Banner
Banner
13
Nov

Eataly, come Farinetti ha contribuito a migliorare l'immagine del cibo italiano nel mondo

on 13 November 2017. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - L'intervento

di Daniele Cernilli, Doctor Wine

Ho rapporti cordiali con Oscar Farinetti e con suo figlio Andrea, che si occupa della Borgogno. Dicendolo sento che quasi mi devo giustificare, perché da un po’ di tempo a questa parte sento discorsi polemici contro di lui e contro Eataly, e ce ne saranno anche contro Fico, la Fabbrica Italiana Contadina che aprirà a Bologna il prossimo 15 novembre.

Ora, Farinetti è uomo ricco e potente, però e proprio per quello, tra noi c’è un sano rispetto reciproco. Io non faccio parte dei suoi laudatores, nel senso che lo vedo raramente e raramente ci sentiamo, credo che neanche compri una copia della nostra Guida Essenziale, e se ce n’è qualcuna in qualche libreria di Eataly è accanto a tutte le altre e non è certo quella più spinta dai commessi, nonostante siano premiati ben sei fra i vini che Farinetti contribuisce a produrre. Le sue aziende vitivinicole non fanno pubblicità su DoctorWine, e solo alcune hanno partecipato agli eventi che organizziamo. Non c’è insomma un rapporto di do ut des anche se qualcuno potrebbe malevolmente ipotizzarlo. Non gli chiedo nulla e lui non chiede nulla a me. Ci siamo reciprocamente simpatici, stimo la sua capacità imprenditoriale e credo che lui mi ritenga bravo nel mio lavoro. Punto. Perciò posso parlare liberamente, senza remore di sorta. E proprio per questo posso dire che a me Eataly piace.

Sono un cliente normale e anonimo di quello di piazzale Ostiense a Roma, ho frequentato quello, davvero magnifico, di New York, andrò di sicuro a visitare Fico a Bologna. Acquisto soprattutto la carne della Granda, le paste all’uovo, ho scoperto da poco la nuova enoteca appena aperta. Compro e pago tutto, senza sconti di sorta. E non un euro mi verrà da quanto sto scrivendo. L’unica cosa che mi deprime è che per sostenere tutto questo devo specificare che non si tratta di un redazionale, che è il mio parere, basato sull’esperienza che ho avuto da cliente. Perché ormai la dietrologia impera, qualunque cosa si sostenga è frutto di chissà quali inconfessabili e oscuri interessi. Invece no. Almeno qui non è vero. E non riesco proprio a capire il perché di tante critiche.

Penso che la nascita dei tanti Eataly, in Italia e nel mondo, sia stato un fatto positivo, abbia contribuito a migliorare l’immagine del cibo italiano un po’ ovunque, e in alcuni casi abbia creato un’economia che non c’era. Lo dico da appassionato di cibo e di vino e anche da giornalista, che dovrebbe affrontare i temi con spirito critico, ma anche con serenità e senza preconcetti. Poi qualche problema ci sarà, forse i contratti di lavoro, che comunque rispettano, mi risulta, le leggi vigenti e gli accordi sindacali, potrebbero essere migliorati. Ma non bisogna fare l’errore di considerare Farinetti come un filantropo. Lui è un imprenditore, e per creare aziende sane i conti devono quadrare, sempre.
doctorwine.it

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette
Banner
Banner
Banner

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Maria Casiere
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Daniela Corso
Ilaria de Lillo
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Giorgio Romeo
Rosa Russo
Anna Sampino
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it