Banner
Banner
Banner
05
Apr

"Etna. I vini del vulcano", il saggio di Salvo Foti tra scienza e sociologia

on 05 Aprile 2012. Pubblicato in Cosa leggo

Esce la nuova edizione di “Etna. I vini del vulcano” edito da Giuseppe Maimone Editore e scritto da Salvo Foti, enologo e a capo del consorzio I Vigneri.

A sette anni dalla prima uscita del libro i contenuti del saggio si aggiornano con un’ampia sezione dedicata al sistema di allevamento ad alberello come strumento di salvaguardia del territorio e al valore delle antiche maestranze legate a questa pratica. Contributi scientifici e sociologici che arricchiscono la riflessione sul mondo Etna alla luce del successo che sta ottenendo come fenomeno enologico degli ultimi tempi.
 
Un libro per tecnici ma anche per appassionati che vogliono approfondire la conoscenza su questa isola del vino d’alta quota.
 
"Non ho voluto concentrarmi solo sugli aspetti agronomici – spiega Foti -. Cerco sempre di affrontare diversi punti di vista,  aspetto storico, aspetto sociale, antropologico, le mie esperienze tecniche e di ricerca scientifica sono solo il punto di partenza della mia analisi”.

Il libro rimarca l’unicità del territorio Etna riferendosi al passato, pescando nella storia. Fonti di questa ristampa sono infatti libri e documenti antichi.
 
“Molti parlano di vino dell’Etna ed è come se non fosse stato fatto nulla prima, ognuno dà una propria opinione, ma i grandi passi e gli studi più interessanti sono quelli compiuti nel passato. E per capire cosa sia oggi l’Etna bisogna attingere ai vecchi libri, come gli scritti di Domenico Sestini datati fine ‘700. Spesso oggi chi ritorna al passato viene osannato come innovatore, invece noi non siamo altro che continuatori”.

Recuperare la conoscenza sulle origini come  passo indispensabile per potere fare passi in avanti. Il futuro, come viene rimarcato costantemente nelle pagine del libro, non sarebbe altro che una forma di tutela del territorio. “L’alberello ha questa funzione. Non solo la migliore per motivi tecnici ma anche per ragioni estetiche, parlo dal punto di vista paesaggistico. L'alberello garantirebbe la salvaguardia di territori a rischio, dove potrebbero esserci problematiche pedoclimatiche. Un modo per contrastare la distruzione ampelografica del terreno, perché costringe l’uomo a ritornare ad avere il contatto con il terreno e a dialogare con la pianta. E’ un modello esportabile. Non è solo relegato all’Etna. Ne abbiamo avuto dimostrazione portandolo sulle Lipari o a Paceco”.

Questo tipo di viticoltura potrebbe essere volano per lo sviluppo del territorio e del comparto. “Ce lo dice la storia appunto – ribadisce l’enologo -. I Vigneri, come corporazione di viticultori nell’800, godeva di forza non solo sociale ma anche economica e finanziaria, tanto da sovvenzionare la rivolta contro i catalani”.

Il libro verrà distribuito in tutta Italia. Prezzo di copertina 15 euro.
 

C.d.G.

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner
Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Roberto Chifari
Daniela Corso
Ilaria de Lillo
Lorella Di Giovanni
Alessandra Flavetta
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Stefania Giuffrè

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Giovanni Paternò
Geraldine Pedrotti
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Giorgio Romeo
Rosa Russo
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it