Banner
Banner
27
Giu

Nino Barraco: "Giù le mani dal Grillo. Non facciamone una sorta di Pinot Grigio"

on 27 Giugno 2017. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - L'intervista

Il vignaiolo marsalese: sono contro l'obbligo di dichiararlo in etichetta solo se Doc Sicilia. Così viene tradita l'identità e la vocazione del mio territorio. E nel bicchiere questo vino non deve inseguire altre varietà


(Nino Barraco)

Incontriamo Nino Barraco per degustare i suoi vini. Ne parleremo a breve. Perché qui lo intervisteremo su altro. Il suo solito sorriso è un po' offuscato. Vuole discutere di Grillo, di questo vitigno che sta avendo una giusta attenzione, finalmente, da addetti ai lavori e consumatori. 

Attacca Barraco: "L'altro giorno mi chiama una mia amica produttrice e mi dice: come mai tutti descrivono il Grillo come se fosse un Pinot Grigio? Per come me lo hai fatto conoscere non lo riconosco più".

Ha ragione la tua amica?
"Il Grillo nasce dal punto di vista enologico e commerciale a Marsala e come sempre è stato un vitigno che si presta a una vinificazione ossidativa. E credo sia giusto mantenere una certa storicità e una certa vocazione ossidativa quanto meno nel terroir di Trapani e Marsala".

E invece cosa succede secondo te?
"Con il recente obbligo di poter dichiarare il vitigno Grillo in etichetta solo se il vino è Doc Sicilia non consentiamo più ai produttori di questa parte della Sicilia Occidentale di valorizzarlo in questo territorio cancellandone anche una certa storicità e vocazione".

Nessuno vi impedisce di farne una versione ossidativa...
"È vero. Ma così, costringendomi a fare Doc Sicilia, la mia identità di vignaiolo marsalese è intaccata perché anche se volessi fare un Grillo con la Doc Sicilia, il mio modo di vinificarlo secondo la nostra tradizione non mi permetterebbe di avere il marchio Doc perché il disciplinare non contempla le versioni ossidative".

D'accordo. Ma non credi che il brand Sicilia sia molto più forte di quanto potreste fare a Marsala e Trapani?
"Forse. Ma il brand Grillo vi assicuro che è altrettanto forte. Tanto che adesso lo vogliono scrivere tutti in etichetta come una bandiera assieme all'altro vitigno importante che è il Nero d'Avola".

E quindi perché tanti dubbi?
"Le nuove regole non mi lasciano la possibilità di indicare il nome del vitigno in etichetta che per me è un fatto importantissimo. Sono costretto a fare la Doc Sicilia tradendo così un'identità che mi ricollega al mio territorio. Assieme ad altri marsalesi dobbiamo tirare fuori l'orgoglio del proprio territorio. Fare un Grillo nello stile ossidativo. Come è nella nostra storia. Fare un perpetuo pre-british, per esempio, ovvero senza uso di mistella, senza farne quindi un Marsala. Attenti, questi vini ossidati di cui parlo sono sempre più richiesti dal mercato. La mia esperienza di questi mesi e anni recenti mi porta a queste considerazioni. E sarebbe un errore tradire la nostra identità e la nostra storia".

Forse è troppo tardi per dissentire. Non credi?
"Se c'è la volontà di comunicare e collaborare i problemi si risolvono sempre. E allora dico: o creiamo una sorta di sottozona che tuteli il Grillo a prescindere dalla Doc Sicilia, o addirittura cambiamo nome a questo vitigno e lasciamo il Grillo solo alla provincia di Trapani. Fino a pochi anni fa nessuno se lo filava, ora in cinque-sei anni è scoppiato il putiferio. Chi è autorizzato a imbottigliare fuori dalla Sicilia lo potrà fare ancora, sfruttando il Grillo e inserendolo in etichetta purché sia Doc Sicilia. Ripeto: non va bene. Mi sta bene che tutta la Sicilia lo adotti. Ma vorrei che fosse tutelata anche la mia identità. Anzi lancio un appello alle aziende marsalesi e trapanesi per capire se è una esigenza mia o di tutto un territorio. Se qualcuno la pensa come me si faccia avanti".

La tua amica produttrice si lamentava delle vinificazioni. Cioé?
"Assaggio tanti Grillo. E noto che molte vinificazioni non sono guidate dalle caratteristiche del vitigno ma dal desiderio di inseguire altri modelli come quello del Pinot Grigio e di altri vini del Nord Est".

Ma un vino lo fa il mercato. Se piace così...
"Attenzione, così inseguiamo una moda e le mode pirima o poi sono destinate a finire e ci ritroveremo con un pugno di mosche in mano. Io faccio Grillo dal 2004 e devo tutto, come penso molti produttori della mia zona, a Marco De Bartoli. Il suo Grappoli del Grillo e il suo Vecchio Samperi hanno spianato una strada che già allora era moderna e visionaria. Questi due vini hanno radici antiche e sono modernissimi. È la nostra storia".

Ed il Grillo per te che caratteristiche deve avere?
"Al naso note intense di agrumi, ma anche sentori di cedro e mandorla. Ed anche nocciola tostata. Per me sono le note principali poi possiamo trovare talvolta anche fiori di zagara, ma queste tre note non devono mancare mai. Al palato mi piace sentire soprattutto la parte salmastra e talvolta salina. Oltre ad avere una struttura che non è mai banale. Altro che Pinot Grigio".

C.d.G.

Share

Commenti  

 
0 #1 stefano 2017-06-28 10:02 Si potrebbe ovviare al problema introducendo nella doc marsala un vino da vitigno grillo in purezza.
Cosi si potrebbero differenziare le produzioni.
Citazione
 
 
0 #2 GIUSEPPINA DE BARTOLI 2017-06-28 17:12 come non essere d'accordo con Nino.condivido pienamente. le solite doc e leggi del vino che non tengono conto del concetto di territorio, di storicità, di qualità e verità di produzione e andamento delle annate. si vuole standardizzare tutto, come sempre.il nostroGrappoli del Grillo,(che produciamo da dal 1991..) è stato più volte "bocciato" dalla doc, pur proveniendo da bassissime rese,vendemmie manuali,selezio ne su selezione dei grappoli,utiliz zo di soli lieviti indigeni e mille altre attenzioni .più Grillo di così è difficile.eppure… chi ha stabilito i parametri di questa doc?su cosa ci si basa?a chi giova tutto ciò?non certo alla qualità e alla garanzia per i consumatori, che rischiano di non poter leggere in etichetta con quale vitigno è stato prodotto un vino, se questo non passa i parametri di questa doc. per non parlare appunto che l'identità storica del Grillo per la produzione dei vini ossidativi e da invecchiamento verrà totalmente persa. meditate gente,meditate… Citazione
 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette
Banner
Banner
Banner

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Maria Casiere
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Daniela Corso
Ilaria de Lillo
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Giorgio Romeo
Rosa Russo
Anna Sampino
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it