Banner
Banner
28
Mag

Massimiliano Alajmo tristellato figlio d'arte: "Vi spiego il mio concetto di cucina fluida"

on 28 maggio 2018. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - L'iniziativa

LO CHEF DEL MESE - La nostra intervista allo chef patron del tre stelle Michelin le Calandre. I suoi esordi, il suo concetto di cucina, i suoi progetti futuri


(Massimiliano Alajmo - ph Lido Vannucchi)

di Annalucia Galeone

Introspettivo, ironico e romantico. Max Alajmo è lo chef del ristorante tristellato Le Calandre a Sarmeola di Rubano in provincia di Padova fondato nel 1981 dai genitori Erminio Alajmo e Rita Chimetto. Da oltre 10 anni è presente nella classifica dei "The World’s 50 Best Restaurants", la classifica dei 50 migliori ristoranti del mondo.

“Essere figlio d'arte non ha condizionato ma ispirato la mia scelta - afferma Max Alajmo - Quando avevo 5 anni, nel tempo libero, mi aggiravo nelle cucine dell’allora Aurora, seguendo mia madre e sognando un giorno di indossare la casacca e i pantaloni da cuoco. Anni fa, fu deciso di cambiare denominazione. Si scelse Calandre tra una quarantina di proposte di uno studio grafico. Calandra è il nome di un uccello migratorio che si trova nelle zone di Padova e rappresenta per questo un legame con il territorio. Ci piace scherzare dicendo che chi viene a mangiare al Le Calandre torna sempre come una calandra”. 


(Massimiliano Alajmo)

Alfredo Chiocchetti è stato il primo maestro di Max fuori dalle mura domestiche, aveva il locale Ja Navalge a Moena, a seguire ha lavorato da Marc Veyrat ad Annecy e per ultimo da Michel Guérard all'Eugénie les Bains. Tre posti differenti, tre grandi maestri che gli hanno dato punti di vista trasversali.


(Raf e Max Alajmo)

“La mia cucina è fluida, nel senso che si lega all’acqua in quanto portatrice di memoria nel suo percorso e forza rigenerante - dichiara Max Alajmo -. L’acqua trasforma le cose, dà la possibilità di rigenerarsi e di immergersi. In realtà ad esprimersi sono la materia e la sua personalità, noi siamo solo il mezzo che ne permette il disvelarsi, aiutando ad amplificare le sensazioni quali, ad esempio, leggerezza e profondità. La tradizione e l'innovazione sono strettamente connesse. L’una non esisterebbe senza l’altra. Sostengo il moto perpetuo della ricerca che ci porta ad avvicinarci ai punti esistenziali che da sempre interessano l’uomo. Ai giovani suggerisco di spegnere la televisione, lasciarsi appassionare dal proprio lavoro e credere nelle proprie intuizioni ”.


(La famiglia Alajmo al completo)

Il menù cambia ad ogni stagione. Le novità sono gli ingredienti. Il classico riporta i piatti a cui è maggiormente legato e costituiscono la prima chiave di lettura della sua arte. Max e Raf sono i percorsi con i quali si introducono le nuove preparazioni. “La nostra idea di sala è un ambiente accogliente nel quale si respira un’atmosfera che faccia sentire il cliente a proprio agio come fosse a casa propria - afferma Max Alajmo -. È stata riprogettata nel 2010 in modo che ogni elemento presente contribuisse a creare un percorso multisensoriale che si prolunga fino al momento della degustazione. Un piatto, inizia a vivere quando esce dalla cucina, la sala svolge un ruolo fondamentale divenendo uno degli elementi di cui si compone”.


(ph Lido Vannucchi)

I coperti sono 40. La mise en place non prevede la tovaglia così da poter permettere al commensale di esperire la sensazione tattile data dalle venature di un albero che ha più di 150 anni di storia e dal quale sono stati scolpiti tutti i tavoli. Piatti, bicchieri e posate sono frutto della collaborazione con Raffaele Alajmo e alcuni artigiani italiani. Ognuno ha il proprio peculiare e voluto segno distintivo che li rende dei pezzi unici. La carta dei vini è molto ampia. Le linee guida della selezione sono il target della clientela, estremamente eterogenea ma attenta ed esigente, la peculiarità delle portate e il gusto dei sommelier che cercano di dare voce anche a chi non ne ha, in particolare ai piccolissimi artigiani, italiani soprattutto. Ovviamente non mancano le etichette di riferimento, vedendole l'ospite si rassicura, sa di potersi rifugiare, poi spesso si affida e, di buon grado, accetta il suggerimento.


(Matteo Bernardi - ph Sergio Coimbra)

La famiglia Alajmo è un brand che detta il suo stile nella cucina italiana. Il gruppo è oggi guidato dai fratelli Raf, Max e Laura. Raf è Ceo e maître des lieux, Laura si occupa della pasticceria al Calandrino ed è il punto di congiunzione. I collaboratori sono circa 200 divisi tra 10 locali, ognuno ha una vita propria. A fine anno apriranno a Milano e Marrakech. Il sorriso, il gusto del bello e lo spirito collaborativo sono i requisiti di partenza per entrare a far parte del team. La formazione continua è curata dall'Alajmo Accademy.


(ph Lido Vannucchi)

"I miei fratelli rappresentano una forza e un punto di riferimento - ribadisce Max Alajmo. Sono proprio le diverse personalità a rendere possibile il perfetto funzionamento degli ingranaggi della complessa macchina”.

Le Calandre
via Liguria, 1 - Sarmeola di Rubano (Pd)
Tel. 049 630303
Prenotazioni: exploretock.com
Aperto il martedì solo a cena. Da mercoledì a sabato pranzo e cena
Ferie 25 e 26 dicembre e da dopo Capodanno fino a metà gennaio. Poi una ventina di giorni ad agosto.
Carte di credito: tutte
Parcheggio: sì

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Maria Casiere
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Daniela Corso
Ilaria de Lillo
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Giorgio Romeo
Rosa Russo
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY