Banner
Banner
19
Lug

Nei terreni confiscati alla mafia i vitigni sperimentali: le microvinificazioni di 9 varietà

on 19 Luglio 2017. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - La degustazione

L'Irvo ha presentato i risultati della vendemmia del 2016. Ci sono vini molto interessanti...

di Manuela Zanni

Nel settore vitivinicolo l’attività di ricerca e sperimentazione non finisce mai di sorprendere. Se da una parte, infatti, si assiste alla sempre crescente voglia da parte di enologi e produttori di migliorare i vitigni autoctoni più rappresentativi della nostra isola, quali Grillo e Nero d’Avola, solo per citarne alcuni, dall’altra c’è una altrettanto fervida attività che conduce gli addetti ai lavori ad investire tempo ed energia nella ricerca di vitigni autoctoni minori e nella sperimentazione dei vini da essi provenienti. I risultati? Davvero interessanti.

E’ stato proprio in nome della ricerca e sperimentazione che presso la Cantina sperimentale “G. Dalmasso” a Marsala, in provincia di Trapani, dell’Istituto vini e oli di Sicilia, si sono tenute due giornate di degustazione volte a divulgare agli operatori di settore i risultati dei primi “esperimenti” effettuati in alcuni vigneti sperimentali dell’Irvo. Si tratta di un interessante progetto realizzato dall’Irvo su alcune particelle del fondo “Verbumcaudo”, un vigneto sperimentale, nel territorio di Polizzi Generosa, nel cuore delle Madonie, in provincia di Palermo, confiscato alla mafia e assegnato al patrimonio della Regione Siciliana e intitolato a Placido Rizzotto, destinato a “Banca del germoplasma viticolo siciliano”, dove sono state  impiantate  più di trenta varietà di vite minori o in via di scomparsa, recuperate  dal Dipartimento Regionale dell’Agricoltura. Il vigneto è gestito con  la collaborazione della Cooperativa “Lavoro e non solo” che effettua le operazioni colturali necessarie alle piante.

La degustazione ha riguardato nove vini, di cui tre bianchi e sei rossi, provenienti da diverse varietà di vitigni autoctoni recuperati e oggetto di sperimentazione da parte dell’Irvo. Quasi tutti i vini degustati hanno evidenziato una piacevolezza al naso accompagnata da una buona godibilità del sorso facendo ipotizzare che in futuro le aziende potranno ampliare la loro offerta di vini provenienti da vitigni autoctoni siciliani. In particolare tra i bianchi si sono distinti il Nave e l Alzano. Mentre Anonima, Bracau, Prunesta, Racinedda tra i rossi. Sono stati, inoltre, degustati due vini rossi, dei quali il primo proveniente dal Merlese, un vitigno ottenuto dall’incrocio fra Sangiovese e Merlot e il secondo, e l’Ervi, ottenuto dall’ incrocio di Barbera e Croatina, che hanno entrambi evidenziato una spiccata personalità, una struttura e corpo eccellenti e una estrema persistenza ed eleganza al palato, facendoli diventare i preferiti dai presenti alla degustazione e    su cui puntare le maggiori aspettative. La degustazione è stata guidata dal dirigente dell’Irvo Antonio Sparacio coadiuvato dagli enologi Salvatore Sparla e Giacomo Alberto Manzo che hanno illustrato le caratteristiche organolettiche di ciascun vino ipotizzandone rosee prospettive future. E a giudicare i primi risultati ottenuti non possiamo che essere concordi.

“Si tratta di minivinificazioni fatte lo scorso anno – dice Vincenzo Cusumano, direttore dell’Irvo – Un’attività sperimentale che si sta concludendo a Marsala e che sta dando risultati importanti ed interessanti. Obiettivo è che questi vitigni possano interessare i produttori siciliani che, magari, in seguito, ne faranno blend destinati alla vendita”. 

 
Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette
Banner
Banner
Banner

Facebook Fan Box

Banner
Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Roberto Chifari
Daniela Corso
Ilaria de Lillo
Lorella Di Giovanni
Alessandra Flavetta

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Stefania Giuffrè

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Giovanni Paternò
Geraldine Pedrotti
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Giorgio Romeo
Rosa Russo
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it