Banner
Banner
13
Nov

"Il nuovo disciplinare è legittimo": il Consiglio di Stato dà ragione al Prosecco Doc

on 13 November 2017. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - Scenari

“Con grande soddisfazione apprendo che il Consiglio di Stato ha confermato l’assoluta correttezza della condotta degli organi sociali del Consorzio e la legittimità delle modifiche apportate al Disciplinare, predisposte sulla base di istanze provenienti dalla base associativa e approvate a larghissima maggioranza dall’assemblea dei soci”. 

Con queste parole il Presidente del Consorzio, Stefano Zanette, commenta la recente ordinanza del 18 settembre 2017 con la quale il Consiglio di Stato in sede cautelare ha confermato l’ordinanza del Tar Roma del maggio 2017, condividendo quanto già espresso dai Giudici Amministrativi di primo grado in ordine alla legittimità delle modifiche al disciplinare della Doc Prosecco approvate con Decreto del 7 dicembre 2016 dal Ministero delle Politiche Agricole e Forestali su proposta del Consorzio, rappresentato e assistito dagli avv.ti Diego Signor e Vittorio Titotto dello studio legale BM&A. La vertenza era nata dal ricorso di un singolo produttore che sosteneva la presenza di vari profili di illegittimità lungo l’intero procedimento conclusosi con l’approvazione ministeriale delle modifiche al disciplinare. In particolare lamentava la mancata introduzione, nello stesso disciplinare, dell’imbottigliamento con tappo a clip accanto alle altre metodologie consentite (tappo di sughero e tappo corona), a suo tempo ammesso solamente in via di deroga al disciplinare (deroga scaduta a luglio 2016). 

Il Consiglio di Stato, in accoglimento delle tesi difensive sostenute in giudizio dal Consorzio, ha ritenuto nell’ambito del giudizio cautelare legittime e meritevoli di favorevole considerazione le decisioni assunte dall’assemblea del Consorzio atte a determinare regole omogenee per il confezionamento del Prosecco Doc. Il Consiglio di Stato ha pertanto confermato l’ordinanza di primo grado del Tar Roma, che come detto, in accoglimento della posizione del Consorzio, aveva ritenuto non irragionevoli le modifiche apportate al disciplinare contestate dal ricorrente e legittimo il procedimento adottato, rigettando l’istanza proposta dal ricorrente volta ad ottenere la sospensione cautelare dell’efficacia delle modifiche da questo contestate. “Il Consorzio si pone come obiettivi primari la tutela e lo sviluppo del prestigio del prosecco Doc nel mondo - conclude Zanette - ritengo che il nuovo Disciplinare costituisca un passo importante per il perseguimento di questi obiettivi”.

C.d.G.

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette
Banner
Banner
Banner

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Maria Casiere
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Daniela Corso
Ilaria de Lillo
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Giorgio Romeo
Rosa Russo
Anna Sampino
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it