Banner
Banner
10
Lug

on 10 Luglio 2008. Pubblicato in Cosa leggo

    COSA LEGGO

Quando mangiare è un’avventura

libro_rockrestaurant.jpgAlex Kapranos è il carismatico leader anglo-greco di una band scozzese molto cool fra quelle indie, i Franz Ferdinand. Ha scoperto, piccolissimo, di essere allergico alle arachidi e che non gli piacciono formaggio, pomodoro e patatine. Sostiene che mangiare è un'avventura. Gira il mondo per lavoro, i tour della sua band coprono gran parte del pianeta. In Gran Bretagna le sue scorribande culinarie, sotto forma di articolo a metà tra una recensione sopra le righe e un racconto, finiscono sulle pagine del quotidiano "The Guardian" e in Italia sono riprese dalla rivista Internazionale, che le ha raccolte nel volume "Rock restaurant" (170 pagine, 12 euro). Una vita fa, quando non era ancora una rockstar, ha fatto mille lavori, anche il cameriere e l'aiuto-cuoco. E certi esilaranti aneddoti della sua vita precedente (indietro fino ai ricordi d'infanzia) nelle sue pagine s'insinuano fra quelli più recenti, che consistono in originali e ironici resoconti dei suoi pasti in giro per il mondo.
Tra le pagine del volumetto c'è di tutto: il pessimo vino bevuto in un ristorante di New York, una deliziosa anguilla gustata a San Francisco, il magnifico agnello assaggiato a Pigalle, in una desolata domenica parigina, quando molti locali sono chiusi, il frigo vuoto di casa, a Glasgow. A Monaco non disdegna il Krustenbraten, maiale croccante ("che sembra verniciato di lucido, come un mobile"), a Sidney divora i granchi piccanti di acqua dolce. E così via, dal sashimi di Osaka alle ostriche di montagna (testicoli di toro) di Buenos Aires, Kapranos offre una carrellata culinaria che - geograficamente - ha pochi eguali, visto che la sua cultura gastronomica è estesa ad ogni continente. Ogni cibo, ogni ristorante, ogni situazione sono osservati tanto con gli occhi dell'ironia quanto con quelli dello stupore. Per certi versi Kapranos trova il massimo... a due passi da casa: in un ristorante indiano di Londra trova quello che cerca. "Nel locale - scrive - piuttosto che una montagna di roba impossibile da finire, si servono in stile tapas dei piccoli piattini di prelibatezze da dividere, rendendo tutto un'esperienza molto più sociale. È così che dovrebbe essere una cena al ristorante: confrontare, condividere e commentare il cibo, non l'egoistico ingurgitare la propria porzione, che è tipico della Gran Bretagna e del Nord America".


Salvatore Lo Iacono
Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner
Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Roberto Chifari
Daniela Corso
Ilaria de Lillo
Lorella Di Giovanni
Alessandra Flavetta

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Stefania Giuffrè

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Giovanni Paternò
Geraldine Pedrotti
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Giorgio Romeo
Rosa Russo
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it