Banner
Banner
17
Apr

Mangia come parli, ecco come è cambiato il vocabolario del cibo

on 17 Aprile 2014. Pubblicato in Cosa leggo


 

Cambiano le parole del cibo. Un'evoluzione che lascia dietro di sé significati, li trasforma e ne porta di nuovi.

Cinzia Scafidi, direttore del Centro Studi di Slow Food e responsabile delle Relazioni Iternazionali dell'Università di Scienze Gastronomiche,  ha fotografato nel libro "Mangia come parli", edito da Slow Food, la rivoluzione del vocabolario del cibo. Centosessanta pagine, 14, euro. E' il terzo che firma la Scafidi, dopo "Guarda che mare", scritto insieme a Silvio Greco, e "Sementi e diritti", curato insieme a Stefano Masini. A Messina alla Libreria Colosi,  in via Centonze 277, mercoledì 23 aprile alle 18,30, l'autrice illustrerà al pubblico i riferimenti semantici con cui ci orientiamo nella nutrizione e che ci legano al territorio. 

Prendiamo la parola  “vecchio”, per esempio scrive la Scafidi: "Vecchio era una bellissima parola. A tavola, poi, era perfettamente a suo agio. Il pane vecchio la faceva da padrone; il formaggio, il vino, le vecchie varietà locali di frutta, ortaggi, cereali, il vecchio ricettario di casa. Poi è arrivato Nuovo. Non è arrivato un po’ per volta, come aveva fatto Vecchio. È arrivato tutto insieme. Su più fronti, in varie forme. Nei campi e nelle stalle arrivavano i laureati delle facoltà di Agraria parlando di nuove sementi, nuove razze, nuovi prodotti, nuovi sistemi; nei negozi arrivavano nuovi formaggi, nuovi salumi, nuovi ortaggi e nuova frutta. Guardammo Vecchio e non capimmo più cosa ci stesse a fare. Lui, va detto, non combatté, non trovò alleati e si ritirò, un po’ offeso, o forse davvero convinto che il suo tempo fosse ormai passato. Ma dopo qualche decennio di corse a perdifiato, per mano a Nuovo, qualcuno si voltò a guardare la strada percorsa e il posto in cui eravamo".

Altro termine interessante è “crudo”: «Crudo è una parola doppia, che parla di preistoria e di modernità, di povertà di mezzi e di raffinatezza di scelte, di immediatezza e di elaborazione. Cotto rassicura e a volte annoia, Crudo agita ma attrae. Ovviamente il termine crudo si usa oggi per designare il consumo non cotto di cibi che invece siamo abituati a consumare previo trattamento termico: […] pesce crudo o latte crudo o carne cruda. […] Tutto quel che viene cotto modifica le proprie caratteristiche, ma nessuno sostiene, per esempio, che verdure, uova o carne di qualità non debbano passare per il fuoco. Il latte merita un discorso a sé […]. Sul latte c’è stato una specie di riflesso condizionato, innescato da un’industria che non sa che dire sul proprio latte e quindi parla delle caratteristiche di processo e non di prodotto: è pastorizzato!». 

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette
Banner
Banner
Banner

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Maria Casiere
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Daniela Corso
Ilaria de Lillo
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Giorgio Romeo
Rosa Russo
Anna Sampino
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it