Banner
Banner
20
Apr

Il 30 % degli scambi commerciali di vino sono spumanti: l'Italia ne esporta di più al mondo

on 20 Aprile 2017. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - Scenari

Il 30% degli scambi commerciali mondiali di vini sono classificati come spumanti e l'Italia muove il 15,4%, classificandosi il primo paese per volumi esportati di bollicine (355.110.000 bottiglie). 

I vini spumanti tricolori, su tutti il Prosecco Docg/Doc, trainano peraltro la crescita dell'export di vini italiani: dei 5,6 miliardi di euro di valore dell'export italiano nel 2016, infatti, circa 1 miliardo è appannaggio delle bollicine tricolori. I dati sono diffusi da Ovse, osservatorio economico dei vini effervescenti italiani guidato da Giampietro Comolli che sottolinea: "Se non ci fossero le bollicine il mercato del vino italiano si potrebbe definire statico". Il trend delle bollicine italiane - prosegue Comolli - è in crescita per il 12esimo anno consecutivo. Rispetto al 2015 si registra un +13% in volume e un +7,5% in fatturato. A fronte di un prezzo di spedizione quasi uguale al 2015, cresce enormemente il valore al consumo in quasi tutti i paesi. "Ottimo l' andamento dell'export - sottolinea Comolli - grazie soprattutto al Prosecco Docg/Doc che segna un +20% in totale".

L'export nazionale supera quota 355 milioni di bottiglie con Regno Unito, Stati Uniti e Germania che consumano circa 2/3 del totale, pari ad un fatturato al consumo di 3,2 miliardi di euro. Il Pianeta Prosecco Docg/Doc supera le 286 milioni di bottiglie per un fatturato al consumo pari a 2,4 miliardi di euro, a seguire l'Asti spumante con 47 milioni di bottiglie. Benissimo il metodo tradizionale a quota 3 milioni di bottiglie, con exploit del Franciacorta vicino a 2,2 milioni di bottiglie consumate nel 2016 soprattutto in Giappone e Gran Bretagna. "La crescita del valore al consumo - sottolinea Comolli - è il riscontro tangibile del riconoscimento qualità-identità da parte del consumatore estero per le bollicine italiane. Purtroppo il maggiore guadagno è in capo a distributori e venditori esteri. Bisogna reimpostare alcune azioni di vendita per consentire un maggiore ricavo al produttore". 


C.d.G.

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette
Banner
Banner
Banner

Facebook Fan Box

Banner
Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Roberto Chifari
Daniela Corso
Ilaria de Lillo
Lorella Di Giovanni
Alessandra Flavetta

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Stefania Giuffrè

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Giovanni Paternò
Geraldine Pedrotti
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Giorgio Romeo
Rosa Russo
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it