Banner
Banner
16
Lug

La Birra della Settimana - Cangrande del birrificio Mastino

on 16 Luglio 2017. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - La Birra della Settimana

 

di Andrea Camaschella

Il caldo, in pianura padana, si sta facendo sentire parecchio, e il caldo qui è umido, con rarissime piogge che anziché rinfrescare innalzano il tasso di umidità e quindi la temperatura percepita. 

In queste situazioni una birra di tanto in tanto è un toccasana per reidratarsi. Non è che si passi la giornata ubriachi, semplicemente una birra apporta una sensazione di benessere che la semplice acqua non dà ed è sicuramente è più sana dei vari prodotti a base di sali minerali (e altri ingredienti e composti chimici dai nomi impronunciabili), dagli improbabili colori, di produzione industriale. A essere del tutto onesti c’è però una birra in particolare che sta monopolizzando i miei boccali e sta diventando, anzi è diventata (con rincorsa lunga, visto che il caldo è arrivato molto prima della stagione ufficiale) una delle mie birre dell’estate e mi pare giusto raccontarvela.


(La cantina del Mastino)

La Cangrande è una birra di pregevole fattura, perfetto esempio della mano, delicata e felice, di Mauro Salaorni, il birraio del Mastino. Quello che stupisce, trovandosi in Italia, è l’aderenza allo stile: Cangrande è una Munich Helles e come tale è piuttosto limpida, giallo paglierino, con cappello di schiuma bianca e cremosa, decisamente persistente. I profumi sono decisamente guidati dal malto, con crosta di pane bianco e miele millefiori, poi qualche accenno dei luppoli, floreali ed erbacei. C’è anche una vaga nota di frutta bianca, probabile retaggio del lievito che, seppur a bassa fermentazione e di derivazione tedesca, lascia un flebile ricordo. Profumi delicati e invitanti.


(Christian Superbi, Andrea Camaschella e Mauro Salaorni)

La lunga lagerizzazione, ovvero il tempo a maturare al freddo, in tank orizzontali, sottolinea la pulizia e l’eleganza di questa birra anche all’assaggio: il dolce del malto è distintamente percepibile a inizio bevuta, ma a fine percorso la bocca è fresca, asciutta, per niente stanca, ma anzi pronta al sorso successivo. Il corpo perfettamente bilanciato, la secchezza sul finale che scopre una minima nota amara, tutto concorre a farne una birra da grandi bevute, come suggerisce anche il basso grado alcolico (4,8% Vol. Alc.). Una Helles come è difficile trovarne in Baviera, dove nacquero sul finire del XIX secolo, come risposta al dilagare della moda delle Pils boeme. Oggi sono birre, per lo più, senza carattere, tendenzialmente dolciastre e stancanti: Mastino reinterpreta e riporta lo stile ai suoi fasti migliori.


(Oreste e Mauro Salaorni)

Posso solo rilevare due “dissonanze”, la prima è il formato delle bottiglie, 33 cl sono davvero pochi, per questa birra. E si discosta molto dal nome che porta: Cangrande I della Scala, signore di Verona agli albori del XIV, non credo che usasse essere delicato ed elegante nel suo incedere da conquistatore, mentre portava i confini del suo regno alla massima espansione. Forse Lorenzo il Magnifico, noto anche come uomo di cultura (fu poeta e letterato) e mecenate, oltre che Signore di Firenze, starebbe fin meglio sull’etichetta di questa birra. Peccato non fosse di Verona, come invece è Birra Mastino, legato al territorio anzitutto dal nome del birrificio e delle birre, che richiamano la storia della dinastia scaligera e quindi della città. Anche la scelta della maggior parte delle birre e del lievito principale, a bassa fermentazione, richiama il passato locale, strettamente legato alla cultura mitteleuropea, che qui, durante l’epoca austroungarica, si fece sentire parecchio e di cui Mastino ha saputo preservare il meglio, rilanciandone la cultura brassicola.

Tutto questo grazie all’intera “crew” di Mastino, che oltre a Mauro comprende il fratello Oreste, che facilmente troverete a eventi e fiere, Alessandro Zaghi, “tumulato” in birrificio con Marco Pasqualetti a occuparsi della produzione e della logistica, e la persona che ha rilanciato il birrificio, dopo un inizio difficoltoso, Christian Superbi, che si occupa del commerciale e della burocrazia. Salute e lunga vita a Cangrande e alle altre birre di Mastino.

Rubrica a cura di Andrea Camaschella e Mauro Ricci

Birra Mastino
Vicolo Caduti del Lavoro, 6
37036 - San Martino B.A. – VR
Email: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
Sito Web: www.birramastino.it

Pizzeria la Fonte (la prima sede del birrificio, dove assaggiare le pizze di Oreste e bere – anche – birre Mastino)
Via Villa, 8
37030 Mezzane di Sotto VR
Tel: 045 888 0281
Mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
Aperto dal martedì alla domenica 18 – 2

 

 

 
Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette
Banner
Banner
Banner

Facebook Fan Box

Banner
Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Roberto Chifari
Daniela Corso
Ilaria de Lillo
Lorella Di Giovanni
Alessandra Flavetta

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Stefania Giuffrè

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Giovanni Paternò
Geraldine Pedrotti
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Giorgio Romeo
Rosa Russo
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it