Banner
Banner
09
Gen

Sommeliera e viticoltrice, per l'Accademia della Crusca si può: "Suona strano, ma va bene"

on 09 Gennaio 2017. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - Scenari

Sempre più donne consumano vino, e cresce in Italia la schiera delle produttrici e delle donne ai vertici di aziende vitivinicole. Resta però una barriera, quella linguistica e questo si verifica sia nella comprensione dei riti della degustazione dei nettari di Bacco, sia nel riconoscimento del ruolo professionale. 

Cecilia Robustelli, linguista dell'Università di Modena e Reggio Emilia nonché consulente del Miur e dell'Accademia della Crusca, in un recente incontro dell'Associazione delle Donne, ha sottolineato come "la lingua crei l'esistenza. Se non mi nomini non esisto"; per questo è importante la coniugazione di genere delle professioni di "sommeliera, viticoltrice …" anche quando suona strano. "Coniugare i nomi - ha precisato Robustelli - significa accettare il genere femminile in certe professioni. E dovremo abituarci in fretta".

Anche sul fronte delle consumatrici, le donne chiedono un nuovo linguaggio più informale e questo, come ha osservato la presidente delle Donne del Vino Donatella Cinelli Colombini, "ha rilevanza nel marketing del vino". Le donne, ha detto Robustelli, "amano ciò che conoscono, le relazioni familiari. Va perciò costruita una "amicizia" tra donne e vino. Dunque senza anglicismi né parole difficili. Serve immediatezza. Per le consumatrici le parole sono pietre; la regola è: se mi deludi non ti compro più".

E per conquistare nuove enoappassionate, secondo la psicologa Paola Pizza, "occorre valorizzare i significati simbolici associati al vino, come seduzione, gioco e felicità. Gli stessi valori sottesi alla moda. Oggi prevale il narcisismo, l'individualismo e quindi il tema identitario anche negli acquisti: consumo questo prodotto e quindi sono. Il lusso fa sentire vincitori nei confronti degli altri ma lo shopping insegue meno gli status symbol e più il lusso emozionale. Che - conclude la psicologa Pizza - è un lusso accessibile. Un lusso democratico che però fa sentire la donna una persona speciale".

C.d.G.

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette
Banner
Banner
Banner

Facebook Fan Box

Banner
Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Roberto Chifari
Daniela Corso
Ilaria de Lillo
Lorella Di Giovanni
Alessandra Flavetta

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Stefania Giuffrè

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Giovanni Paternò
Geraldine Pedrotti
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Giorgio Romeo
Rosa Russo
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it