Banner
Banner
16
Apr

Granato 2001 di Elisabetta Foradori: un rosso stre-pi-to-so

on 16 Aprile 2012. Pubblicato in Cosa bevo

Sì è vero, il tappo è andato in briciole. E quando accade non è un bel segno. Non ha retto al tempo.

Oppure è stata la mia imperizia nel tirarlo fuori dal collo della bottiglia. Il vino alla fine lo abbiamo salvato. E che vino, ragazzi. Stre-pi-to-so. Granato 2001 di Elisabetta Foradori. Oltre 10 anni dopo. Rosso profondo, cupo che più cupo non si può. Naso complesso, molto complesso, di terra, di muschio, di caffè. Lo assaggi e non ti sembra vero.

Poi resti sorpreso dalla vena acida, dalla morbidezza mai stucchevole anzi con qualche spigolosità che nasce dalla terra. Energia pura. Come una galoppata sulla piana Rotaliana, lì dove nasce questo rosso da uve Teroldego. Poi il vino si distende, ti affranca, ti chiede di continuare. E tu continui, riprendi il bicchiere e trovi ancora nuove sensazioni, terziari evoluti, determinati, lunghi. Sì, Granato. Sì, Teroldego, varietà tra le più snobbate del pianeta che Elisabetta Foradori ha avuto la fortuna - per noi - di studiare, di rivalutare e di proiettare verso traguardi impensabili.


Interno della cantina

Conosco Elisabetta da vari anni. Personalmente ritengo sia una delle donne italiane del vino più intriganti che ci siano. L’abbiamo invitata a un De Natura Vini nel gennaio 2010 a Palermo. Ascoltarla è sempre un piacere. Non va sottovalutata la sua svolta verso la biodinamica, il rispetto dell’ambiente, le anfore, tutte cose di cui oggi si sente molto parlare ma che lei ormai segue da anni. Conosco altri suoi vini, ma un Granato così buono non lo ricordavo. Forse è uno dei migliori millesimi che abbia prodotto. L’ho comprato a meno di 40 euro da Giuseppe Lisciandrello, il patron di Vino Veritas a Palermo. Il suggerimento è suo e gliene va dato merito. Andrò a comprarne le altre bottiglie.

Ora resta da colmare la lacuna di conoscere i vigneti di Elisabetta. Dopo il Granato 2001 urge una visita. Non è più rinviabile. Bisogna andare in cantina a Mezzolombardo, in provincia di Trento, paesino che conosco per ragioni lontane dal vino adagiato su una parete di una montagna che anticipa i tramonti. È lì che nasce il Granato. È lì che bisogna andare. Per un omaggio al territorio.

F. C.
 

FORADORI
Via Damiano Chiesa 1
38071 Mezzolombardo (TN)
tel +39 0461 601046
fax +39 0431 603447
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette
Banner
Banner
Banner

Facebook Fan Box

Banner
Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Roberto Chifari
Daniela Corso
Ilaria de Lillo
Lorella Di Giovanni
Alessandra Flavetta

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Stefania Giuffrè

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Giovanni Paternò
Geraldine Pedrotti
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Giorgio Romeo
Rosa Russo
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it