Banner
Banner

Banner

05
Dic

Asti Secco Docg e Gorgonzola: il "matrimonio" si celebra a Milano

on 05 Dicembre 2017. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - La degustazione

Presentazione nel capoluogo lombardo per il nuovo arrivato in casa Duchessa Lia

di Michele Pizzillo, Milano

Anche l’Asti secco Docg Duchessa Lia arriva a Milano per la sua presentazione.

E la famiglia Capetta, proprietaria della cantina di Santo Stefano Belbo, ha coinvolto lo chef Francesco Passalacqua di Esco Bistro Mediterraneo, per abbinare la loro ultima novità ai pluripremiati formaggi di Arrigoni, con una preferenza per le due tipologie di Gorgonzola Dop, dolce e piccante. Un abbinamento eccellente per il debutto del nuovo vino che arricchisce l’offerta piemontese. Vino che nasce da una nuova modalità di vinificazione del vitigno Moscato Bianco, messa a punto dai tecnici di Duchessa Lia, in collaborazione con il laboratorio di ricerca del Consorzio di Tutela dell’Asti Docg e grazie a particolari condizioni di contatto con i lieviti, permette di ottenere una versione dry dell’Asti, un risultato originale e sorprendente con un quadro gustativo ed olfattivo equilibrato ed armonioso, dicono alla sede della Duchessa Lia. La nuova tecnica di vinificazione è stata studiata e sperimentata per anni e solo quando si è potuto raggiungere un livello qualitativo eccellente, e il disciplinare di produzione ne ha autorizzato la produzione, è nato il nuovo Asti secco Duchessa Lia. Che affianca altri due noti vini ottenuti dalle uve Moscato bianco: l’Asti Docg e il Moscato d’Asti Docg.
 
Il nuovo spumante, infatti, si caratterizza per un perlage fine e persistente e per il profumo fragrante e floreale, con sentori di tiglio e acacia; il colore va da paglierino a dorato tenue, profumi fruttati e di glicine e acacia, e sapore secco. Ha una gradazione di 10,5% e, il consiglio che danno i sommelier, è di servirlo a 6° C, per apprezzarne al meglio le sue qualità: ideale come aperitivo, si abbina a piatti di pesce, crostacei, formaggi freschi e salumi. Ma, il suo sapore delicatamente secco, può accompagnare l’intero pasto di quanti, una volta scelto il vino, preferiscono non cambiare. E’ difficile, al momento, quantificare il numero di bottiglie che si potranno vendere di questo nuovo spumante. Al Consorzio dicono che ci saranno più di 15 aziende che si dedicheranno anche alla produzione dell’Asti secco. E, quindi, appare abbastanza chiaro un futuro interessante per l’Asti secco. Creando, probabilmente, i presupposti per incrementare la produzione di Asti Dop e Moscato d’Asti Dop che interessa il territorio di 52 comuni, per un totale di 9.700 ettari di vigneti e un patrimonio di 80 milioni di bottiglie all’anno.   

I Capetta, con Duchessa Lia, hanno intanto iniziato il loro percorso nel mondo dell’Asti secco. Puntando, a quanto pare, ad una produzione certificata, visto che sono stati i primi in Piemonte - e tra le prime in Italia - ad aver ottenuto nel 2004 la Certificazione Ambientale Iso 14001 e successivamente la Iso 9001. Negli anni successivi si sono aggiunte ulteriori certificazioni che posizionano ai massimi livelli un sistema di qualità documentato: controllo di prodotti, processi, personale e condizioni ambientali dello stabilimento di Santo Stefano Belbo, dove la famiglia Capetta - fondatore dell’azienda è stato Francesco Capetta, nel 1923 - ha trasferito pure la produzione dell’azienda Duchessa Lia, fondata ad Asti intorno alla metà degli anni Settanta dalla famiglia Piccinino, dopo averla acquisita alla fine degli anni Novanta, focalizzando la produzione su vini e spumanti tipici del Piemonte. Sono stati i Piccinino, però, a dare il nome Duchessa Lia, probabilmente per omaggiare una ragazza di nome Lia che tutti avevano soprannominata “Duchessa” per il nobile aspetto.

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette
Banner
Banner
Banner

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Maria Casiere
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Daniela Corso
Ilaria de Lillo
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Giorgio Romeo
Rosa Russo
Anna Sampino
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it