Banner
Banner
Banner
05
Ott

Il Vouvray Demi-sec 2005 di Foreau: dieci anni e non sentirli...

on 05 Ottobre 2015. Pubblicato in Cosa bevo

di Federico Latteri

La valle della Loira è un incredibile mosaico di terroirs con una ricchissima varietà di suoli, esposizioni, microclimi e vitigni coltivati.

Ne deriva un numero enorme di tipologie di vini, veramente difficile da trovare in qualsiasi altra parte del mondo. Si producono vini rossi, da quelli di pronta beva a quelli importanti da lungo invecchiamento, rosè, bianchi, sia secchi che con vari livelli di residuo zuccherino, vini dolci e spumanti. Tra i vitigni a bacca bianca il più importante è senza dubbio lo Chenin Blanc e Philippe Foreau, proprietario del Domaine du Clos Naudin, è considerato da tutta la stampa mondiale uno dei migliori interpreti di questa varietà. La sua azienda si trova nella Turenna, nell’Aoc Vouvray, situata sulla riva destra della Loira, appena a est della città di Tours. La proprietà appartiene ai Foreau da tre generazioni, essendo stata acquistata nel 1923 dal nonno di Philippe.

I vigneti, tutti coltivati a Chenin Blanc, hanno un’età media di circa 45 anni, un’estensione complessiva di 12 ettari e sono esposti a sud, sud-est e sud-ovest. Si producono vini fermi, sia secchi che con residuo zuccherino e spumanti per un totale di circa 55 mila bottiglie l’anno. Il terreno di Vouvray è costituito da un substrato roccioso di origine calcarea di colore giallo, denominato “tuffeau” e da suoli argillosi che contengono in alcune aree silice e limo. Bilanciando le varie caratteristiche offerte dai diversi tipi di terreno si ottengono i vini migliori, la composizione argilloso-silicea è responsabile del carattere minerale, quella argilloso-calcarea conferisce potenza. Al Domaine du Clos Naudin si pratica l’agricoltura biologica, non vi è impiego di sostanze chimiche e si utilizzano concimi organici.


(Philippe Foreau)

La vendemmia viene effettuata a mano in diversi passaggi al fine di raccogliere i grappoli con il grado ottimale di maturazione e selezionare quelli con appassimento o attacco da parte di muffa nobile. La fermentazione alcolica avviene grazie ai lieviti indigeni naturalmente presenti sulla buccia dell’uva ed è fatta all’interno di vecchie botti da 300 litri che si trovano nella cantina scavata nella roccia calcarea. L’acciaio è usato per i vini che diventeranno spumante ed in parte per i vini secchi. Philippe è stato definito un esteta del vino poiché è sempre alla ricerca dell’equilibrio e dell’eleganza. Ciò viene fatto ottenendo ed armonizzando tutto in maniera assolutamente naturale. Non si accettano compromessi. Per questo motivo i vini con residuo zuccherino vengono fatti solo quando l’annata lo permette.


(I vigneti di Clos Naudin)

Non si pratica mai aggiunta di zuccheri, acidificazione e si usa una quantità minima di zolfo. La fermentazione malolattica non viene effettuata per preservare al meglio l’acidità e la freschezza degli aromi. I vini sono messi in bottiglia tra aprile e maggio dell’anno successivo alla vendemmia. La gamma del Domaine du Clos Naudin è composta da due spumanti, di cui uno denominato “reserve” e dai Vouvray fermi che sono il “sec”, con meno di 5g/l di zuccheri residui, il demi-sec (15-20 g/l circa), il moelleux (a partire da 30-40g/l, ma spesso molto di più), il moelleux reserve (120-180 g/l, prodotto non frequentemente, solo in annate particolarmente favorevoli) ed infine il moelleux “Goutte d’Or”, nettare d’eccezione che fino ad oggi è stato fatto solo tre volte (1947, 1990, 2011). Tutti i vini hanno una grande longevità, caratteristica confermata in pieno dall’assaggio del Vouvray demi-sec 2005 che, a 10 anni dalla vendemmia, è apparso in splendida forma.


(La cantina di Clos Naudin)

Viene da un’annata eccellente che ha permesso di ottenere grande equilibrio ed un ottimo potenziale evolutivo. Versato nel bicchiere, si è subito attratti dal colore, un bellissimo giallo oro, brillante. Questo Chenin Blanc non va degustato molto freddo, 12-14 gradi vanno bene e la bottiglia va stappata con un buon anticipo. Il naso è molto elegante, complesso, preciso. Si riscontrano marzapane, albicocca, una componente floreale e note minerali che richiamano il territorio di provenienza. Al palato è avvincente la progressione che vede inizialmente freschezza, poi note dolci ed infine una grande sapidità. Mela cotogna, marzapane, zenzero, scorzette di agrumi contribuiscono a creare una grande complessità. Stupiscono gli equilibri che ci sono tra le varie componenti del vino, i 18g/l di zuccheri, l’acidità, le evidenti note saline ed il corredo aromatico importante non sono mai prevalenti l’uno sull’altro, ma contribuiscono all’armonia generale che rende godibilissimo ogni sorso ed invita a bere il successivo. Possiamo abbinarlo a pesci in salsa, preparazioni con pesto di agrumi o frutta di vario genere, cibo cucinato in agro-dolce. Straordinario con la caponata di melanzane.

Una bottiglia che ci regala sensazioni molto particolari, spingendoci a comprendere la grandezza di un terroir e la passione e la competenza di un uomo, Philippe Foreau.
 
 
Prezzo in enoteca 30 €
Importato da Teatro del Vino, Calenzano (FI)
Domaine du Clos Naudin  14, rue Croix Buisée, 37210 Vouvray, France
Tel. +33247527146
 

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner
Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Isidoro La Lumia, 98
90139 Palermo
tel. 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Roberto Chifari
Daniela Corso
Ilaria de Lillo
Lorella Di Giovanni
Alessandra Flavetta
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Stefania Giuffrè

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Giovanni Paternò
Geraldine Pedrotti
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Giorgio Romeo
Rosa Russo
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it