Banner
Banner
28
Mar

A Palermo "Mangiare è cultura" - "'A Vucciria" di Sikulo e la finta sarda a beccafico

on 28 Marzo 2018. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - L'iniziativa


(Massimo Pomo, Davide Autovino, Danilo Lo Cicero, Mauro Pomo)

Pochi locali a Palermo hanno grinta da vendere come i titolari di Sikulo Bistrot. 

Prendere qui un caffé, mangiare a cena, farsi una pizza oppure un aperitivo, da lo stesso piacevole e impaziente sensazione di quando si programma una cena dagli amici più cari alla fine di una lunga giornata di lavoro. Trasversale a tutte le attività del locale (colazione, pranzo, cena, pizza) è la ricerca costante di prodotti di prima qualità, di ricette originali e di attenzione alle filiere produttive. Lo chef Davide Autovino propone per la nostra iniziativa "A Palermo mangiare è cultura", un piatto che non solo non si discosta dal concept del luogo, ma riesce a proiettare in chiave rivisitata luoghi colorati di Palermo che, secondo lo staff del ristorante, devono rinascere: i mercati. Sikulo Bistrot presenta quindi ‘A Vucciria, in cui il folcloristico sgombro si presenta nelle tradizionali vesti della sarda e diventa “a beccafico” e viene accompagnato con una caponata bianca, patate e arancia soffiata. Nel piatto esplodono i colori del quadro de La Vucciria di Guttuso che oltre a riportare le bancarelle di una volta, rende sinestesicamente il baccano euforico che caratterizzava lo spazio storico tra la Cala e Via Roma. Il mercato antico della Vucciria affiancava a legni, vetri e metalli gli ortaggi e i frutti più svariati che obbligatoriamente dovevano essere messi a disposizione dei clienti per l’assaggio. 

Gli ingredienti sono alcuni di quelli che accompagnavano le forme colorate di vetri, legni e metalli: pesci argentei, fave, arance e limoni, broccoli, tenerumi, zucchine. Il tutto unito dal filo conduttore del sapore autentico e deciso della Sicilia, quello che Sikulo Bistrot diligentemente ripropone. Il piatto però, pensato e proiettato nel passato, è anche e soprattutto sfida per il futuro. Come spiega lo chef Davide, si fa beffa di un’affermazione storica legata al mercato, fatta di una promessa o di un avvenimento che non si avvererà mai: “Quannu i balati ra Vucciria s’asciucanu”, che vuol dire "Quando la pavimentazione della Vucciria si asciugherà" e che allude alla scomparsa del mercato della Vucciria così come quella degli altri mercati storici palermitani. Diventa quindi auspicio, ovvero la speranza di una reale riqualificazione del mercato, perché diventi come allora “luogo di scambio”, casa di artigiani, artisti, venditori ambulanti. 


(Davide Autovino, Danilo Lo Cicero)

Ed è proprio l’idea di integrazione e accoglienza ad avere spinto il locale a perseguire un impegno un forte impegno umanitario: l’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (Unhcr) ha assegnato al Sikulo e ad altre due sole aziende siciliane, un riconoscimento per aver perseguito l’obiettivo, tramite l’assunzione beneficiarie, di inserimento di rifugiati nella società. Il Sikulo di Palermo, a piazza Diodoro Siculo (fine di via Terrasanta) è uno spazio dal carattere fortemente poliedrico che riesce comunque a non sottrarre attenzione a nessuna delle sue sfaccettature. Mauro e Massimo Pomo hanno creato un luogo intriso di ospitalità tipica siciliana che appare come teatro di semplicità e buongusto per qualsiasi tipo di occasione, sia per un caffè buono e veloce, un pranzo di lavoro o una prolungata cena con gli amici. 

Clarissa Iraci


Sikulo
piazza Diodoro Siculo, 2 - Palermo
091 342236

 
Share

Commenti  

 
0 #1 Maurilio 2018-04-01 12:27 Ho dovuto cercare il significato del vocabolo " sinestesicament e" : rende magnificamente l'idea. Andrò a verificare presto se anche per me si apriranno le immaginarie porte della nostra Vucciria Citazione
 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Maria Casiere
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Daniela Corso
Ilaria de Lillo
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Giorgio Romeo
Rosa Russo
Anna Sampino
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it