Banner
Banner
Banner
05
Dic

Nutaru, le bollicine di Avide

on 05 Dicembre 2013. Pubblicato in Cosa bevo

La scintilla per le bollicine scoccò nel 2008, quando Marco Calcaterra, nipote del notaio Giovanni Demostene, proprietario di Avide, si stava laureando in Scienze enologiche.

La sua tesi? “Produzione in Sicilia di spumante metodo classico da uve della cultivar Frappato”. Da allora l’amore non è mai scemato, anzi si è alimentato. 

Ed oggi Avide, di cui Marco Calcaterra è ormai direttore e agronomo, presenta uno spumante metodo classico in due versioni, bianco e rosè. Si chiama Nutaru, chiaro riferimento a Demostene, ed è stato presentato nei giorni scorsi dalla cantina di Comiso con un evento all’antico convento dei cappuccini di Ragusa Ibla. Special guest della serata gli chef Dario Diliberto (Tocco Sicilian Ways  - Ragusa), Massimo Blanco  (Ristorante Cibus - Niscemi), Francesco Piparo (Le Terrazze – Mondello, Palermo) e Rita Russotto  (Ristorante Satra - Scicli) che hanno preparato dei finger food da abbinare agli spumanti.

Torniamo ai protagonisti della serata. Il Nutaru rosè nell’etichetta porta il nome di Francesco De Stefano che nel 1882 acquistò il primo vigneto su cui con mezzadria si portava a frutto il lavoro.  Il brut è invece dedicato al notaio Giovanni Demostene, motore della moderna cantina Avide.

Entrambi, ovviamente espressione di uve Frappato, si caratterizzano per vinificazioni in bianco con permanenza sulle bucce, macerazione di 36 ore per il rosè. Dopo il tiraggio è prevista una permanenza di 24 mesi sui lieviti.

“Il Frappato – spiega Calcaterra -  è stato scelto come matrice per la produzione del metodo classico, perché tra le uve siciliane, è quella che si presenta indubbiamente con un ottimo rapporto acidità, concentrazione zuccherina, struttura (proteine e colloidi protettori), senza escludere la semi-aromaticità dell'uva che anche se ‘attenuato’ dalla doppia fermentazione, trasmette comunque un certo quid al vino spumante”.

Andiamo alle note di degustazione. Partiamo dal Brut. Bel giallo paglierino con nuances dorate, perlage d’impatto. All’olfatto emergono chiari sentori di lievito e crosta di pane, sullo sfondo piacevoli sensazioni di albicocca e zagara. Riesce a stare in equilibrio tra acidità e freschezza, è sapido il giusto e con una buona persistenza.

Il rosè ha le tonalità della buccia di cipolla, ma è più brillante. Petillant direbbero i francesi. I profumi sono più marcati rispetto al brut e qui percepiamo al posto dell’albicocca odori di frutta a bacca rossa. Al palato riesce ad essere contemporaneamente fresco e secco. Il retrogusto lascia un piacevole ricordo. 

Fra. S.

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner
Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Isidoro La Lumia, 98
90139 Palermo
tel. 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Roberto Chifari
Daniela Corso
Ilaria de Lillo
Lorella Di Giovanni
Alessandra Flavetta
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Stefania Giuffrè

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Giovanni Paternò
Geraldine Pedrotti
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Giorgio Romeo
Rosa Russo
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it