Banner
Banner
02
Mag

Langhe, Roero e Monferrato celebrano l'Unesco e rendono omaggio al Tokaji ungherese

on 02 maggio 2017. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - L'iniziativa

Sono diventati patrimonio Unesco nel 2014 e continuano ad affascinare i turisti, ma non solo. Si tratta dei paesaggi viticoli di Langhe e Roero (Cuneo) e Monferrato.

Per celebrarli, l'Enoteca Regionale Piemontese Cavour, che ha sede nel sito Unesco del castello di Grinzane Cavour, si è fatta da subito interprete di un'iniziativa annuale, volta a rimarcare l'importanza di questo riconoscimento, considerandolo non solo un prestigioso traguardo, ma soprattutto uno stimolo per una ripartenza verso nuovi obiettivi sul percorso della qualità. Pertanto, l'Omaggio "Langhe-Roero e Monferrato: onde di bellezza e geometrie coltive nei paesaggi e nei paesi del vino" non vuole essere solo un momento per festeggiare la storica ricorrenza, ma un modo per creare un evento culturale e, soprattutto, confrontarsi con altre importanti e significative realtà viticole del mondo. Appuntamento dunque al castello di Grinzane domenica 7 maggio a partire dalle ore 10,45. E questa edizione, la numero 4, vuole omaggiare la rinascita della viticoltura del Tokaj ungherese nella persona di Istvan Szepsy, vero eroe della nobile e antica civiltà della vite e del vino del Tokaj, quasi cancellata dalla dominazione sovietica e, proprio grazie a lui, rinata alla qualità e all’ambizione internazionale. Con Szepsy, saranno presenti Ferenc Koncz sindaco di Szerencs (cuore amministrativo ed economico del Tokaj) ed ex membro del Parlamento ungherese, e il giovane viticoltore Adam Varkoly, eletto miglior giovane enologo di Ungheria per il 2017.

L'evento continuerà anche quest'anno ad avere il suo obiettivo: quello di valorizzare il lavoro e gli artefici che stanno dietro alla bellezza viticola riconosciuta patrimonio dell’Umanità. Anche per stimolare fra i viticoltori il positivo sentimento dell’emulazione, utile per rafforzare la tensione verso il rispetto del paesaggio e verso il bello. L’anima della manifestazione sta pertanto nell’omaggio che annualmente viene fatto ai viticoltori che curano i più bei versanti collinari viticoli. E, insieme con i viticoltori, alle rispettive Amministrazioni comunali, per dare l’idea di una bellezza condivisa e frutto delle cure di più mani. Con un’ulteriore messaggio: un bel quadro esige un’altrettanto bella cornice. Ovvero: i paesaggi viticoli Unesco devono ragionare e operare insieme alla loro cornice collinare.

La prima edizione dell'Omaggio (2014) è stata dedicata a tutti i viticoltori di Langhe-Roero e Monferrato per sottolineare che il riconoscimento Unesco ha premiato una bellezza e una civiltà costruite nei secoli da generazioni e generazioni di viticoltori e contadini. La seconda edizione  (2015) ha voluto ancora insistere sui valori della civiltà vitivinicola di Langhe-Roero e Monferrato, andando a omaggiare i paesaggi viticoli argentini di Mendoza, costruiti dai nostri antenati emigrati laggiù tra fine Ottocento e inizio Novecento. La terza edizione (2016) si è aperta al confronto con una delle più mature e prestigiose realtà vitivinicole del mondo: la Borgogna, anch'essa patrimonio Unesco con i suoi Climats. 

Inoltre, come di consueto, saranno premiati alcuni versanti collinari. Eccoli di seguito:

  • Barolo: Vigna Rionda di Serralunga d'Alba
  • Barbaresco: Roncaglie di Barbaresco
  • Roero: Occhetti di Monteu Roero
  • Moscato: Sorì del Re di Mango
  • Doglianese: San Luigi di Dogliani
  • Monferrato: Cornalasca di Rosignano Monferrato; Gaggina di Montaldo Bormida
  • Tortonese: Strada Rampìna o Piasèra di Costa Vescovato e Villaromagnano

C.d.G.

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner
Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Roberto Chifari
Daniela Corso
Ilaria de Lillo
Lorella Di Giovanni
Alessandra Flavetta

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Stefania Giuffrè

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Giovanni Paternò
Geraldine Pedrotti
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Giorgio Romeo
Rosa Russo
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it