Banner
Banner
31
Mag

on 31 maggio 2007. Pubblicato in Cosa leggo

    COSA LEGGO

Parlar di cibo, vera passione italiana

copj.jpgForse è vero. La cosa che gli italiani sanno fare meglio è parlare di cibo. Oltre che, per i maschietti, parlare di donne. Vale la pena a questo proposito citare un passo di Vitaliano Brancati, splendido scrittore siciliano sempre meno letto, che può ben reggere il ragionamento, a patto di cambiare l’oggetto del desiderio: dalla donna al cibo.
«Il pensiero della donna che non sia la propria – scrive l’autore di Paolo il caldo - , batte come il sangue nel cervello di tutti. Alle sette del mattino, il marito volta, sul letto, la schiena alla moglie per pensare indisturbato alla donna: subito la spiaggia di Taormina o quella di Mondello riappare nella fantasia di questo gentiluomo in pigiama, e nel mezzo del quadro una bella ungherese si scuote la sabbia di dosso con le mani di rosa, facendo sentire, fin nelle ossa di colui che le sta accanto, il suono delle spalle, dei fianchi delle ginocchia, dei piccoli piedi. La paziente moglie lo sa, e non è stato una sola volta che, rigirando per i capelli il capo del marito verso di sé, gli ha visto negli occhi imbambolati il pensiero della donna come il colore della paura negli occhi di un coniglio ancora caldo e palpitante per l'inutile corsa. (...) La moglie è una cosa, la donna un'altra! Nei lunghi pomeriggi d'estate, quando, tra le lenzuola arrotolate come corda, non trovano pace, e cercano invano di estrarre la testa dalle torbide fantasie, il loro unico conforto è il pensiero che la "donna" è in preda alle medesime smanie e va sbattendo nel proprio letto. Pensiero che li consola per modo di dire; perché invece è quello che li fa smaniare di più. A questi errori fatali si aggiunga il costume, anch'esso fatale per la pace e il lavoro, di gloriarsi di tali smanie. Chi smania di più è più uomo; una sorda gara è impegnata a chi arrivi per primo alla frase: “Non ne posso più”. (...) Questo avere i sogni, e la mente, e i discorsi e il sangue stesso perpetuamente abitati dalla donna, porta che nessuno sa poi reggere alla presenza di lei».
Ora, al di là della maestria con la quale lo scrittore di Pachino raffigura il “gallismo” dei siciliani, se cambiamo la femmina col cibo il gioco è fatto. Quanti uomini sognano la trattoria lontana centinaia di chilometri davanti alla minestra scodellata in tavola dalla moglie? Quante volte l’uomo che addenta una fetta rinsecchita di vitello servita dalla suocera sogna, estasiato, il brasato gustato due mesi prima durate una cena di lavoro in quel tale ristorante? E con quale dovizia di particolari, sino a sentirne il gusto, saprebbe descriverlo fino a sbavare di gioia? Perché quel piatto sembra essere là, come una donna in attesa, pronto per essere amato e, dunque, mangiato.
Così sembra che la raffinata traduttrice russa Elena Kostioukovitch abbia colto nel segno scrivendo “Perché agli italiani piace parlare del cibo” (Sperling, pp. 532, 22 euro). Lei, che ha tradotto Umberto Eco e a lui ha chiesto la prefazione al libro, è partita da una constatazione: quando si trovava conversazione con amici italiani a un tratto si perdeva, si smarriva. E perché mai? Perché tutti si mettevano a parlare di cibo. Ed ecco, dunque, spiegata la ragione per affrontare un argomento che è ragione di discussione per tutti gli abitanti del Belpaese.
Dice Eco: "Forse in Italia più che altrove (anche se la legge vale per ogni paese) scoprire la cucina vuol dire scoprire l'anima degli abitanti”. E confessa: quando sono all’estero «faccio due cose: cammino per le strade fino a perdermi e poi vado a cercare il cibo locale». E poi spiega perché vale la pena addentrarsi fra le pagine della Kostioukovitch: «Elena, che pure si rivela prodigiosa conoscitrice della cucina italiana in tutte le sue sfumature e i suoi misteri, circonduce per mano (e diciamo pure per palato e per naso) nel suo viaggio culinario non solo per farci conoscere dei cibi ma per farci conoscere l'Italia, che essa ha passato la vita a scoprire. Questo che state per leggere è un libro sulla cucina ma anche un libro su un paese, su una cultura, anzi, su molte culture. [...] Praticano ancora, gli italiani, l'incontro con le molte cucine del proprio paese come mezzo di reciproca conoscenza? Non lo so. So che quando uno straniero (o una straniera) mosso da grande amore per questa terra ma conservando pur sempre lo sguardo distaccato di chi viene dal di fuori, inizia a descriverci l'Italia attraverso la sua cucina, allora gli stessi italiani scoprono un paese che avevano (forse) in gran parte dimenticato».


Gi. Ma.
Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette
Banner
Banner
Banner

Facebook Fan Box

Banner
Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Roberto Chifari
Daniela Corso
Ilaria de Lillo
Lorella Di Giovanni
Alessandra Flavetta

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Stefania Giuffrè

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Giovanni Paternò
Geraldine Pedrotti
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Giorgio Romeo
Rosa Russo
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it