Banner
Banner
21
Feb

Cinquanta sfumature di rosa a New York: i rosati pugliesi alla conquista della Grande Mela

on 21 Febbraio 2017. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - L'iniziativa


(Francesco Liantonio, Lucia Nettis e Maurizio Forte)

di Alessia Davì

La Puglia sbarca in America e lo fa con un successo strepitoso che porta alla ribalta il variegato mondo dei rosati pugliesi. 

Sarebbero i giovani millennials, i nuovi influencer, che mangiano bio ma si definiscono digitali, che in campo enologico stanno sovvertendo i gusti del mercato americano ad avere puntato l'attenzione sui rosati pugliesi. Un'inversione di tendenza rispetto ai loro padri, che continuano a bere i vini di sempre, che oggi regala alla Puglia i primi tre importanti accordi commerciali con altrettanti grossi importatori americani. Al punto da aver ammaliato anche un top sommelier eclettico come Charlie Arturaola, considerato uno dei 10 migliori palati dell'American Sommelier Association, inventore anche della figura dell'attore sommelier.

I rosati piacciono sempre di più e hanno tutte le possibilità per sfondare nel mercato americano. Una rivalutazione confermata dall'ingresso dei rosati nella carta dei vini dei locali e dalle sempre più numerose degustazioni guidate organizzate nei ristoranti americani. Riflettori americani accesi dunque su questa tipologia enoica, sono stati infatti Jeff Porter, beverage director dei ristoranti di Joe Bastianich negli Stati Uniti ed Eric Guido, wine director del Marketing Morrel Wine Group, che durante la settimana americana, hanno sottolineato il crescente interesse verso il vino rosato da parte di tutti i consumatori, semplici winelover o esperti del settore.


(Charlie Arturaola e Lucia Nettis)

Verrebbe da dire cinquanta sfumature di rosa per raccontare il variegato mondo dei rosati pugliesi, un ventaglio di sfumature che corre dal grigio e dal rosa cipria, fino alle tonalità più intense del corallo scuro, che ha tutta la grinta e le caratteristiche per affermarsi prepotente e vigoroso sul grande mercato americano e non solo. Basti pensare che, se in Francia i rosati sono prodotti da 15 vitigni, per lo più internazionali, in Italia i vitigni autoctoni utilizzati sono oltre 550, con quasi 450 denominazioni diverse. “Anche in questo – commenta Lucia Nettis, presidente dell'associazione “Puglia in Rosè” - la Puglia ha un suo punto di forza strategico, con la varietà dei vitigni autoctoni: Bombino Nero, Nero di Troia, Primitivo, Negroamaro. Sia Porter che Guido sono convinti che il mercato americano sia pronto a ricevere i vini rosati pugliesi, ma anche di come la formazione del consumatore sia un punto fondamentale per il successo di questi vini in America”.

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner
Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Roberto Chifari
Daniela Corso
Ilaria de Lillo
Lorella Di Giovanni
Alessandra Flavetta

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Stefania Giuffrè

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Giovanni Paternò
Geraldine Pedrotti
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Giorgio Romeo
Rosa Russo
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it