Banner
Banner
25
Lug

Il prossimo grande vino italiano è il Cirò? Così Wine Spectator racconta la Calabria

on 25 Luglio 2017. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - Scenari


(Vigneti a Cirò)

Cirò è la zona dove vorrei trasferirmi e vivere". 

Inizia con questa frase l'articolo di Robert Camuto pubblicato da Wine Spectator e che racconta della Calabria del vino, in particolare di questa zona che è il Cirò. Dove si trovano uliveti secolari e vigne a perdita d'occhio, principalmente di Gaglioppo. Le nuove generazioni dei vigneron della Calabria stanno lavorando e bene, per trasformare i vini di questa regione in vere eccellenze. E i risultati sono sotto gli occhi di tutti. Un fermento positivo che sta coinvolgendo vari produttori. Cirò racchiude oltre 5 mila ettari di vigneti, dove si producono principalmente bianchi, ma alcuni rossi interessanti a base Gaglioppo. Questa zona, fino a non molto tempo fa, era considerata una sorta di maxi cisterna che vendeva uve alle altre zone della Calabria o dove si producevano vini dozzinali. Oggi, grazie al lavoro di produttori come Librandi e Vincenzo Ippolito, la qualità è notevolmente aumentata. "La nostra idea era quella di puntare sulla qualità - dice a WS Gianluca Ippolito - per questo abbiamo dimezzato la nostra produzione. Qui a Cirò, siamo solo all'inizio".

Da queste parti si producono circa 50 etichette. E ci sono alcune produzioni artigianali molto interessanti. Come quella di Calabretta, 3 mila bottiglie in tutto. Una chicca da provare. I vini rossi Cirò possono essere facilmente abbinati ai piatti tipici della regione, tipicamente piccanti, perché sono molto astringenti e leggermente amari. La sfida dei produttori è quella di affinarli. Il Gaglippo è un'uva difficile da coltivare, perché ha bisogno di tanto sole e la vendemmia di solito avviene a metà ottobre. Ma qui i produttori non seguono un'unica linea di produzione: ognuno ha il suo metodo. C'è chi lascia l'uva di più sulla pianta, chi di più in cantina. "Ognuno ha il proprio sistema - dice Francesco Maria De Franco - L'unica cosa che puoi fare per ammorbidire i tannini è l'attesa". Il disciplinare della Doc Cirò prevede almeno due anni di affinamento prima del rilascio della Riserva. Ma i produttori prolungano per tre o quattro anni. E Cirò sta conquistando l'America. Visto che i vini di questa zona della Calabria sono sempre più presenti nelle carte dei vini dei ristoranti a stelle e strisce. 

C.d.G.

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette
Banner
Banner
Banner

Facebook Fan Box

Banner
Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Roberto Chifari
Daniela Corso
Ilaria de Lillo
Lorella Di Giovanni
Alessandra Flavetta

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Stefania Giuffrè

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Giovanni Paternò
Geraldine Pedrotti
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Giorgio Romeo
Rosa Russo
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it