Banner
Banner
08
Apr

J come Jacopo: Biondi Santi presenta il suo primo rosato. "Buono, ma va perfezionato"

on 08 Aprile 2019. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - Vinitaly 2019


(Jacopo Biondi Santi)

di Alma Torretta

In anteprima al Vinitaly il primo rosato di Biondi Santi prodotto nella tenuta maremmana del Castello di Montepò, vicino Grosseto. 

Un vino che si chiama “J” come Jacopo, ma anche perché è un prodotto giovane che nasce per i giovani, fresco sia al gusto che nell’aspetto dell’etichetta. Il primo di una nuova linea che sarà supportata anche da una comunicazione altrettanto semplice e immediata. A presentarlo Jacopo Biondi Sandi, insieme alle nuove annate del Sassoalloro, la 2016, e dello Schidione, il 2015, i due vini di punta della Tenuta di Montepò. 


(I tre vini in degustazione)

Il nuovo rosato è un Sangiovese in purezza, del famoso clone “di famiglia” BBS 11 (Brunello Biondi Santi) dal grappolo più conico e serrato e dalla buccia spessa. Il 2018 è di colore carico, intenso con personalità al naso, con gradevoli sentori di ciliegia dolce all’assaggio. Ma si tratta di una prima annata di un vino ancora da definire con precisione: “il prossimo anno forse vendemmieremo prima, il colore sarà meno carico e il gusto più secco”  ha anticipato Biondi Sandi. E’ già molto buono anche quest’anno, ma al perfezionismo non c’è mai fine. 

Presente all’incontro stampa anche il figlio Tancredi, nato nel 1991, come il vino Sassalloro, la prima creazione di Jacopo al Castello di Montepò, sempre il clone di famiglia in purezza, affinato per 14 mesi in legno, un’annata un po’ più fresca della precedente, tutto giocato sull’eleganza e finezza che può esprimere il Sangiovese grosso in un terroir dove volutamente si è scelto di fare vini più immediati e dallo stile moderno. Eleganza che si coniuga con la potenza nello Schidione 2015, 40% di sangiovese BBS 11, 40% di cabernet sauvignon e 20% di merlot, 24 mesi di legno per un vino che, come ha spiegato lo stesso Jacopo Biondi Santi, nasce per avere una capacità d’invecchiamento tra il Brunello e il Sassoalloro, un vino in cui i tre vitigni componenti si completano in maniera perfetta. Tre vini, tre espressioni diverse di una famiglia gelosa custode della sua storia e dei suoi vini prodotti a Montalcino ma che è evidentemente molto innamorata pure della sua nuova casa in Maremma. 

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY