Banner
Banner
12
Mar

Frescobaldi presenta il suo nuovo Rosé: "Fatto dalle donne e dedicato a loro"

on 12 Marzo 2019. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - Il prodotto


(Nicola D'Afflitto e Lamberto Frescobaldi)

di Michele Pizzillo, Milano

Una delle grandi novità che caratterizzerà Vinitaly 2019, Frescobaldi, una delle più antiche e prestigiose aziende vinicole italiane, l’ha presentata a Milano. 

Si tratta di un seducente vino – anzi, grande vino – che il presidente della Marchesi Frescobaldi, Lamberto, ha definito frutto di “una vendemmia al femminile”. Per un rosé, come da tradizione, questa affermazione potrebbe anche essere ritenuta scontata. Non è così, perché la raccolta manuale delle uve è affidata alle mani sapienti di un team di sole donne, che cominciano a vendemmiare alle prime luci dell’alba. “Aurea Gran Rosé”, questo il nome del vino, però va oltre questo schema che, comunque, è encomiabile per la famiglia Frescobaldi perché da alle donne il ruolo che gli spetta, perché è un vino che nasce da un sapiente matrimonio tra vitigni di caratteri opposti: l’internazionale Syrah e l’autoctono Vermentino oltre ad essere la perfetta espressione dell’equilibrio tra il calore del sole, i terreni argillo calcarei dell’Ammiraglia – questo il nome della tenuta ubicata in Maremma, a 20 chilometri dal mare - le brezze marine, la cantina progettata dall’architetto Piero Sartogo, ritenuta simbolo di avanguardia, innovazione e modernità, ricorda una nave con la punta protesa verso il mare, l’esperienza e la cura delle persone con il tocco femminile che accompagna l’uva dalla vigna alla cantina in cui il presidente della Marchesi Frescobaldi vede “l’anima femminile e fiera della Maremma che ci offre un grandissimo vino destinato a scrivere un nuovo capitolo nella storia del rosé”.

E, sì. Perché, per arrivare ad “Aura Gran Rosé” 2017 – si tratta di un igt Toscana -, c’è una vendemmia, la 2016, imbottigliata e non messa in commercio (Lamberto Frescobaldi e l’enologo Nicola D’Afflitto con un veloce, reciproco sguardo, dicono “l’abbiamo bevuta noi, mettendo da parte qualche bottiglia da servire in occasione della presentazione ad un selezionato gruppo di esperti) come è avvenuto a Milano, in uno scenario indubbiamente romantico qual è Ceresio 7, ristorante panoramico circondato da una bella piscina. Ponderando l’affermazione “l’abbiamo bevuto tutto noi”, è possibile farsi l’idea che per arrivare ad Aurea 2017, il percorso è stato lungo e non facile, anche per trovare il punto di incontro tra uno snob internazionale (Syrah) e un timido autoctono non sempre valutato per quello che merita (Vermentino), oltre di colori diversi, estraendo la loro parte migliore; tant’è che D’Afflitto utilizza il Vermentino anche come decolorante del Syrah. Di quest’ultimo vino, D’Afflitto conserva un “vin de reserve” vinificato in bianco, affinato in barrique per 20 mesi che aggiunge struttura e piacevolezza al vino.


(Aurea Gran Rosé)

Conclusione? Un grande vino, unico, a cominciare dal colore rosa tuene con nuance brillanti di oro rosa che evidenzia alla degustazione, unitamente ad un bouquet intenso e di grande complessità, con raffinate note di frutta fresca e il gusto vellutato accompagnato da sentori dolci e speziati, unitamente ad una acidità esaltata anche dalle note minerali che fanno di Aurea Gran Rosé veramente un vino unico. E, il 2017 è ancora più unico, nel senso che è più strutturato e più completo rispetto al 2016 che pochi hanno la fortuna di poterlo degustare. Alla presentazione milanese, con una sorta di gioco delle parti, il presidente e l’enologo della Tenuta Ammiraglia, sono stati brillanti e felici di rispondere a tutte le domande dei giornalisti invitati alla degustazione, tranne nel numero di bottiglie prodotte: “Poche per soddisfare le richieste che ci arriveranno dalle migliori enoteche e dai più prestigiosi ristoranti” è stata la risposta univoca dei due artefici di questo capolavoro proposto nei formati 0,75 litri e in confezioni di legno magnum (1,5 litri) e doppio magnum (3 litri). Che sono anche dei coraggiosi nella scelta di puntare su un rosato, in una terra da sempre ritenuta vocata per produrre vini rossi. La presenza del Syrah nella Tenuta Ammiraglia era stata una scelta aziendale per avere disponibilità di un altro grande rosso. E, invece, si trovano sì con un grande vino, ma rosè, che è poi diventata emblema della tenuta.   Un bel risultato per un viticoltore che nel vino cerca l’essenza del territorio di produzione.

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY