzi di comunicazione sempre più virtuali e alla meccanizzazione dei processi come catalizzatori del nostro secolo si oppone oggi un fenomeno che sempre più sta prendendo piede a tutte le latitudini del mondo occidentale, una sorta di forma di resistenza per la riconquista degli spazi da coltivare anche laddove non si crede possibile. 

Ne parla Mariella Bussolati, autrice del libro “L’orto diffuso – Dai balconi ai giardini comunitari, come cambiare la città coltivandola”. Racconta di una tendenza che vede protagoniste quelle persone, privati cittadini soprattutto, non per forza le istituzioni, promuovere la riappropriazione della terra, gli spazi abbandonati che possono rinascere grazie all’intenzione di coltivare, prima bonificando, un’area urbana. In prima linea sono l’Inghilterra, la Francia, la Germania e la Spagna con esperienze già radicate di gestione comunitaria di spazi coltivabili nelle periferie e nelle aree del centro città di Londra, Parigi, Berlino e Barcellona. Esempi di tale impulso si riscontrano in quest'ultimo periodo anche a Milano e a Roma.


Immagine del libro su un orto urbano di Milano

Che siano “ufficialmente” riconosciuti oppure, per contro, “occupati”, l’essenza di tale movimento sociale è la condivisione: l’orto non è di proprietà privata, non è recintato, non ha lucchetti all’ingresso, ma fa parte del quartiere. Si mette in collegamento con le scuole, con i Gruppi di Acquisto Solidale e si basa sul dialogo tra le persone e lo scambio di esperienze.

L’orto urbano nella sua declinazione di spazio comunitario rappresenta, dice l’autrice, “il vivere la città in maniera organica, proprio come un essere umano”, seguendo il ritmo della natura, del progresso e dei cambiamenti per adattarsi al contesto. Una “rivendicazione della città”, aggiunge, “ed un arricchimento delle competenze di chi partecipa”. Un viaggio attraverso la determinazione di persone che a volte vanno contro la “natura della burocrazia” che ostacola la concessione alla gente di spazi comuni e autogestiti, per riprendere un contatto con la “natura in città”. “L’orto diffuso – Dai balconi ai giardini comunitari, come cambiare la città coltivandola” (Orme edizioni, Collana Secondo Natura, pp. 160, 14,90 euro).

Lucrezia Balducci

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner
Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Roberto Chifari
Daniela Corso
Ilaria de Lillo
Lorella Di Giovanni
Alessandra Flavetta
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Stefania Giuffrè

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Giovanni Paternò
Geraldine Pedrotti
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Giorgio Romeo
Rosa Russo
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it