Banner
Banner
15
Nov

A Roma si decide il futuro della Pernigotti: e i dipendenti distribuiscono cioccolatini

on 15 November 2018. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - Il caso


(ph Ansa)

È in corso il tavolo su Pernigotti al ministero dello Sviluppo economico, alla presenza del vicepremier e ministro, Luigi Di Maio. 

L'azienda, attraverso dei consulenti, ha ribadito la chiusura della stabilimento di Novi Ligure, in provincia di Alessandria, e il trasferimento della produzione in conto terzi, secondo fonti sindacali. I sindacati respingono la proposta perché abbasserebbe la qualità dei prodotti Pernigotti. Di Maio, sempre secondo i sindacati, avrebbe chiesto un confronto diretto con la multinazionale turca Toksoz, proprietaria dell'azienda e non presente al tavolo, e riferito che anche il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, è intenzionato a incontrarli. Gianduiotti e cioccolatini della Pernigotti sono al centro della protesta di una delegazione di 50 lavoratori, in presidio sotto al ministero dello Sviluppo economico contro la chiusura dell'azienda di Novi Ligure.

I manifestanti distribuiscono praline ai passanti scandendo "Lavoro! Lavoro!". "Noi siamo Pernigotti. Pernigotti è di Novi", si legge sui loro cartelli. A breve inizierà il tavolo tra le istituzioni, i sindacati e l'azienda con il vicepremier e ministro dello Sviluppo economico e del lavoro sulle prospettive della società dopo che il gruppo turco Toksoz, proprietario dell'azienda, ne ha annunciato la chiusura. A Novi ligure i lavoratori della Pernigotti sono oltre 250 tra dipendenti (cento), stagionali, interinali e altre tipologie.

"Lavoro alla Pernigotti da oltre 20 anni, - racconta una delle manifestanti - e continuo a mangiare tantissimi cioccolatini, non stancano mai. È per le capacità dei miei colleghi che hanno anche 30 anni di esperienza. Se Novi chiude, non saranno più così buoni". "Non c'è solo il problema dell'occupazione, che per noi è prioritario, ma c'è anche una truffa nei confronti dei consumatori che leggono Pernigotti 1860 e comprano cioccolato prodotto altrove", afferma il segretario generale della Uila Uil, Stefano Mantegazza.

C.d.G.

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY