Banner
Banner
Banner
15
Apr

Nel libro di Lorella Di Giovanni l'ape nera sicula protagonista di un racconto illustrato

on 15 Aprile 2015. Pubblicato in Cosa leggo


(Lorella Di Giovanni)

Definirla una favola per bambini sarebbe riduttivo. In realtà è un racconto illustrato che parla a grandi e piccini utilizzando il linguaggio della natura siciliana.

Protagonista è l’ape nera sicula, salvata dall’estinzione da un valente apicoltore che adesso si prende cura di lei e della sua famiglia. Ma ci sono anche la ferula, i fiori di sulla, la coturnice, l’acetosella, gli alberi di carrubo, la lucertola verde e gialla.
Una natura inconfondibilmente siciliana che fa da sfondo a L’Ape Nenè e l’Ape Ligù, opera prima di Lorella Di Giovanni, economista agrario di Alcamo in provincia di Trapani che, tra le pagine del suo libro, ha voluto esprimere tutta la sua passione nel voler restituire ai bambini quel senso di appartenenza al contesto rurale che li circonda.
 
Ambientata nell’agro di Carini, la favola edita da Edizioni Arianna - che ha per protagoniste l’Ape Nenè, ovvero l’Ape nera sicula, e l’Ape Ligù, cioè quella a strisce gialle e nere - racconta la storia di una piccola ape ligustica che, spinta dalla curiosità, smarrisce la via di casa, ritrovandosi da sola all’interno delle mura di un vecchio castello abbandonato. Qui Ligù conosce Nenè, l’ape del colore della notte. Le due api vivono insieme una serie di esperienze, aguzzano l’ingegno per risolvere piccoli inconvenienti e danno alla storia il suo lieto fine.


(Una delle illustrazioni del libro)

Circondata da una flora tipica mediterranea, dove il colore porpora dei prati di sulla, le cordate odorose di timo e rosmarino, le corolle del vilucchio siculo ed i lunghi steli dell’acetosella fanno da sfondo, Ligù scopre, attraverso le parole di Nenè, la triste storia delle api nere sicule, abbandonate dagli apicoltori che preferirono allevare le più produttive api ligustiche.

 “Il rischio di estinzione dell’ape nera sicula – spiega Lorella Di Giovanni – ha messo in pericolo non soltanto un patrimonio della biodiversità ma anche un prodotto alimentare a forte identità territoriale e storica, fonte di reddito per gli apicoltori.  Con questa favola ho voluto promuovere tra i giovani lettori la cultura alimentare e quella ecologica, attraverso la scelta di uno strumento di comunicazione molto vicino alla realtà del mondo infantile, la favola, da sempre utilizzata per trasmettere valori che possano favorire processi di crescita personale. Il racconto – conclude l’autrice - vuole contribuire alla diffusione tra i bambini di una nuova cultura del ‘buon gusto’  –  inteso nella sua estensione di buon senso, di misura e di capacità di discernere ciò che è opportuno – che consideri la bellezza della natura, il valore del rispetto e dell’equità, il riconoscimento dei diritti di animali e piante, l’altruismo, lo scambio e la solidarietà, in una dimensione di bene comune”.

Clara Minissale

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner
Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Isidoro La Lumia, 98
90139 Palermo
tel. 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Roberto Chifari
Daniela Corso
Ilaria de Lillo
Lorella Di Giovanni
Alessandra Flavetta
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Stefania Giuffrè

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Giovanni Paternò
Geraldine Pedrotti
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Giorgio Romeo
Rosa Russo
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it