Banner
Banner
18
Mar

Il primo brindisi con il vino? 3 mila anni fa

on 18 Marzo 2017. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - Scenari

di Maria Giulia Franco

Un brindisi lungo tremila anni. E' da tanto tempo che in Friuli Venezia Giulia si pasteggia a base di vino. 

Lo ha scoperto una ricerca archeologica dell'Università di Udine. Tutto nasce dallo studio dei reperti del villaggio protostorico di Canale Anfora, nell'attuale circondario di Ca' Baredi, presso Terzo di Aquileia. Dall'analisi di alcuni cocci si sono riscontrate tracce di vino risalenti al secondo millennio avanti Cristo: è il più remoto caso di consumo emerso in Fvg e uno dei più antichi riscontrati nell' Italia settentrionale. Gli archeologi, riporta il quotidiano Il Piccolo diretto da Enzo d'Antona, dell' ateneo friulano lavorano da tempo nell'area di scavo di Canale Anfora, villaggio protostorico risalente all' età del bronzo, cioè a un periodo compreso fra 1.700 e 1.300 a.C. Ed è appunto nel corso di queste indagini che sono stati rinvenuti alcuni frammenti di ceramica, appartenenti a una tazza e a vari contenitori per il cibo, ritrovati ai margini di un focolare proveniente dal XIV-XIII secolo a.C. Il consumo di vino avveniva insomma attorno a una delle diverse strutture di questo tipo rinvenute a Ca' Baredi e collocate in spazi precisi dell' abitato, allo scopo di permettere la cottura e la preparazione dei cibi. All' epoca tale pratica non era infatti una questione privata, ma veniva svolta nell' ambito della comunità e in ambito comunitario potrebbe essere avvenuto il consumo della preziosa bevanda. Le analisi condotte sui campioni hanno consentito di riscontrare la presenza di residui di vino in ciò che rimaneva della tazza.

Il risultato è stato ottenuto grazie a sofisticati esami chimici e cromatografici, condotti da Alessandra Pecci dell' Università di Barcellona, che ha riconosciuto il vino fra una serie di residui organici presenti nelle pareti dei contenitori usati per la preparazione, la cottura e il consumo di cibi e liquidi. Secondo Elisabetta Borgna, direttrice scientifica degli scavi di Ca' Baredi e professore associato di Archeologia egea presso il dipartimento di Studi umanistici dell' ateneo friuliano, "un tempo si riteneva che il vino fosse arrivato insieme alla pratica del banchetto nella fase dei contatti tra greci ed etruschi nei primi secoli del I millennio a.C., ma oggi sappiamo che furono verosimilmente i Micenei, nella seconda metà del II millennio a.C., a far conoscere la coltivazione della vite e dell' olivo alle comunità italiane dell' Italia meridionale, da dove le conoscenze si sarebbero diffuse verso il Nord". Nell' opinione condivisa dagli studiosi, il vino fu introdotto in Italia durante l' età del bronzo dalle genti provenienti dall' Egeo, ma a colpire la studiosa è che la datazione del ritrovamento in Fvg contraddice l' idea che siano stati i romani a portare il vino da queste parti circa mille anni dopo l' arrivo della bevanda in Italia. "La scoperta di Ca' Baredi - sottolinea Borgna - rappresenta un tassello importantissimo nel quadro dei rapporti a lunga distanza tra regioni mediterranee e nord-adriatiche ben prima dell'arrivo dei romani nel II secolo a.C." Da chiarire infine se il vino consumato a Canale Anfora fosse prodotto localmente oppure giungesse lungo rotte commerciali. 

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette
Banner
Banner
Banner

Facebook Fan Box

Banner
Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Roberto Chifari
Daniela Corso
Ilaria de Lillo
Lorella Di Giovanni
Alessandra Flavetta

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Stefania Giuffrè

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Giovanni Paternò
Geraldine Pedrotti
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Giorgio Romeo
Rosa Russo
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it