Banner
Banner
28
Ago

La cisgenica la via del futuro per produrre grandi vini con pochi trattamenti in vigna

on 28 Agosto 2017. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - L'intervento

di Daniele Cernilli, Doctor Wine

Ultimamente cito spesso Attilio Scienza e le sue esternazioni, ma trovo che siano particolarmente illuminanti sul futuro della viticoltura. 

Per chi non sapesse chi è, ricordo che ha avuto per anni la cattedra di Viticoltura a Milano, è stato preside dell’Istituto Edmund Mach di San Michele all’Adige e autore di molti libri di carattere sia scientifico che divulgativo. Il suo ambito di ricerca più recente, portato avanti proprio a San Michele, riguarda la cisgenetica, che consiste, attraverso la rimozione di alcuni geni sensibili, nella creazione di vitigni resistenti alla botrytis, innanzi tutto. Se consideriamo che i trattamenti antibotrytici rappresentano la maggioranza di quelli che vengono effettuati in vigna, con quei vitigni si eliminerebbe una percentuale impressionante di sostanze inquinanti.

E la viticoltura biologica? La biodinamica? Tutto inutile? No, dice Scienza, ma “la nascita dell'agricoltura è un atto di genetica. Già nel Neolitico l'uomo ha scelto piante e animali da allevare vantaggiosi per l'alimentazione. Filo conduttore delle innovazione è la paura; siamo la civiltà dell'angoscia, del Mille e non più Mille e quindi della finitezza del mondo. La viticoltura biodinamica e biologica, che sono per il mantenimento delle risorse naturali, nascono proprio da un sentimento di paura. Ma noi dobbiamo andare aldilà. La scelta del biologico non è convincente perché è una via senza uscita. Non ci possiamo accontentare di tornare nel passato, per poi non avere un futuro. Sarebbe come rattoppare la nave di Teseo".

Ma si tratterebbe di una sorta di Ogm sotto mentite spoglie? Neanche. L’Ogm prevede l’inserimento di geni non appartenenti alle specie che si modificano, la Cisgenica è come un’operazione preventiva, che toglie, non aggiunge. Se si scoprisse che eliminando un gene dal Dna umano potremmo diventare immuni al cancro, chi si opporrebbe? È un esempio estremo, e per ora del tutto ipotetico, certo, ma non fa pensare? Tornando alle nostre cose, se effettivamente, e senza stravolgimenti evidenti sulla qualità dei vini che poi verrebbero prodotti, si potessero abbattere delle percentuali imponenti di trattamenti in vigna, non sarebbe cosa buona e giusta?

Credo che questo sarà il dibattito che ci troveremo a fare nell’immediato futuro, vedremo di fronte a temi del genere quali saranno le posizioni che prenderanno, ad esempio, Slow Food o la Coldiretti o la Confagricoltura, oltre che il nostro Ministero e l’Unione Europea. Sarà, nel nostro mondo, un confronto fra scienza e ideologia, fra laici e chierici, fra il futuro e il rimpianto per un passato che, tra cambiamenti climatici e limitazione nell’uso di sostanze inquinanti, non potrà che rappresentare un ricordo, temo.

doctorwine.it

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette
Banner
Banner
Banner

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Maria Casiere
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Daniela Corso
Ilaria de Lillo
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Giorgio Romeo
Rosa Russo
Anna Sampino
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it