Banner
Banner
22
Lug

Il Marchè des Enfants Rouges di Parigi: tra le viuzze i profumi e i sapori della Francia

on 22 Luglio 2015. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - La curiosità

da Parigi, Lorella Di Giovanni

Scampato al progetto urbanistico di Haussmann, che nell’Ottocento tagliò Parigi con grandi boulevard, il Marais meridionale si mostra al visitatore con il suo dedalo di stradine acciottolate e piazzette dove gli stravaganti atelier di stilisti e creativi, le numerose gallerie d’arte, i ricercati negozi di moda vintage e le boutique più cool si susseguono incastonati nelle vetrine di antichi negozi.

Nel quartiere si possono trovare e acquistare abiti innovativi o riciclati, borse come piccoli capolavori artigianali e merci solidali, ma anche tessuti stravaganti in materiali naturali, occhiali fatti a mano su misura, lampade e lampadari art nouveau, arredi anni cinquanta e ceramiche del dopoguerra. Non mancano poi i profumi impreziositi da inedite essenze e fragranze, venduti in veri atelier e in bar à parfums.

In questo esclusivo quartiere e precisamente nella rue de Bretagne al numero 39, dietro un vecchio cancello di ferro poco vistoso, si trova il Marchè des Enfants Rouges (aperto tutti i giorni tranne il lunedì, dalle ore 8,30 alle 13 e dalle 16 alle 19,30; la domenica dalle 8,30 alle 14). Nato nel 1615 sotto Luigi XIII per rifornire il quartiere del Marais, questo mercato coperto è stato riconosciuto monumento storico nel 1982 e restaurato negli anni ’90. Fu chiamato così in ricordo dei bambini dalla divisa rossa ospitati in un orfanotrofio che un tempo si trovava poco distante.
Luogo magico, mosaico di culture e spazio associativo e conviviale, il Marchè è frequentato soprattutto dagli abitanti del luogo (tra cui ebrei, cristiani, musulmani e gay), mentre nel fine settimana sono numerosi i turisti.

Varcata la soglia del cancello, il mercato – con i suoi stretti corridoi interni e le ariose stradine perimetrali, i banchi fissi e i piccoli ristoranti, i suoni e i rumori, i profumi e gli odori, i fumi di cucina e le fiamme dei fornelli, i colori delle merci e le luci del grande lucernario, i venditori e la folla di avventori, la varietà di frutta e verdura, l’abbondanza di pietanze e di preparazioni gastronomiche, l’assortimento in formaggi caprini, erborinati, a pasta molle e dura e la variopinta moltitudine di specie ittiche – accoglie il visitatore proiettandolo in una piacevolissima dimensione sinestetica.   

Acquistando il cibo tra i banconi attrezzati con utensili, padelle e fornelli a vista, si può consumarlo nei variopinti tavoli pubblici posti alla fine del mercato oppure nei numerosi ristorantini, dove i piatti delle cucine giapponese, libanese, marocchina, francese e anche italiana si mischiano insieme in una sinfonia di odori, colori e sapori, creando un’atmosfera unica.

Infine, sempre nel Marais e al di fuori dei percorsi turistici più battuti, e precisamente al 168 di rue St-Martin c’è un ritrovo di tendenza, il Cafè La Fusée. Tra arredi e oggetti vintage illuminati da lampadine colorate, in questo caffè si può fare una piacevole sosta per gustare prelibati panini e fresche insalate dalla presentazione curata e dal sapore vivace e stuzzicante, magari dopo aver visitato il vicino Centre Pompidou.

Se poi al ritorno da Parigi si fa tappa all’Expo di Milano, si può visitare un altro straordinario mercato coperto simbolo della cultura alimentare francese che, in uno spazio di 3.592 metri quadrati, vuole contribuire a “Nutrire il Pianeta”. Si tratta del Pavillon France la cui volta interna, costruita in legno lamellare, è interamente ricoperta di derrate alimentari, prodotti tipici francesi, utensili da cucina e monitor con filmati mostranti soluzioni per “produrre di più e meglio con meno”.  

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Maria Casiere
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Daniela Corso
Ilaria de Lillo
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Giorgio Romeo
Rosa Russo
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY