Banner
Banner
04
Dic

Walter Massa premiato come imprenditore dell'anno 2016

on 04 Dicembre 2016. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - Il premio

La Camera di Commercio di Alessandria ha assegnato a Walter Massa il premio “Imprenditore dell’anno 2016”. 

Il premio viene attribuito ogni anno dalla Giunta dell’ente camerale ed è destinato a una personalità imprenditoriale le cui qualità si siano distinte per aver conseguito risultati particolarmente significativi, apportando un contributo allo sviluppo dell’intera economia provinciale. Il premio sarà consegnato lunedì 5 dicembre a palazzo del Monferrato, la sede che la Camera di Commercio ha dedicato alla promozione del territorio della provincia di Alessandria.

Walter Massa è uomo da sempre impegnato per cambiare il destino di questo territorio in cerca di identità, inserito come una cerniera tra province e regioni del Nord-ovest. Nato nel 1955 a Monleale, in provincia di Alessandria, da una famiglia agricola da oltre quattro generazioni, dopo aver frequentato la scuola di enologia ad Alba, ha iniziato a lavorare nell’azienda familiare fin dalla fine degli anni '70 collaborando con la famiglia nella produzione di “pesche di Volpedo” ed occupandosi degli allora 12 ettari di vigneto per traghettarli agli attuali 27, tutti nel suo comune di nascita, Monleale. Da sempre ha creduto nelle alte potenzialità qualitative della collina tortonese: negli anni Novanta ha trasmesso le sue certezze (potenzialità del territorio, barbera, croatina, e timorasso) ad un gruppo di giovani viticoltori del Tortonese, che unitariamente hanno paracadutato questo territorio, allora “cenerentola” del Piemonte, nel salotto buono del vino internazionale. La chiave della svolta da tutti riconosciuta, sta nelle prerogative qualitative dell’uva di timorasso.

Walter per primo lo sostiene, come per altro lo fanno i vignaioli tortonesi, tifosi alessandrini, la critica, ed il mercato. “Walter Massa – ha dichiarato il presidente della Camera di Commercio Gian Paolo Coscia – è il primo imprenditore agricolo a ricevere il premio istituito da oltre dieci anni dalla Camera di commercio. Credo sia un riconoscimento particolarmente meritato, perché davvero Massa è stato ed è tuttora un riferimento per il mondo della vitivinicoltura provinciale, ma è anche un testimone riconosciuto di rilievo nazionale che lavora per far conoscere e apprezzare i prodotti, i paesaggi, l’economia di tutto il nostro territorio. In lui vogliamo premiare l’azione e la personalità di un vero ambasciatore. Premiare l’impegno e i risultati di un’azienda ed i suoi 14 collaboratori vuol dire riconoscerne i meriti di crescita, frutto di un lungo percorso, intrapreso molto tempo prima di essere premiati. Sono queste le motivazioni che ancora una volta ci hanno guidato nell’individuare una delle aziende eccellenti della nostra provincia, che si distinguono per la propria storia e il proprio sguardo al futuro”.

“Per fare il vino come voglio io – ha dichiarato una volta a Oscar Farinetti, che lo ha inserito nel suo libro “Storie di coraggio” tra dodici grandi italiani del vino – c’è bisogno di tre cose. Una materiale, che è l’uva, e due che non si possono comprare: il tempo e il buon senso. Per tenere insieme una cosa materiale con due immateriali bisogna trovare il “punto di equilibrio sopra la follia”. Dopo la citazione di Vasco Rossi, che sovente abbina a quella di Erasmo da Rotterdam (“Il vino è il riflesso della mente”), Massa mette in fila i “numeri del cuore”: cinquantanove vendemmie (ha sessant’anni e ne ha fatte cinquantanove a tempo pieno). Ventisette ettari di vigna. Cinque le uve che coltiva: barbera, croatina, freisa, timorasso e moscato bianco. Quattro i cru in cui ha le vigne. Sei, i trattori, senza i quali non farebbe niente. Duemila gli ettari di vigna dei Colli Tortonesi (con la missione di aiutare il territorio a capire la sua vocazione e arrivare almeno a tremila). 120.000 le bottiglie vendute, un numero che non vuole modificare, per poter rimanere artigiano. Quattro le banche con cui ha debiti. Walter, come ha detto Farinetti, è un uomo “meravigliosamente fuori”, che ha sposato il suo bellissimo territorio e che da eretico qual era è diventato l’apripista di un settore e il riferimento di un agguerrito gruppo di produttori.

C.d.G.

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette
Banner
Banner
Banner

Facebook Fan Box

Banner
Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Roberto Chifari
Daniela Corso
Ilaria de Lillo
Lorella Di Giovanni
Alessandra Flavetta

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Stefania Giuffrè

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Giovanni Paternò
Geraldine Pedrotti
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Giorgio Romeo
Rosa Russo
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it