Banner
Banner
15
Mar

Marco Nicolosi (Barone di Villagrande): "L'Etna sta vivendo una nuova primavera"

on 15 Marzo 2019. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - La degustazione


(Marco Nicolosi con la moglie e il figlio)

di Marco Sciarrini, Roma

Origini antiche quelle dell’azienda e famiglia siciliana Barone di Villagrande sull'Etna e che oggi, generazione dopo generazione, vive sul territorio da oltre trecento anni, e che vede Marco Nicolosi, laureato in viticoltura ed enologia, al suo timone. 

Il titolare ha l’onere e l’onore, con l’aiuto della moglie per la parte commerciale e del marketing, di portare avanti la produzione dei vini ”di famiglia”, e come dice lui “la mia famiglia si è affinata in 10 generazioni sull’Etna.”. Produzione che si aggira intorno alle settantamila bottiglie che provengono da circa venti ettari di vigneti che si estendono in un ampio anfiteatro etneo, che degrada verso sud, ad una quota compresa tra i 650 ed i 700 metri sul livello del mare. Il terreno, ovviamente, è di matrice vulcanica ricco di microelementi, tra cui ferro e rame e mediamente dotato di potassio, fosforo e magnesio. L’ubicazione dell’azienda e dei suoi vigneti a Milo in provincia di Catania per la produzione del Carricante risente sia della sua altezza che delle escursioni termiche che ne conseguono, ma anche della vicinanza del mare, della sua salinità, ma anche della luce che emana. Le temperature in questo versante sono fresche e piove dieci volte di più di qualsiasi altro posto della Sicilia.

L’Etna bianco superiore ha un’appellazione comunale, quello delle contrade che possono somigliare alle zone dei Grand Cru francesi. Gli altri vigneti che producono Nerello Mascalese sono nel versante nord del vulcano tipico per l’allevamento di questo vitigno insieme al Nerello Cappuccio. Dal 1989 l’azienda è Bio e aderisce ad un progetto di sostenibilità in cui riducono il loro impatto ambientale. Il loro motto, e lo dice con orgoglio Nicolosi, "conoscere per combattere e per controbilanciare", è un senso di responsabilità per il proprio territorio “per lasciare meglio ciò che abbiamo trovato”. La famiglia già dal 1968 aveva stilato un disciplinare di produzione, che poi è stato aggiornato. La storia dell’Etna, quella conosciuta, nasce negli anni 2000, ma uno dei momenti più interessanti è il 1888, quando l’Etna era tutto coltivato a vigneto. Si vendeva vino in Francia e in America, i vini venivano bevuti tal quali, a differenza di quanto avveniva per gli altri vini della Sicilia che erano destinati al taglio. Poi la Francia proclamò una specie di embargo e a seguire la fillossera e le due guerre mondiali hanno fatto sì che le popolazioni,  per l’elevato costo della manodopera, causato dalla maggiore cura che si doveva avere per i terreni così fatti e del tempo che ci si impiegava a lavorarli, ha spopolato il territorio, con conseguente abbandono delle coltivazioni.


(I vigneti)

Ora c’è una nuova primavera sul vulcano e non è una moda di passaggio. Per quanto riguarda la produzione sull’isola di Salina, la storia racconta che nel 1900 più di cento navi partivano per esportare la Malvasia tipica isolana e nessuno pensava mai che la fillossera sarebbe sbarcata sull’isola, ma dopo quindici anni quando fece capolino anche nelle isole arrivata dai pali di castagno, si pensò che mai si sarebbe potuto ripiantare. Il conseguente spopolamento avvenne in modo completamente diverso da tutti gli altri luoghi siciliani, perché, tanto era redditizia questa attività, e il prodotto era ben retribuito all’estero, che consentì un esodo non drammatico, chi espatriò lo fece “con il portafogli pieno” e gli consentì di  approdare in particolare in Australia e Canada facendo fortuna. Il Seminario di degustazione è stato condotto da Daniela Scrobogna docente della Fondazione Italiana Sommelier e dal titolare Marco Nicolosi, che è anche l’enologo.

Ecco l’elenco dei sette vini in degustazione:

Etna Rosato Doc 2018
Nerello Mascalese 90% Carricante 10%, impianto a Guyot, di colore buccia di cipolla, con sentori sentori floreali e fruttati lampone ciliegia e arancia sanguinella, al gusto entrata decisa ed elegante con una buona complessità di facile beva con finale di fragola. Acidità e salinità prolungata gli assi portanti

Etna Bianco Doc Superiore 2017
Annata delle migliori solo 2 pioggie nella stagione estiva una a luglio l’altra l’8 settembre, non c’era un’acino con la muffa ci racconta Nicolosi. Carricante 90% 10 % vitigni autoctoni etnei, impianti a Guyot 7.000 ceppi/ettaro, fermentazione in acciaio e imbottigliamento a 10 mesi dalla vendemmia, giallo paglierino, brillante, al naso sentori floreali e agrumate, al gusto spiccata acidità e mineralità che vira su incenso e cenere chiudendo con una nota fumè

Etna Bianco Doc Superiore Contrada Villagrande 2015
Carricante 90%, 10 % vitigni autoctoni etnei, fermentazione in botti di rovere da 500 litri. per 12 mesi e affinamento in bottiglia per un anno, giallo paglierino, luminoso e denso, al naso agrume, rosa, erbe aromatiche di macchia mediterranea, nota salina avvolgente, acidità e freschezza

Salina Bianco Igp Salina 2018
Due ettari di vigneto sopra il porto turistico di Santa Maria, 1.200 bottiglie, malvasia delle Lipari 40%, Catarratto e altri vitigni autoctoni 60%, solo acciaio, impianto a Guyot 7.500 ceppi/ettaro, giallo dorato, sentori floreali di zagara rosa bianca e poi macchia mediterranea e cappero per poi finire con sentori aromatici e salmastri come salvia e rosmarino, persistenza prolungata, con sentori agrumati

Etna Rosso Doc 2016
Annata piovosa, Nerello Mascalese 90%, Nerello cappuccio e Nerello mantellato 10%, fermentazione in acciaio per 6/10 giorni poi un anno in botti di castagno da 500 litri, di castagno perché stabilizza meglio il colore, colore rosso rubino, con sentori floreali di viola e di frutti di bosco seguiti da note erbacee tannico ma non aggressivo compensato da una spalla acida ed un frutto fresco e persistente, bilanciata acidità e sapidità

Etna Rosso Doc Contrada Villagrande 2014
Nerello mascalese 80%, nerello cappuccio 10%, nerello mantellato 10%, vinificato in acciaio  e affinato per due anni in botti di castagno e un altro anno in bottiglia, alla vista colore rosso rubino, intenso e brillante, al naso  note speziate  e balsamiche e di erbe aromatiche con sentori di violetta, prugna, incenso, rabarbaro e arancia rossa, al palato l’acidità tiene testa al tannino rivela eleganza ed equilibrio, frutta rossa, erba e spezie è lungo e persistente

Malvasia delle Lipari Doc Passito
Malvasia delle Lipari 95%, Corinto nero 5%, 2.500 bottiglie prodotte, impianti  Guyot 7.500 ceppi /E con resa 20 hl/ettaro, appassimento delle uve per 20/30 giorni  giorni e fermentazione in acciaio, imbottigliamento dopo dodici mesi dalla vendemmia. Colore dorato, denso e luminoso, al naso  sentori floreali, agrumi, erbe mediterranee, mirto, mandorla, al gusto grande eleganza sentori balsamici di agrumi e miele. 100g/lt di zucchero.

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY