Banner
Banner
02
Ott

Grandi artisti e super chef: a Roma la prima Biennale di arte e cibo

on 02 Ottobre 2018. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - L'iniziativa

di Marco Sciarrini, Roma

Un incontro tra artisti e grandi chef, uniti insieme per dare forma al gustio: a Roma, nel cuore di Trastevere nello spazio Wegil, all'interno dell’undicesima edizione di “Culinaria, il gusto dell’Identità”, è stata presentata la prima “Biennale di arte e cibo”.

La manifestazione patrocinata dalla Regione Lazio dall’Agenzia Arsial e Car, e organizzata dallo chef romano Francesco Pesce e Fabrizio Darini, ha richiamato nella Capitale il gotha dell’enogastronomia italiana e internazionale proponendo un percorso con omaggi degli artisti agli chef e viceversa. Opere e piatti, sul filo di suggestioni e ispirazioni reciproche, hanno dato vita a realizzazioni inedite e originali, con incontri, installazioni, video, foto: una mostra ispirata dai sapori d’arte e di cucina, ricca di contaminazioni, percorsi percettivi e degustazioni. L’evento ha voluto celebrare lo slancio creativo dell’arte, della cucina e la trasformazione della materia secondo processi che si basano su regole e conoscenze precise, ma anche sull’intuizione e sulla riflessione concettuale: fattori che accomunano la realizzazione delle opere d’arte a quella dei piatti dei grandi chef. Il percorso creativo, ha ruotato intorno a quattro filoni tematici che sono il risultato di 16 incontri tra chef italiani e internazionali con artisti di fama mondiale, i quali, confrontandosi gli uni con gli altri, hanno ideato espressioni artistiche che in modo del tutto spontaneo hanno fatto perno su l’elemento spirituale, la profondità del mare, la condivisione e l’interazione dell’opera con il pubblico. 

"La nuova edizione di Culinaria è un’installazione sempre in movimento, la cui ambizione è quella di rendere i visitatori partecipi dell’esperienza narrativa che si cela dietro la realizzazione di ogni opera di alta cucina e di produzione artistica - dicono Francesco Pesce e Fabrizio Darini , gli organizzatori dell'evento - Abbiamo l’obiettivo di lanciare uno sguardo sul futuro della gastronomia per anticiparne le possibili interazioni che, nei prossimi anni, si svilupperanno con le diverse espressioni artistiche. Roma, città che può contare su secoli di storia e cultura, è oggi un contenitore aperto a collettivi artistici dove la proposta di nuove sinergie può trovare terreno fertile. E lo spazio Wegil, con lo stile razionalista dell’ex palazzo Gil, dove è accolto, pienamente esaltato dal restauro col quale è stato reso di nuovo accessibile al pubblico, è una location dal forte impatto visivo perfetta per accogliere lo spirito di una mostra di arte e cucina”.

Sono otto le interazioni tra chef ed artisti:

Venere, Giuseppe Iannotti e Giuseppe Guanci



L’approccio concettuale della cucina di Giuseppe Iannotti del Krèsios di Telese Terme (Benevento,1 stella Michelin) e la ricerca sul concetto del vuoto su cui si fondano le tessoforme in filo metallico dell’artista Giuseppe Guanci, hanno trovato una sintesi nell’elaborazione comune dell’idea di bellezza tra Oriente e Occidente. Nella loro opera una «Venere» in filo di rame intrecciato viene coperta da una veste creata dallo chef con pelle di pollo impastata con riso e poi disidratata fino a farne una cialda condita con spezie. L’installazione è destinata a cambiare nel corso della manifestazione: mangiando la pelle di "Venere" il pubblico contribuirà a svelare, in un crescendo esperienziale, la bellezza della scultura.

Impact of the senses, Andrea Tortora e Pere Gifre
Il confronto tra il maestro dei lievitati d’autore, Andrea Tortora, alla guida della pasticceria del St. Hubertus (3 stelle Michelin) del Rosa Alpina Hotel & Spa di San Cassiano (Val Badia), e Pere Gifre, artista e ingegnere spagnolo con base a San Francisco (specializzato in progetti di scultura, scenografia, interior design e architettura industriale) è stato incentrato sul tema dell’acqua,concepita come veicolo e sfida. Il risultato è un’installazione "in movimento": attorno a una delle quattro sculture create da Gifre cresce durante la manifestazione il panetto di lievito madre "Carletto" dello chef Tortora.

Polluted humanity, Walter Musco e Francesca Romana Pinzari
I dolci di Walter Musco della pasticceria Bompiani di Roma – lui stesso ex gallerista e sperimentatore di contaminazioni con l’arte in linee di dessert ispirati alla pittura, alla scultura e al design – incontrano Francesca Romana Pinzari, artista che lavora con video, installazioni, scultura e pittura in opere polimateriche caratterizzate per l’utilizzo di elementi organici. Dalla loro creatività è nata l’installazione "Polluted humanity", un’opera che durante la kermesse cambia in maniera imprevedibile: il calco in cioccolato del volto dell’artista, realizzato da Musco, si scioglie progressivamente sotto il calore di una lampada, dando origine e spunto a nuove idee libere da paletti e limitazioni. Un video in time-lapse illustra ai visitatori i cambiamenti dell’opera con l’avanzare del tempo.

Aria di mare, Gianfranco Pascucci e Ria Lussi



Le creazioni artistiche di Ria Lussi e i piatti di Gianfranco Pascucci indagano le trasparenze e le sensazioni cromatiche degli ambienti marini, fondendosi e intrecciandosi in un rimando di colori ed evanescenze. Il blu è predominante nella creazione della Lussi «Aria di Mare», una composizione di quattro sculture in vetro soffiato di Murano ("Growing up", "Stella", "Coquillage" e "Nuage"). Lo stesso colore torna protagonista anche nei piatti di Gianfranco Pascucci, chef del ristorante al Porticciolo di Fiumicino (1 stella Michelin) in un richiamo cromatico evidente, ad esempio, nel piatto con gobbetti marinati su un brodo con vongole e uova di gobbetto. Il testimone "silenzioso" di questo dialogo è il fotografo Lido Vannucchi che attraverso i suoi scatti ha fuso, in un unico linguaggio, le creazioni dello chef e dell’artista.

"Ritratti rifiutati", Alessandro Baronio e Top Kitchen



L’artista Baronio presenta delle maschere realizzate utilizzando parti di oggetti che provengono dalla lavorazione delle cucine Top Kitchen: oggetti di fabbrica usati e materiali in eccesso permettono di descrivere le storie personali e quotidiane di ciascuno.

La macchina del tempo, Mauro Uliassi e Lorenzo Cicconi Massi
Dall’incontro tra il fotografo Lorenzo Cicconi Massi e lo chef Mauro Uliassi, del ristorante Uliassi di Senigallia (Ancona, 2 stelle Michelin), sono nati dieci scatti che raccontano un dialogo silenzioso tra lo chef e il mare.

Bondage vegetale, Thomas Duval



Il fotografo parigino Thomas Duval presenta per la prima volta in Italia le foto del progetto "Bondage vegetale", che indaga il rapporto con il mondo vegetale ispirandosi all’antica arte giapponese del bondage. Gli scatti ritraggono verdure – come peperoncini, frutti del drago o radicchi – poste su un fondo bianco, in un clima di sospensione, e legate con nodi bondage.

Finestra-minestra, Roy Caceres e Franco Losvizzero



L’opera è il frutto dell’unione tra lo spirito creativo di Roy Caceres, chef del ristorante Metamorfosi di Roma (1 stella Michelin), e quello di Franco Losvizzero, video-artista e maestro nelle sculture meccaniche. In un piatto posto su un tavolo elicoidale il ritratto dell’artista, realizzato in cera e resina, «galleggia» in un brodo che nasconde al suo interno semi destinati a germogliare nel corso della manifestazione. L’installazione diventa così una vera e propria opera in evoluzione. Caceres, con la sua creazione, propone un piatto stratificato: il cibo è celato da una superficie bianca che, una volta tagliata, svela la pietanza al suo interno riconducendo a una memoria profonda, lontana e sotterranea. Il volto di Losvizzero è raffigurato con dei piccoli "mostri" che escono dal naso, dalla fronte e dalla gola a testimoniare l’alterazione.

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY