Banner
Banner
Banner
11
Gen

"L'Oro dei Nebrodi": così la famiglia Agostino ha scommesso sul Maialino Nero

on 11 Gennaio 2019. Pubblicato in Dove compro

di Stefania Petrotta

Diciamoci la verità, se siete appassionati di cibo è più facile che conosciate Mirto, il paese in provincia di Messina, non per il suo rinomato “Museo del costume e della moda siciliana” bensì per la macelleria e salumeria La Paisanella. 

D’altronde Sebastiano Agostino Ninone e la moglie Luisa hanno aperto la propria attività più di trent’anni fa, nel 1986. Ma la verità è che, sebbene la carne fresca sia di prima qualità, ciò che guida i gastronauti fino a loro sono i salumi, il cui fiore all’occhiello, il prosciutto crudo di maiale nero dei Nebrodi, riesce a fare concorrenza ai migliori crudi italiani ed è una valida alternativa a quelli più saporiti spagnoli. Ed è spinti dalla gola che ci ritroviamo a farci raccontare la storia da Luisa. In laboratorio da quando aveva 16 anni, è solo dopo il matrimonio con lei che Sebastiano decide di dare una svolta incrementando l’allevamento e creando un piccolo stabilimento per poche mezzene, ma lavorate con cura. Questa dell’alta qualità a discapito della quantità è infatti la filosofia che li accompagnerà sempre e farà la loro fortuna. In più, puntano tutto sulle spedizioni con le molte difficoltà dal punto di vista logistico e burocratico che ci sono tutt’oggi, ma che possiamo ben immaginare quanto fossero amplificate 20 anni or sono. “Pensate che sono dovuta andare un mese dal commercialista per imparare tutto – dice sorridendo – È stato impegnativo, ma se tornassimo indietro, rifaremmo tutto tal quale”.

Oggi vendono per lo più a negozi di alta qualità e a ristoranti, moltissimi dei quali stellati. Da 5-6 anni sono sul mercato in Francia, in Germania, nei Paesi Bassi e, con grande soddisfazione, in Spagna e stanno cominciando ad aggredire anche il mercato croato e quello australiano. Il tutto solo grazie al passaparola. “Siamo molto orgogliosi del lavoro fatto - continua - specie perché abbiamo creato un’economia in un paese che conta appena 900 abitanti. Il nostro è un allevamento di razze indigene, non solo suino nero. Ci specializziamo quando nel 1995 la Regione promuove un progetto per la valorizzazione del suino nero dei Nebrodi che rischiava l’estinzione a causa della crescita lenta e del rapporto massa grassa/muscolo. Questa razza ha infatti bisogno di circa 22-24 mesi per raggiungere la maturità arrivando ad un peso massimo della carcassa di un centinaio di chili. Inoltre presenta il 70% di massa grassa e il 30% di massa muscolare. Insomma, una razza poco conveniente”. Ed è proprio perché ritenuta “poco conveniente” che la razza ha rischiato addirittura l’estinzione. Oggi è a tutti noto che le carni hanno una buona ritenzione idrica e quindi risultano più succose e salutari mantenendo al proprio interno vitamine e sali minerali. Inoltre il grasso contiene il 40% circa di acidi grassi polinsaturi e di acido oleico, noto per i suoi effetti benefici a carico del sistema cardiovascolare grazie alle sue proprietà antiossidanti e alla capacità di regolare i livelli di colesterolo nel sangue. Ma ciò che ha fatto davvero la differenza è stata la lungimiranza con cui gli Agostino hanno deciso di gemellarsi con l’Università di Parma e la Stazione Sperimentale per l’Industria delle Conserve Alimentari di Parma attraverso un percorso che li vede affiancati durante il processo di lavorazione. “Ci dividiamo letteralmente le cosce – spiega Luisa – Per ogni animale macellato, noi ne prendiamo una e l’altra la mandiamo a loro. Lavoriamo quindi in simbiosi. La lavorazione è la stessa, siamo stati noi ad imparare da loro, ma qui la stagionatura avviene in cantine naturali (abbiamo l’unica cantina in pietra naturale con numero Cee in Sicilia) mentre le loro sono a temperatura e umidità controllate e questo fa la vera differenza: i profumi sono totalmente diversi”.

Il lavoro porta i suoi frutti: nel 2000 nasce il presidio del Suino Nero dei Nebrodi e il loro prosciutto crudo richiama l’attenzione di Slow Food perché non contiene nitriti e nitrati; nel 2011 Sebastiano vince il premio Best in Sicily come migliore macellaio. Oggi posseggono 1.000 capi e un bosco ma si appoggiano ad una quindicina di allevatori che lavorano secondo il loro disciplinare. Macellano ogni settimana e oltre al prosciutto crudo producono lonza, salame, salsiccia secca, lardo, guanciale, pancetta e un capocollo che nel 2014 è stato premiato dal Gambero Rosso. Con i coniugi Agostino lavorano la sorella di Sebastiano, Pina e i figli ventunenni di entrambi i fratelli. “Anche oggi non è facile - confida Luisa - Basti pensare che non possiamo fare arrivare un mezzo refrigerato fin qui perché ancora oggi la zona non è coperta dal servizio dei vari corrieri. Ma non ci abbattiamo. Crediamo che il mondo mediatico ci dia grande aiuto. Ecco perché partecipiamo ad un grosso numero di eventi e di fiere del settore. Dal 2000, ad esempio, siamo sempre presenti al Salone del Gusto e partecipiamo anche con la nostra provola, anch’essa Presidio. Vincenzo e Lorelay, mio figlio e mia nipote, è vero che sono entrati in azienda appena diplomati, ma sono due ragazzi che amano viaggiare e noi li appoggiamo in questo. Il viaggio è apertura mentale e l’apertura mentale è il campo più adatto per l’innovazione. E l'innovazione, per definizione, è il futuro".

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY