Banner
Banner
05
Lug

La morte dello chef stellato Narducci, un testimone: "L'investitore andava contromano"

on 05 Luglio 2018. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - Scenari


(Alessandro Narducci)

Emergono nuovi particolari inquietanti sulla morte dello chef stellato Alessandro Narducci (leggi questo articolo).

Fabio Feola, l'automobilista che a Roma ha travolto lo scooter dello chef Alessandro Narducci, stava guidando contromano. Il particolare emerge dal racconto di un nuovo testimone oculare. Feola, indagato per omicidio stradale, avrebbe quindi invaso con la sua auto, forse a causa di una distrazione, la corsia sulla quale viaggiava il giovane cuoco stellato e la sua amica Giulia Puleio, travolgendoli e uccidendoli entrambi. Secondo quanto riportato da Il Messaggero, il nuovo testimone oculare, un ciclista che stava percorrendo quel tratto di strada la notte fra il 21 e il 22 giugno, nei giorni scorsi avrebbe confermato i sospetti degli inquirenti e cioè che a causare la morte del giovane cuoco stellato e della sua amica Giulia Puleio sarebbe stata un'invasione di corsia della vettura guidata dal 30enne originario della provincia di Caserta, che rimane indagato per omicidio stradale plurimo.

La versione del ciclista è considerata abbastanza attendibile dalla Procura anche perché si sovrappone a un'altra testimonianza emersa nelle prime ore delle indagini, quella di un anziano residente, che per primo aveva raccontato ai vigili di aver visto l'auto di Feola transitare nella carreggiata opposta e travolgere frontalmente lo scooter guidato da Narducci. Il testimone oculare non è sicuro però che Narducci e Puleio indossassero, al momento dell'incidente, i rispettivi caschi ritrovati a decine di metri di distanza dal luogo dell'impatto. Questo fatto aveva sin da subito fatto sorgere il dubbio che i due giovani non avessero allacciato in maniera corretta i caschi prima di mettersi in moto.

La circostanza, comunque, non alleggerisce la posizione di Feola, che il 26 giugno si era recato spontaneamente dal pm Pietro Pollidori per chiarire la sua posizione: "Ho visto un'ombra e poi un boato. Non stavo correndo e non ho invaso la corsia", aveva detto il giovane revisore dei conti, spiegando di non aver effettuato alcuna manovra azzardata con la sua auto. E soprattutto di non essersi messo al volante ubriaco: "Avevo bevuto solo un bicchiere di vino". Il 30enne, ricoverato al policlinico Gemelli in codice rosso, non era stato sottoposto all'alcool test dai vigili urbani. Solo l'esame tossicologico, atteso nei prossimi giorni, potrà chiarire le sue reali condizioni nella notte dell'incidente.

C.d.G.

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Maria Casiere
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Daniela Corso
Ilaria de Lillo
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Giorgio Romeo
Rosa Russo
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY