Banner
Banner
11
Apr

on 11 Aprile 2007. Pubblicato in Cosa leggo

    COSA LEGGO  


Il giornalista e subacqueo Ninni Ravazza racconta l’epopea dei pescatori di tonno
 

La mattanza, corrida del mare


Mattare, ammazzare cioè, è parola di derivazione latina. Viene da mactare che significa uccidere con una particolare forma, con un particolare rituale. E dalla suggestione etimologica due espressioni vengono in mente a tal proposito: matar, che riporta alle corride e ai toreri (matador); e mattanza, che riporta ai marinai, a storie di Achab cotti dal sole. Solo che non cacciano la balena come nel capolavoro di Melville, ma  tonni. Seguendo le tracce di insegnamenti millenari, riportati – nero su bianco – da grandi storici e letterati dell’antichità. E sulle distese di mare, dispiegando reti che creano camere di morte e vasche di sangue, si ripeteva ogni anno un antico rituale. Diciamo di ripeteva perché va malinconicamente a perdersi questa antica arte della “caccia” con la progressiva chiusura di quei luoghi mitici chiamati tonnare.E in tutta la sua abbagliante malìa, con una competenza che gli deriva dall’assidua e amorevole frequentazione della tonnara di Bonagia, ci racconta l’epopea di questi pescatori Ninni Ravazza. Giornalista, esperto di cose di mare,  pescatore subacqueo, corallaro, sommozzatore di tonnara, fotografo di una certa fama. Ha scritto un libro che è come un diario di bordo di vent’anni, quelli che lui ha passato dal 1984 al 2003 a Bonagia, nel Trapanese ( Diario di tonnara,  pp. 330, 17, 50 euro Magenes editore). Quattro lustri passati a stretto contatto con raìs, timonieri, pescatori. E il mare. Il mare. La sua grande passione. Anni trascorsi  fra paure, gioie, malinconiche attese dei pesci. Ma anche il terrore del   bistinu, la bestia che distrugge tutto. Lo squalo.Gli episodi narrati da Ravazza hanno il colore gioioso di certe espressioni raccolte qua e là fra una pausa e l’altra, il sapore di una tradizione orale che si perde nella notte dei tempi. Un libro che si può affrontare dalla prima all’ultima pagina. Ma si può leggere a “saltare”. Ed è anche un “libro da vedere” viste le numerose foto che vi sono riprodotte. Insomma leggetelo come volete. Non ve ne pentirete.

Gi. Ma.
Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner
Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Roberto Chifari
Daniela Corso
Ilaria de Lillo
Lorella Di Giovanni
Alessandra Flavetta

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Stefania Giuffrè

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Giovanni Paternò
Geraldine Pedrotti
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Giorgio Romeo
Rosa Russo
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it