Banner
Banner
27
Dic

d.zero, la scommessa (vinta) di Milazzo

on 27 Dicembre 2012. Pubblicato in Cosa bevo


Da sinistra Saverio Lo Leggio, Giuseppina Milazzo,
Giuseppe Milazzo e Giuseppe Lo Leggio‏

Il primo dosaggio zero che io ricordi al di giù di Napoli, o potremmo dire, a sud della linea gotica, se preferite.

E alla prova dell'assaggio l'esperimento sembra riuscito. E un po' ci inorgoglisce visto che è uno di quei vini su cui abbiamo scommesso e che, un po' involontariamente, abbiamo anche sponsorizzato, sotenuto, invogliato. E' il d.zero di Milazzo, un rosato metodo classico, l'ultima declinazione degli spumanti di questa cantina di Campobello di Licata, in provincia di Agrigento, che proprio su questa tipologia di vino ci crede da una trentina di anni. Senza tregua. Giuseppe Milazzo è un pioniere insomma e l'esperienza sugli spumanti ormai è tale che nel Sud Italia ha pochi rivali. Il suo lavoro oggi è affiancato dalla figlia Giuseppina e dal genero Saverio Lo Leggio, presenti in azienda adesso sempre più sulle prime linee.

Dunque il d.zero rosato. Intanto ce n'è pochissimo. Poche bottiglie, almeno per questa prima produzione. Ed è un blend di Insolia rosa e Chardonnay. La prima varietà di uva è uno dei fiori all'occhiello della cantina che dà struttura e profondità a questo metodo classico, l'altra regala un pizzico di eleganza. Che non guasta. Naso di finissima crosta di pane assieme a note sfumate di fragola e frutti a bacca rossa. Chi si aspetta uno spumante tagliente non resterà deluso. Ed è questo il bello. Niente accomodamenti, niente ingressi piacioni. D'altra parte il grado zuccherino è quello del pas dosé, inferiore a tre grammi per 

litro, perché non c'è zucchero nel liquer d'expédition. Deciso, esuberante, scattante, di ampia freschezza, bella cremosità, di grande lunghezza al palato. Il dosaggio zero è uno di quei spumanti che si presta ad essere bevuto in mille modi. Da solo. Ma anche con piatti di varia fattura. Pesce, ma pure carne. Senza timori. Purché sia servito freddo, non più di dieci gradi. Per enofili desiderosi di cose diverse. In enoteca costa tra i 25 e i 28 euro. Ben spesi.

F. C.

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette
Banner
Banner
Banner

Facebook Fan Box

Banner
Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Roberto Chifari
Daniela Corso
Ilaria de Lillo
Lorella Di Giovanni
Alessandra Flavetta

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Stefania Giuffrè

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Giovanni Paternò
Geraldine Pedrotti
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Giorgio Romeo
Rosa Russo
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it